logo cinque gusti

Direttore Marco Ilardi

Val D’Oca presenta le quattro “Cuvée Classiche”

Cuvee Classiche Val DOca low

Dopo la presentazione del nuovo logo a Vinitaly 2022, il portafoglio Val d’Oca ha iniziato un percorso che lo renderà protagonista di importanti cambiamenti. L’obiettivo è quello di strutturare un’offerta più efficace e focalizzata, in grado di esprimere al meglio l’identità, la competenza e i valori del marchio.

 

Ecco in arrivo le quattro “Cuvée Classiche”, che rappresentano il cuore del brand Val d’Oca e il ponte ideale tra passato e futuro del marchio.

 

Il “Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG Millesimato Extra Dry” è, da oltre trent’anni, un’etichetta “icona” del Prosecco di qualità nel canale Horeca.

Da qui nasce l’idea di declinare una linea di “Cuvée Classiche”, che aggiungono un forte impulso di modernità alla proposta Val d’Oca: esprimere le diverse personalità del Prosecco Superiore e tracciare uno stile preciso che sappia sempre evolvere rimanendo fedele a sé stesso.

 

Uno stile enologico portato avanti dal team di winemaker dell’azienda, in linea con la volontà di proporre un’idea di Prosecco “classica”, ma di aprirsi anche ai palati più contemporanei. Del resto si tratta di vere e proprie Cuvée in cui l’enologo mira a definire una cifra stilistica, sintesi di una precisa filosofia produttiva.

 

Così, dopo aver introdotto negli scorsi anni la versione Brut del più importante fra i prodotti in portafoglio, ora tocca alla novità rilevante della versione Extra Brut: il Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG Millesimato Extra Brut è la vera e propria gemma della collezione. Un Prosecco dal profilo pieno, complesso, gastronomico, sicuramente in grado di intercettare un pubblico sofisticato, abituato a bollicine prestigiose. Un prodotto su cui si è lavorato molto in cantina per spostare ulteriormente l’asticella dello standard qualitativo, una vera sfida.

 

La collezione si completa infine con un Rosé dal tocco deciso: il Prosecco Doc Rosé Millesimato Brut, espressione della più recente tipologia introdotta dalla denominazione DOC, si rivela vibrante ed elegante al sorso. Un rosé senza fronzoli, che va dritto al punto. Un rosé vestito da sera, che ha tutte le caratteristiche per stare a fianco dei precedenti DOCG.

 

Val D’Oca schiera così le sue quattro etichette con un’immagine compatta: la medesima elegante bottiglia nera satinata, con etichetta e capsula declinata in quattro colori diversi: oro ramato per l’Extra Dry, argento per il Brut, azzurro per il nuovo Extra Brut e rosa per il Rosé.

SIM ValDOca Campanella LR
SIM ValDOca Campanella LR
Valdobbiadene PS Extra Brut Millesimato LR
Valdobbiadene PS Extra Brut Millesimato LR

 

 

Le Cuvée Classiche sono per noi, allo stesso tempo, un segno di continuità con il percorso di Val d’Oca, e di forte cambiamento del brand. – commenta Alessandro Vella, Direttore Generale della Cantina Produttori di Valdobbiadene – Questo cambiamento doveva iniziare dal nostro prodotto più iconico, racchiuso nella bottiglia nera satinata. Così è stato. È una collezione a cui teniamo moltissimo, perché mantiene il legame con i nostri consumatori più fedeli e al tempo stesso apre al futuro del brand”.

Sulla bottiglia nera satinata, icona del brand per gli estimatori storici di Val D’Oca, il nuovo logo fa bella mostra di sé con il consueto grappolo, segno di continuità del marchio, ridisegnato oggi con un’immagine unica, inimitabile e fortemente identitaria, che nasce dalla stilizzazione della fase dell’allegagione, la trasformazione da fiore in frutto, il momento in cui in vigna ha inizio un nuovo ciclo di vita. È un inno alla materia prima nella sua primordiale espressione, che richiede la cura del dettaglio nel rispetto della creazione e della natura. Riassume anche il concetto di trasformazione del fiore in frutto, come dell’uva in vino. Un concetto quanto mai attuale per l’evoluzione che sta subendo il marchio.

Le Cuvée Classiche, come tutte le etichette a marchio Val D’Oca, nascono da uve Glera raccolte a mano in vigneti condotti nel rispetto dei principi dell’agricoltura integrata, certificati SQNPI.

digital food libro di marco ilardi
Leggi Digital food il nuovo libro di Marco Ilardi
come diventare cuoco professionista
Cerchi lavoro in cucina? Scopri le offerte lavorative per cuochi
ricetta carbonara cannavacciuolo marco ilardi e lino d' Angiò
Vi presentiamo Giovannino Caccavacciuolo e la sua ricetta segreta della carbonara guarda la videoricetta dello chef
libro marco ilardi
Digital Food il libro di Marco Ilardi
wine nft app mobile lista vini metaverso
Wine NFT la lista dei vini nel metaverso
Contenuti riservati a Cinque gusti