logo cinque gusti

Peperoncini sott’olio

peperoncini sott olio cinque gusti

I peperoncini sott’olio sono una tradizione 100% calabrese e un vero caposaldo della cucina tradizionale italiana.

Il gusto dei peperoncini sott’olio nasce più che altro per un’esigenza pratica di conservazione nata moltissimi anni fa. A questa tecnica di conservazione si aggiunge il gusto unico dei peperoncini che diventano una vera goduria e prelibatezza.

 

Come conservare i peperoncini sott’olio

Ciò di cui avrai bisogno per la conservazione è:

  • Vino bianco
  • Aceto
  • Sale fino
  • Olio EVO
  • Mezzo chilo di peperoncini

Lavare, pulire e asciugare con molta cura i peperoncini. I piccioli vanno tagliati dividendo a metà i peperoncini nel senso della lunghezza.

Vanno affettati e, se si preferisce, si può anche ridurli in pezzettini.

Il risultato va poi cosparso di sale, lasciato riposare coperto da un panno in microfibra per una decina di ore.

Passate le ore necessarie alla salatura, abbiate cura di strizzarli per eliminare l’acqua in eccesso e asciugarli nuovamente con cura.

Arrivati a questo i peperoncini si dispongono su una terrina e si ricoprono con l’aceto per avviare il processo di macerazione per almeno un quarto d’ora.

Al trascorrere del tempo necessario, strizzarli per bene perché dovranno essere completamente asciutti.

Quando saranno totalmente secchi e privi d’acqua, vanno ricoperti d’olio e lasciati riposare con il tappo appoggiato sopra al barattolo (che non va chiuso per permettere all’aria di risalire e fuoriuscire).

L’ultimo step è concluso: non resta che chiudere il barattolo (precedentemente ben sterilizzato) e conservare i barattoli in un luogo fresco e asciutto.

Ricordate, durante la consumazione dei peperoncini, di aggiungere a poco a poco l’olio quando lo vedrete diminuire. Per permettere una corretta conservazione è necessario che l’olio sia sempre abbondante.

 

Perché conservare i peperoncini sott’olio?

Le motivazioni sono principalmente due:

  • Per conservare a lungo gli ortaggi freschi presenti in abbondanza
  • Per ottenere un condimento gustoso anche per la pasta

Sarebbe un vero peccato non riuscire a consumare tutte le verdure fresche e lasciarle appassire inutilmente. Ecco che possiamo avvalerci di una delle tecniche di conservazione più antiche ed efficaci per non sprecare il nostro cibo.

Inoltre, è un ottimo modo per ottenere del gustosissimo olio aromatizzato per dare gusto alla pasta o ad altre pietanze di cui vogliamo arricchire il sapore.

 

Potrebbe interessarti anche: marmellata di peperoncino

come diventare cuoco professionista
Cerchi lavoro in cucina? Scopri le offerte
ricetta carbonara cannavacciuolo marco ilardi e lino d' Angiò
Vi presentiamo Giovannino Caccavacciuolo e la sua ricetta segreta della carbonara