Le ciliegie: il frutto rosso dell’estate

Le ciliegie, alla stregua delle fragole, sono uno dei frutti più amati da grandi e piccoli: tutti aspettano l’estate per poter portare nelle proprie tavole queste piccole gemme rosse.

 

Cenni storici

La sua pianta, il ciliegio, si diffuse inizialmente in Asia minore, fino ad arrivare in Egitto nel settimo secolo a.C., e successivamente in Grecia quattro secoli più tardi.

La leggenda narra che le ciliegie siano arrivate in Italia grazie al generale Lucullo, di ritorno dalla Cappadocia; ma è solo nel Cinquecento che si hanno testimonianze della coltivazione di questa pianta, e dell’arrivo dei suoi frutti sulle tavole italiane.

 

Tipi di ciliegie

Le ciliegie vengono coltivate quasi in tutto il mondo ormai, ma qui vi elencherò le tipologie più famose di ciliegie italiane:

  • Vignola IGP: ciliegia modenese, piccola, succosa e dalla polpa tenera.
  • Marostica IGP: della provincia di Vicenza, soda, tonda e molto dolce.
  • Dell’Etna DOP: ciliegia rosso brillante, croccante, dal sapore dolce.
  • Di Pistoia: dal colore rosso scuro intenso, è dolce, croccante e saporita.
  • Graffione bianco: varietà piemontese che si caratterizza per il suo colore giallo pallido, ha un retrogusto amaro.
  • Di Vari: ciliegia toscana, molto piccola, dal colore rosso brillante e particolarmente dolce.
  • Ciliegia arecca: è una ciliegia tipica della zona di Marano, in Campania, dal colore rosa pallido.
  • Dii Castelbianco: si contraddistingue per il suo colore rosso pallido, è molto croccante e dolce.

Queste sono solo alcune delle circa venti varietà di ciliegie presenti sul mercato italiano.

 

 

Benefici delle ciliegie

Le ciliegie hanno al loro interno i più disparati micronutrienti, anche se in quantità abbastanza moderate rispetto al nostro fabbisogno: tra i più importanti la vitamina C, il magnesio e il potassio.

Le ciliegie hanno importanti azioni antinfiammatorie e antiossidanti, importantissime per prevenire disturbi cardiovascolari, diabete, artrite e invecchiamento cutaneo.

Essendo composte da un’alta percentuale di acqua sono alimenti molto idratanti e dalla funzione diuretica ed hanno in esse sostanze che favoriscono molto il sonno.

 

Controindicazioni.

Anche se si tratta di un frutto, è bene non esagerare: le ciliegie possono provocare coliche e disturbi intestinali, e per chi ce l’ha, aggravare il disturbo di intestino irritabile.

Quindi è consigliato mangiare le ciliegie sempre in quantità moderate, anche se per il loro buonissimo sapore può risultare alquanto difficile!

 

Ciliegie in cucina sono ottime per:

 

  • Essere sgranocchiate come spuntino.
  • Aggiunte come frutto stagionale in yogurt e porridge.
  • Preparare gustosissime marmellate.
  • Ottimi frullati e gelati fatti in casa.
  • Gustosissimi dolci e crostate.
  • Può essere aggiunta a freschissime insalate, in particolare nella stagione estiva.
  • Da accompagnamento con vini e taglieri di formaggi.

 

>>> Frutta: come utilizzarla nei piatti salati

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Altri articoli

diana gourmet alassio

Il Diana Gourmet di Alassio

Il Diana Gourmet è il ristorante gastronomico dell’albergo Diana Grand Hotel. La firma del menu è quella dello chef Ivano Ricchebono, 1 stella Michelin, il

Cibo e ansia – nemici e amici

Il cibo e l’ansia sono strettamene correlati e il loro rapporto, in base a come decidiamo di gestirlo, può giovare al nostro organismo e alla

tutte le sfumature del vin brûlé

Vin Brulè

Vin Brulè che cosa è, dove si assaggia, come si fa? In inverno durante quelle giornate fredde e ventose in cui l’unico desiderio è riscaldarsi con

gambero rosso la storia

Gambero Rosso, la guida e la storia

Gambero rosso, come nasce la guida? Gambero Rosso S.p.a. è una casa editrice specializzata in enogastronomia, fondata il 16 dicembre 1986 dal giornalista Stefano Bonilli, come supplemento

dettaglio cibo fritto

Ricette friggitrice ad aria

  La friggitrice ad aria, o airfryer, è un’alternativa più salutare alla classica friggitrice e permette di usare poco olio, ottenendo cotture al forno, grigliate,

Il cibo che fa bene alla pelle

Il cibo non è solo quello che crediamo. Un solo chicco di caffè può condizionare il nostro umore, favorire determinate patologie o – al contrario

le botti in cantina

Le fasi del metodo classico

Il metodo classico, detto anche metodo tradizionale o metodo champenoise, è un sistema di spumantizzazione caratterizzato dal principio della rifermentazione in bottiglia. È un procedimento

Aglio – il miglior amico della memoria

L’aglio è un alimento immancabile nella cucina di ogni italiano, utilizzato in praticamente ogni ricetta, è il miglior amico dell’organismo per tantissimi fattori. Una delle

distese di vino chianti

Vino Chianti, zona di produzione

Vino Chianti, zona di produzione e storia L’origine del nome Chianti non è certa. Secondo alcune versioni potrebbe derivare dal termine latino clangor, ovvero rumore,