Ottocentodieci Ristorante tra la Campania e la Lomellina

ottocentodieci ristorante sannazzaro de burgondi

Ottocentodieci Ristorante riapre i battenti all’insegna delle novità

Sabato 22 maggio il ristorante ha finalmente riaccolto i propri clienti con una veste rinnovata e un nuovo menu firmato dallo chef Rigels Tepshi.
È finito il tempo delle attese per il Ristorante Ottocentodieci di Sannazzaro de’ Burgondi (PV), che sabato 22 maggio riapre nel dehors, dal giovedì al lunedì dalle 19 alle 22 e il sabato e la domenica anche a pranzo dalle 12 alle 14, con tante novità per gli ospiti.

“Abbiamo trasformato il periodo di chiusura in un’opportunità per rinnovare le sale del nostro locale e per studiare un nuovo menu”.

– ha dichiarato la General Manager di Ottocentodieci Ristorante Annalisa Magri –

“Confidiamo che entrambe le novità vengano accolte a braccia aperte dai nostri clienti, che non vediamo l’ora di ospitare in questa nuova veste”, dal primo giugno anche nelle nostre sale interne.

Nuova veste per Ottocentodieci

Il ristorante gastronomico Ottocentodieci è stato oggetto di recente ristrutturazione, proprio durante il periodo di chiusura forzata, a causa della pandemia.

Il restyling, curato dall’architetto Luca Drago, ha interessato sia la sala che la cucina ed ogni scelta è volta alla valorizzazione dell’esperienza gastronomica e all’accoglienza del cliente.

A livello di layout, gli ambienti dedicati alla preparazione dei piatti sono stati sensibilmente ingranditi, così da poter implementare la parte tecnologica e dare maggior spazio di lavoro alla brigata.

È stato creato un percorso caldo/freddo, indispensabile per rendere più agevole il servizio e sono stati rivisti gli spazi di contenimento e di stoccaggio della mise en place.
La proprietà, rappresentata dalla giovane Annalisa Magri, ha approfittato del periodo di chiusura forzata per prendersi il tempo necessario a mettere ordine:

“Da molto, sia io che lo chef, avevamo il desiderio di studiare una sala più funzionale, che rispecchiasse profondamente la filosofia del ristorante e che facesse sentire davvero a casa i nostri ospiti”.

L’ingresso alla sala è pensato come un grande sipario. Si aprono le tende, ci si accomoda al tavolo, ed inizia lo spettacolo. Per gli occhi e soprattutto per il palato.

A dominare, la tonalità del blu oltremare, arricchito di una nota grigia, intenso e profondo, che fa da quinta scenica a tutto ciò che succede in sala, trasmette calma e serenità e avvolge tutto, dalle pareti ai soffitti. Una scelta di carattere, forte e decisa. Come lo sono la proprietà e lo chef.
L’illuminazione gioca un ruolo fondamentale e tutto verte sull’impatto scenografico.

Se all’ingresso è la grande Discovery di Artemide (disegnata da Ernesto Gismondi), ad attirare l’attenzione, in sala sono i proiettori di Flos a guidare l’occhio.

Grazie al Tracking Magnet di ultima generazione, ogni flusso di luce è perfettamente calibrato, direzionato e dimmerabile, attraverso un sistema comandato tramite applicazione.

Tutto è perfettamente integrato per minimizzare l’impatto visivo. Tranne due elementi, che spiccano volutamente e vogliono farsi notare. Sono le Sampei di Davide Groppi, due steli che puntano verso il blu del “cielo” e illuminano dall’alto la mise en place.

Infine, ad arricchire il progetto illuminotecnico e a garantire un altro grado di libertà nella configurazione dello scenario luminoso, ci pensano le lampade Cocktail di Grok, posizionate su ogni tavolo.
“Tutta l’illuminazione è stata studiata affinché fosse possibile configurare vari scenari luminosi e avessimo il massimo grado di libertà di implementare il sistema con altri apparecchi e di spostarli facilmente con un solo gesto. Ci si sente un po’ come in una cabina di regia”, aggiunge Annalisa Magri, manager del Ristorante Ottocentodieci.
Portare avanti questa linea, ha reso possibile un’importante interazione, quella tra luce e cibo. Il fatto di poter comandare le accensioni e le intensità di ogni singolo corpo illuminante, infatti, permette di ricreare un effetto teatrale dove ogni spot punta nella direzione voluta. Così, quando necessario, un fascio di luce potrà accendersi su una determinata portata, lavorando sull’effetto sorpresa, appagando l’occhio ancor prima del gusto, accompagnando e valorizzando ogni piatto. D’altro canto, una regola sempre vera è che l’occhio guarda dove la luce punta.

