logo cinque gusti

Pitahaya – i frutti del drago tutto sul Dragon fruit

Pitahaya frutto del drago

La pitahaya è il frutto di una pianta appartenente alla famiglia delle Cactacee.

Più comunemente noto come Dragon Fruit e conosciuto per la scorza rossa e la polpa bianca cosparsa di piccoli semini neri.

Pochi sanno che, in realtà, esiste anche una pitahaya dalla scorza gialla, dalla consistenza e dagli utilizzi molto simili a quella rossa.

Si tratta di un frutto buono da solo ma anche come ingrediente per tantissime ricette.

Non è ancora molto diffuso in Italia, soprattutto perché qui non sono presenti coltivazioni e quello italiano non è il clima ideale per la crescita della sua pianta.

Nonostante ciò, il  frutto del drago appartiene a quella categoria di frutti esotici molto ricercata e apprezzata che può essere reperita in negozi alimentari specializzati.

La stagionalità della pitahaya

È un frutto che può essere raccolto dalle 4 alle 6 volte all’anno in base alle condizioni climatiche.

Sul territorio italiano non sono facilmente reperibili, proprio perché si tratta di un frutto che ha origine in America Centrale.

È facile reperirlo in negozi specializzati in frutti esotici.

Benefici

La pitahaya rossa ha ottime proprietà antiossidanti e secondo alcuni studi ridurrebbe anche i livelli di colesterolo nel sangue.

Si tratta di un frutto considerato Superfood perché condensa vitamina A, B, C e B1.

Inoltre, la pitahaya è:

  • Ricca di antiossidanti e micronutrienti
  • Capace di contrastare le malattie croniche tra cui il diabete
  • Aiuta a mantenere in salute il microbiota intestinale
  • Sostiene il sistema immunitario
  • Combatte l’anemia

 

Come mangiarla

frutti del drago pitaya
frutti del drago pitaya

La pitahaya presenta una polpa dal sapore fresco e leggero che può essere gustato dividendo in 2 il frutto ed estraendo la polpa a cucchiaiate.

Si può anche pelare la buccia e tagliare il frutto a fettine, ottimo se mixato con altri frutti per realizzare fresche macedonie.

Un altro ricorrente utilizzo della pitahaya è per realizzare frullati e smoothies proprio grazie al suo sapore fresco e delicato.

Ma non lasciarti ingannare troppo da questa delicatezza: ricorda che, nonostante i suoi benefici, si tratta di un frutto molto calorico e quindi sarà meglio consumarlo con parsimonia.

come diventare cuoco professionista
Cerchi lavoro in cucina? Scopri le offerte
ricetta carbonara cannavacciuolo marco ilardi e lino d' Angiò
Vi presentiamo Giovannino Caccavacciuolo e la sua ricetta segreta della carbonara