Fasi vinificazione: tutte le notizie

fasi-della-vinificazione

Fasi della vinificazione

La vinificazione e le sue fasi. I processi che portano ad ottenere il vino a partire dalle uve vendemmiate.

Gli estimatori di una buona bottiglia di vino sono sempre più numerosi, ma sono pochi quelli che in realtà conoscono con esattezza le fasi di lavorazione del vino e il lavoro, il procedimento complesso che c’è dietro. 

Come si ottiene il vino dall’uva? Le fasi della vinificazione, il momento in cui si avvia il processo di fermentazione alcolica e l’uva diventa effettivamente alcolica, sono diverse e naturalmente sono precedute dal processo di coltivazione dell’uva che è il primo passo indispensabile per la produzione del vino. Il passo successivo è la vendemmia, la raccolta dell’uva delle vigne, cui segue la pigiatura che veniva fatta tradizionalmente a mano. Seguono poi la vera e propria vinificazione, la svinatura e l’imbottigliamento.

Che cos’è la vinificazione 

La fermentazione o la vera e propria vinificazione è il processo attraverso cui gli zuccheri, vale e dire il fruttosio e il glucosio che sono presenti nei mosti, si trasformano in alcool e tutto grazie all’azione dell’alcool. 

La vinificazione in generale è il processo che riguarda la trasformazione del mosto in vino, dalla prima all’ultima fase: dopo che l’uva è stata vendemmiata e portata in cantina, comincia il vero e proprio processo di vinificazione. Quindi la vinificazione comprende tutte le fasi di lavorazione successive alla vendemmia fino all’immessone sul mercato. 

Le fasi della vinificazione 

La vendemmia consiste nella raccolta delle uve e rappresenta la prima fase del processo e ovviamente il grado di maturazione giusto dell’uva dipende dal vitigno e dal prodotto che si intende ottenere. Più a lungo l’uva resta sulla pianta, maggiore sarà il suo contenuto zuccherino, minore sarà la loro acidità. I vini bianchi invece richiedono una vendemmia precoce e i vini destinati all’invecchiamento, saranno sottoposi a vendemmia tardiva, la cosiddetta surmaturazione per la produzione di vini passiti. 

Dopo la raccolta delle uve con la vendemmia e la pigiatura, l’uva verrà portata i scantina e verrà trasformata in mosto attraverso io processo di fermentazione alcolica. Si tratta di un processo delicato da cui dipende la bontà del vino. 

Il mosto collocato nei catini andrà a fermentare per un periodo medio che va dai 7 ai 10 giorni. In questo lasso di tempo viene mese in atto un preciso processo biochimico, detto proprio fermentazione o vinificazione. Lo zucchero contenuto nel mosto in pratica comincerà a trasformarsi in alcol e anidride carbonica.

Nel caso della fermentazione di vini bianchi, il succo dell’uva sarà separato da raspi, dalle vinacce e i semi. 

La diraspatura degli acini, è importante perché i raspi sono ricchissimi di tannini e la loro presenza conferirebbe al vino un sapore troppo astringente. Con la pigiadiraspatrice è possibile ottimizzare i tempi prima di procedere con la fase successiva. La pigiatura è invece la fase della spremitura degli acini per separare la parte liquida dalla parte solida dell’uva con raspi, bucce, vinaccioli.

La pressatura consiste nella compressione dell’acino, per poterne estrarre il mosto rimanente dopo la pigiatura: si effettua pressando in modo “delicato”, ma senza rompere i semi o schiacciare i raspi se si vuole ottenere un vino di maggiore qualità oppure aumentato aumentando la pressione per ricavare il mosto più tannico, ma meno pregiato. 

La filtrazione e la centrifugazione sono operazioni necessarie per togliere torbidità al liquido ottenuto dalla pressatura.