“Sognavo di avere un ristorante con questo livello di eleganza, di ordine e di pulizia. Gli unici eccessi che ci siamo concessi sono le installazioni a parete. Ci piaceva l’idea di… esagerare in maniera controllata!”

, dichiara l’executive chef, Rigels Tepshi.
Se in sala va in scena principalmente il gusto, in cucina è il gesto tecnico a far da padrone. Proprio per dare la possibilità di osservare la brigata e lo chef all’opera, è stata realizzata una visiva che guarda direttamente sul passe.
“Mi piace quest’idea di trasparenza e che la gente possa guardare in cucina, capire quanto tempo è richiesto per preparare un piatto, vedere quante energie servono per un servizio. Penso che così le cose si apprezzino di più. Dal passe poi ho una vista privilegiata su tutti i tavoli, è un modo per me di rimanere in contatto con i clienti anche senza uscire dalla cucina”, sentenzia Rigels Tepshi.
Anche l’ambientazione sonora è stata oggetto di ridisegno.

L’impianto audio è stato infatti integrato all’interno delle nuove strutture, così da nasconderlo e garantire la massima uniformità in termini acustici. Per quanto riguarda la scelta delle sedute, si è puntato sul comfort e sulla qualità. Il modello scelto è Laja di Pedrali, un marchio che è ormai un must nella ristorazione. La versione è quella bicolor, grigio chiaro esternamente e giallo ocra per il guscio interno. Anche in questo caso, un piccolo accento è stato dato dalle gambe rosso fuoco di quattro sedute, che si fanno notare in mezzo alle altre color antracite.

Il tavolo centrale nero con effetto marmorizzato è l’elemento che fa da separazione tra le due sale, oltre che da appoggio durante il servizio.
Le tende azzurro cenere contribuiscono a ricreare quell’effetto teatrale ricercato fin dalle prime fasi del progetto. A parete, grande rilievo è stato dato ai quadri, fatti di pennellate intense e dirette, dell’artista napoletano Mattia Fiore, abile a riflettere, attraverso il colore, le emozioni che prova di fronte al mondo.

Le tele sono state posizionate su grandi pannelli semitrasparenti grigio fumè e impreziosite da vetri dai colori fluo che giocano con le tinte dei quadri, sovrapponendosi e generando nuove suggestioni cromatiche.

I NUOVI MENU DEGUSTAZIONE E LA CARTA

 

La cucina di Ottocentodieci Ristorante nasce dalla volontà di unire due terre distanti, come la Campania e la Lomellina, in un matrimonio di sapori netti e raffinati.

A contraddistinguere la mano dello chef Rigels Tepshi è lo stile unico nel combinare le due tradizioni con la sperimentazione, apprezzabile a mano libera nel menu degustazione Ottocentodieci.
La scelta di materie prime di altissima qualità è alla base di ogni menu, in cui pasta fresca e risotti occupano sempre un posto fisso, a voler certificare da un lato l’estrema ricerca in cucina e, dall’altro, l’attaccamento al territorio pavese, che ospita il ristorante.
La carta completa il ventaglio di scelte a disposizione, per poter permettere di entrare in contatto con la singolare cucina dello chef nella modalità che più si preferisce.

L’offerta gastronomica firmata dallo Chef Rigels Tepshi si rinnova e  si reinventa, pur mantenendo saldo il legame con la tradizione Lomellina, proposta nell’omonimo menu degustazione da 5 portate, e con quella campana, anima del percorso Ottocentodieci da 7.

“Nel corso degli anni, la mia cucina si è evoluta ma non ha mai snaturato la sua identità. Faccio riferimento ai punti ben saldi di Campania e Lomellina per proporre una cucina che sappia stare al passo con i tempi, e non immutata nelle sue vesti”

ha dichiarato lo chef Rigels Tepshi.

Se nel menu Lomellina è confermata la presenza dei punti di forza del ristorante risotto e pasta fresca, proposti rispettivamente in abbinamento a fave, portulaca, pomodoro confit, lime e nel formato dei garganelli, nel menu Ottocentodieci si conferma il desiderio di sperimentazione dello chef, che parte quasi sempre dalla tradizione campana per viaggiare, quando necessario, fuori dalla nazione. Esempi emblematici di questo percorso sono i piatti Pluma iberica, patate e cozze, noci di Sorrento, agretti e Sembra una caprese.
A massimizzare l’esperienza gustativa dei piatti ci pensano i due abbinamenti studiati dal sommelier Michael Douglas Ojeda Moran, raccontati al tavolo, di 4 e 6 calici di vino.

