Ricette friggitrice ad aria

dettaglio cibo fritto

 

La friggitrice ad aria, o airfryer, è un’alternativa più salutare alla classica friggitrice e permette di usare poco olio, ottenendo cotture al forno, grigliate, arrosti. È possibile cuocere tutti gli alimenti, realizzando ricette dolci e salate, antipasti, primi, secondi e perfino dolci. Alcuni modelli di friggitrice ad aria consentono anche l’essiccazione di frutta e verdura.

Cos’è la friggitrice ad aria?

La friggitrice ad aria è un elettrodomestico contenente un cestello estraibile in cui inserire il cibo da cucinare e che consente di raggiungere temperature fino a 200°. La cottura viene definita “frittura-non-frittura” perché non arriva mai al punto di fumo, eliminando di fatto la tossicità degli alimenti fritti. L’aria calda circola nella camera della friggitrice ad aria e consente una cottura uniforme per le pietanze, senza sfruttare olio o burro.

Il grasso, ad esempio, durante la preparazione della carne, cola sul fondo della macchina, che in questo caso funge da forno a griglia. I modelli più avanzati di friggitrice ad aria consentono la diminuzione del grasso fino alla metà, senza alterare il gusto del cibo e lasciando i fritti leggeri e croccanti.

I modelli in commercio sono molti e hanno varie grandezze, per consentire un numero più o meno alto di porzioni (fino a 2, fino a 3, fino a 4 o più persone).

Perché scegliere la friggitrice ad aria

Il fritto piace un po’ a tutti, ma dal punto di vista nutrizionale è molto calorico, contiene grassi saturi ed è difficilmente digeribile. La friggitrice ad aria è un’alternativa più sana ed ecologica alla frittura classica e consente di non rinunciare al sapore, sfruttando il calore dell’aria. Presenta le caratteristiche di un piccolo forno elettrico ventilato, ma con la capacità di eliminare molta più umidità dai cibi, lasciando le pietanze croccanti. L’olio necessario per la cottura della friggitrice ad aria è di massimo un cucchiaio, in questo modo non si verifica una vera e propria frittura, perché il cibo viene circondato da aria molto calda e la cottura avviene mantenendo inalterate le proprietà nutrizionali.

I vantaggi della friggitrice ad aria sono molti, sebbene sia necessario valutare il consumo energetico della macchina e il costo per l’acquisto del prodotto, che risulta comunque abbastanza contenuto. La cosa interessante è dunque prima di tutto la cottura dei cibi, decisamente più salutare ed ecologica. Non vengono prodotti sporco e cattivi odori, l’olio non raggiunge il punto di tossicità e la pulizia della macchina è facile e veloce.

Ricette per tutti i gusti con la friggitrice ad aria

Sono molte le ricette adatte alla friggitrice ad aria, considerando che questa macchina può affrontare diversi tipi di cottura. Per quanto riguarda gli antipasti un esempio di preparazione, con un tempo di circa 5 minuti, sono i salatini di sfoglia: bastano un rotolo di pasta sfoglia, un uovo (facoltativo) e un wurstel (o altro ripieno). La friggitrice va preriscaldata per 3 minuti a 200°, mentre si taglia la sfoglia in 16 triangoli (a metà nei due versi, ottenendo 4 parti ridivise e poi i triangoli ancora a metà). Il wurstel viene tagliato in 4 parti fino a ottenere 16 pezzi anche qui, che andranno adagiati sulla parte larga di ogni triangolo, da arrotolare e sigillare in punta. I salatini vanno poi sistemati nel cestello della friggitrice, dopo averli spennellati, se si preferisce, con l’uovo sbattuto. La cottura iniziale sarà di circa 4 minuti, dopodiché i salatini devono essere scossi o girati con una pinza, facendoli poi cuocere per altri 2 minuti, sempre a 200°.

Un esempio di primo piatto è invece il risotto con vellutata di zucca: si prepara un soffritto di cipolla in cui poi si farà rosolare il riso, sfumato con vino bainco e cotto gradualmente con del brodo. A cottura quasi ultimata si aggiungono la vellutata di zucca, burro e formaggio grattugiato. Infine si imburra e cosparge di pangrattato una teglia da inserire nella friggitrice ad aria, si aggiunge il riso, si uniscono pangrattato e formaggio nuovamente sulla superficie e poi si avvia la gratinatura a 200°.

Un esempio di secondo sono le polpette di cavolfiore: dopo aver tagliato a pezzi il cavolfiore lessato e schiacciato con una forchetta, si aggiungono olive e acciughe in pezzi, parmigiano, pangrattato, farina, uovo e sale, Si amalgamano le polpettine e si passano nel pangrattato. Una volta pronte si inseriscono nella friggitrice ad aria, con un cucchiaino di olio, per una cottura di circa 25 minuti a 80°. Le polpettine vanno girate a metà cottura.

Concludiamo con una ricetta dolce: i muffin: si unisce il burro a temperatura ambiente con lo zucchero, creando un composto cremoso. Si aggiungono l’uovo e il latte, poi in una terrina si mescolano farina, bicarbonato, un pizzico di sale e il lievito in polvere vanigliato (o vanillina). Si uniscono tutti gli ingredienti insieme, mescolando bene e arricchendo il composto con mirtilli a piacere. I muffin vengono cotti in pirottini da forno o teglie in silicone. Bastano 15 minuti nella friggitrice ad aria a 180° e il menù è servito.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Altri articoli

diana gourmet alassio

Il Diana Gourmet di Alassio

Il Diana Gourmet è il ristorante gastronomico dell’albergo Diana Grand Hotel. La firma del menu è quella dello chef Ivano Ricchebono, 1 stella Michelin, il

Cibo e ansia – nemici e amici

Il cibo e l’ansia sono strettamene correlati e il loro rapporto, in base a come decidiamo di gestirlo, può giovare al nostro organismo e alla

tutte le sfumature del vin brûlé

Vin Brulè

Vin Brulè che cosa è, dove si assaggia, come si fa? In inverno durante quelle giornate fredde e ventose in cui l’unico desiderio è riscaldarsi con

gambero rosso la storia

Gambero Rosso, la guida e la storia

Gambero rosso, come nasce la guida? Gambero Rosso S.p.a. è una casa editrice specializzata in enogastronomia, fondata il 16 dicembre 1986 dal giornalista Stefano Bonilli, come supplemento

Il cibo che fa bene alla pelle

Il cibo non è solo quello che crediamo. Un solo chicco di caffè può condizionare il nostro umore, favorire determinate patologie o – al contrario

le botti in cantina

Le fasi del metodo classico

Il metodo classico, detto anche metodo tradizionale o metodo champenoise, è un sistema di spumantizzazione caratterizzato dal principio della rifermentazione in bottiglia. È un procedimento

Aglio – il miglior amico della memoria

L’aglio è un alimento immancabile nella cucina di ogni italiano, utilizzato in praticamente ogni ricetta, è il miglior amico dell’organismo per tantissimi fattori. Una delle

distese di vino chianti

Vino Chianti, zona di produzione

Vino Chianti, zona di produzione e storia L’origine del nome Chianti non è certa. Secondo alcune versioni potrebbe derivare dal termine latino clangor, ovvero rumore,