Il mosto deve essere poi sottoposto a macerazione che dove avvenire in appositi contenitori collocati in ambienti a temperatura controllata che dovrebbe andare dai 21 ai 25 gradi centigradi. A distanza di 5 ore circa dalla pigiatura comincia la fase di fermentazione primaria, detta anche tumultuosa. È la fase in cui le sostanze zuccherine che si trovano nell’uva, (soprattutto glucosio e fruttosio), si trasformano in alcol, anidride carbonica e altri prodotti volatili. Questo è un passaggio centrale che va a definire con esattezza la natura stessa del vino. Se la fermentazione avviene a contatto con le bucce delle uve, proprio le uve rilasceranno i pigmenti che le compongono e regaleranno al mosto il tipico colore rosso. Acquisirà un colore rosato solo se le bucce resteranno a contatto cn le bucce per poche ore. In assenza di bucce si procede invece alla vinificazione in bianco. Nelle fasi della fermentazione, gli zuccheri vengono trasformati in alcool grazie all’azione di lieviti selezionati, che verranno aggiunti in fase di macerazione.  

Affinamento e maturazione del vino

Dopo la fermentazione, il vino viene estratto dai tini e viene separato dal residuo solido che si deposita sul fondo. Segue un periodo di assestamento, la fase dell’affinamento. Può essere condotto in recipienti inerti in acciaio, cemento, vetroresina, per un lasso di tempo che va da qualche settimana a qualche mese. 

Se esso viene condotto in recipienti di legno grandi, le botti, o piccoli, barriques e tonneaux, resta nelle botti per un periodo che va da pochi mesi a diversi anni e si entra nella fase di maturazione o invecchiamento del vino.

La fase dell’imbottigliamento il vino viene ancora travasato e filtrato e messo in bottiglia, praticamente imbottigliato. Il vino dovrà stabilizzarsi, fino a tre mesi prima di poter essere messo in commercio. È in questa ultima fase che sarà necessario verificare il contenuto alcolico, l’acidità totale e volatile e la limpidezza del vino. Infine la solfitazione consiste nell’aggiunta di solforosa al vino in maturazione svolge diverse funzioni tra cui quella antisettica per bloccare lo sviluppo della flora batterica che potrebbero compromettere la qualità del vino. 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email
come diventare cuoco professionista
Cerchi lavoro in cucina? Scopri le offerte
ricetta carbonara cannavacciuolo marco ilardi e lino d' Angiò
Vi presentiamo Giovannino Caccavacciuolo

Altre notizie dal mondo del food and beverage

Mandarino Miyagwa cinque gusti

Mandarino Miyagwa

Il Mandarino Satsuma Miyagwa è un frutto originario del Giappone importato in Italia già alla fine dell’800. Si tratta di un agrume che possiamo considerare

bottarga di muggine sarda

Bottarga di muggine sarda

Cos’è la bottarga di muggine sarda La bottarga di muggine sarda è un ingrediente utilizzato per la preparazione di molti piatti, una eccellenza della Sardegna

Come produrre aceto balsamico

Come produrre aceto balsamico

L’aceto balsamico Prima di capire come produrre aceto balsamico, vediamo prima di cosa stiamo parlando. L’aceto balsamico è un condimento molto particolare ed estremamente versatile

Pitahaya frutto de drago

Pitahaya – il frutto del drago

La pitahaya è il frutto di una pianta appartenente alla famiglia delle Cactacee. Più comunemente noto come Dragon Fruit e conosciuto per la scorza rossa

zibibbo di pizzo calabro cinque gusti

Lo Zibibbo di Pizzo Calabro

Che cos’è lo Zibibbo di Pizzo Calabro? Si tratta precisamente di un vino tipico del territorio, ricavato da un’uva antica e molto pregiata che nasce

Salsa Teriyaki cinque gusti

I segreti della salsa teriyaki

Che cos’è la salsa teriyaki La teriyaki è una salsa tradizionale della cucina giapponese che si utilizza per cucinare e condire piatti di diverso tipo,

la biga pizzeria come prepararla trucchi e segreti

Come preparare la biga

La Biga pizzeria contemporanea Oggi parliamo di un argomento molto interessante che suscita in molti Pizzaioli e Panificatori dubbi e discordie, ma suscita anche tanti