Completa la proposta gastronomica una carta più asciutta rispetto al passato e composta dai soli piatti del menu degustazione, fatta eccezione per alcune scelte come il secondo Ventresca di tonno rosso di Malta in oliocottura, piselli, zenzero e il dessert Cioccolato bianco, fragole, litchi.

LA NUOVA CARTA APERITIVI E LA RINNOVATA CARTA VINI

Il nuovo corso gastronomico di Ottocentodieci, che prevederà l’accoglienza dei clienti in un ambiente rinnovato, non potrà esulare da una grande novità anche in tema di abbinamenti. Per la prima volta nella storia del ristorante, infatti, ai clienti sarà consegnata anche una carta aperitivi, dalla quale si potrà scegliere un’etichetta fra Prosecco, Metodo Classico italiano, Champagne oppure il cocktail Mi-Na-To, un twist sul Milano-Torino con un’aggiunta in salsa partenopea. Accompagna la novità della carta aperitivi una rinnovata carta vini, aggiornata per l’occasione dal sommelier Michael Douglas Ojeda Moran con le parole chiave Lombardia, Campania, Piemonte, Francia e Sud America. La ricerca, che ha riguardato prettamente questi territori, ha avuto l’obiettivo di selezionare etichette che, più di altre, valorizzassero la naturalità dell’uva.

L’HOTEL E IL BISTROT

Se i clienti del ristorante potranno tornare ad animare le sale interne dal primo giugno, come da provvedimenti nazionali, al bistrot i clienti che soggiornano in hotel lo fanno già da tempo, per la deroga concessa proprio agli ospiti di alberghi, di consumare un pasto negli spazi interni della struttura durante un soggiorno nella stessa. Ai pasti gustati nella sala si accompagnano quelli nel dehors, serviti anche per gli ospiti esterni, dal lunedì al venerdì dalle 12 alle 14, nello stesso ambiente che accoglie i client del ristorante la sera e nel pranzo del weekend. Sembra possa trattarsi davvero dell’ultima grande ripartenza e lo staff di Ottocentodieci non poteva augurarsi di meglio.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Altri articoli

diana gourmet alassio

Il Diana Gourmet di Alassio

Il Diana Gourmet è il ristorante gastronomico dell’albergo Diana Grand Hotel. La firma del menu è quella dello chef Ivano Ricchebono, 1 stella Michelin, il

Cibo e ansia – nemici e amici

Il cibo e l’ansia sono strettamene correlati e il loro rapporto, in base a come decidiamo di gestirlo, può giovare al nostro organismo e alla

tutte le sfumature del vin brûlé

Vin Brulè

Vin Brulè che cosa è, dove si assaggia, come si fa? In inverno durante quelle giornate fredde e ventose in cui l’unico desiderio è riscaldarsi con

gambero rosso la storia

Gambero Rosso, la guida e la storia

Gambero rosso, come nasce la guida? Gambero Rosso S.p.a. è una casa editrice specializzata in enogastronomia, fondata il 16 dicembre 1986 dal giornalista Stefano Bonilli, come supplemento

dettaglio cibo fritto

Ricette friggitrice ad aria

  La friggitrice ad aria, o airfryer, è un’alternativa più salutare alla classica friggitrice e permette di usare poco olio, ottenendo cotture al forno, grigliate,

Il cibo che fa bene alla pelle

Il cibo non è solo quello che crediamo. Un solo chicco di caffè può condizionare il nostro umore, favorire determinate patologie o – al contrario

le botti in cantina

Le fasi del metodo classico

Il metodo classico, detto anche metodo tradizionale o metodo champenoise, è un sistema di spumantizzazione caratterizzato dal principio della rifermentazione in bottiglia. È un procedimento

Aglio – il miglior amico della memoria

L’aglio è un alimento immancabile nella cucina di ogni italiano, utilizzato in praticamente ogni ricetta, è il miglior amico dell’organismo per tantissimi fattori. Una delle

distese di vino chianti

Vino Chianti, zona di produzione

Vino Chianti, zona di produzione e storia L’origine del nome Chianti non è certa. Secondo alcune versioni potrebbe derivare dal termine latino clangor, ovvero rumore,