Come funziona la lievitazione?

come-funziona-la-lievitazione-cinque-gusti

Pane, dolci, pizze, biscotti… la maggior parte di ciò che mangiamo comporta un inevitabile processo di lievitazione.

 

Ma cos’è effettivamente la lievitazione?

È un processo che fa letteralmente gonfiare gli alimenti prima che vengano cotti. È possibile attivare il processo di lievitazione grazie all’aggiunta di lievito (funghi microscopici monocellulari ben adattabili alla propagazione nei liquidi).

La lievitazione può essere attivata secondo vari processi di fermentazione:

  • Alcolica
  • Aerobica
  • Lattica
  • Fermentazione in assenza di ossigeno

 

Affinché possa attivarsi il processo di lievitazione, è necessario che vari elementi si combinino:

  • Calore
  • Acqua
  • Zuccheri
  • Aria

 

Questo di conseguenza provoca:

  • Decomposizione degli zuccheri della farina
  • La struttura dell’impasto diventa più leggera
  • Gli aromi vengono rinforzati
  • Colora più velocemente la crosta

 

I tipi di lievitazione sono principalmente 3, vediamoli nel dettaglio:

 

Lievitazione fisica

Funziona in quei preparati in cui l’aria è introdotta dalla battitura dell’albume. Questo crea la formazione delle albumine. Questo genere di “lievitazione”, in realtà, è impropriamente così definito. Perché si tratta in realtà di una reazione chimica.

 

Lievitazione microbiologica

Questo è il genere di lievitazione naturale in cui il comportamento dei funghi non viene minimamente alterato.

È possibile avvalercene, ad esempio, grazie ai panetti di lievito che si trovano al supermercato. Quei panetti sono pieni di funghi vivi che non vengono attivati finché vivono a contatto con temperature rigide come quelle del frigorifero.

Per essere attivati, infatti, hanno bisogno di essere diluiti in acqua tiepida.

Cosa fa effettivamente il fungo quando si trova a contatto con l’impasto? Lo “mangia” emettendo successivamente anidride carbonica, quella che permette il processo di gonfiamento.

Il gonfiamento dell’impasto è ottenuto dall’imprigionamento dell’anidride carbonica che non ha modo di fuoriuscire e perciò si manifesta sotto forma di tante bollicine nell’impasto stesso.

 

Lievitazione chimica

Questa lievitazione è totalmente artificiale. Sono le sostanze chimiche inserite nell’impasto che reagiscono tra loro in presenza di fonti di calore.

In questo caso, l’impasto non ha alcuna esigenza di restare a riposo per lievitare perché al suo interno non sono presenti elementi vivi che devono essere attivati. Qui. Il rigonfiamento avviene direttamente in fase di cottura.

Infatti, gli agenti chimici possono essere attivati solo ad elevate temperature. Ecco perché, una volta fatto l’impasto, è possibile cuocerlo istantaneamente accorciando di molto i tempi di realizzazione delle pietanze.

 

Fermentazione alcolica: lievito di birra

Il lievito di birra consiste in una miscela di funghi che viene utilizzato soprattutto per realizzare il pane e la pizza.

È quello che più comunemente conosciamo e compriamo al supermercato in forma di panetto. È possibile trovarlo anche nella versione disidratata, a lunga conservazione.

 

Fermentazione lattica: lievito madre

È considerato il lievito più naturale, capace di rendere gli impasti molto soffici.

Questa è una miscela di farina e acqua che viene lasciata a riposo a temperatura ambiente. È in questo modo che la microflora ha tempo di moltiplicarsi e fermentare.

Questa fermentazione è prevalentemente lattica ma possiede anche una piccola percentuale di fermentazione alcolica.

La caratteristica migliore del lievito madre, è che è infinito.

Mi spiego meglio.

Esso, una volta fatto “lo starter” potrà essere conservato e rinnovato per lungo tempo (così da poter utilizzare sempre porzioni ricavate dalla prima lievitazione “tenuta in vita” nel tempo mediante la giusta conservazione.

 

>>> Fermentazione E Germinazione In Cucina

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email
come diventare cuoco professionista
Cerchi lavoro in cucina? Scopri le offerte
ricetta carbonara cannavacciuolo marco ilardi e lino d' Angiò
Vi presentiamo Giovannino Caccavacciuolo

Altre notizie dal mondo del food and beverage

Mandarino Miyagwa cinque gusti

Mandarino Miyagwa

Il Mandarino Satsuma Miyagwa è un frutto originario del Giappone importato in Italia già alla fine dell’800. Si tratta di un agrume che possiamo considerare

bottarga di muggine sarda

Bottarga di muggine sarda

Cos’è la bottarga di muggine sarda La bottarga di muggine sarda è un ingrediente utilizzato per la preparazione di molti piatti, una eccellenza della Sardegna

Come produrre aceto balsamico

Come produrre aceto balsamico

L’aceto balsamico Prima di capire come produrre aceto balsamico, vediamo prima di cosa stiamo parlando. L’aceto balsamico è un condimento molto particolare ed estremamente versatile

Pitahaya frutto de drago

Pitahaya – il frutto del drago

La pitahaya è il frutto di una pianta appartenente alla famiglia delle Cactacee. Più comunemente noto come Dragon Fruit e conosciuto per la scorza rossa

zibibbo di pizzo calabro cinque gusti

Lo Zibibbo di Pizzo Calabro

Che cos’è lo Zibibbo di Pizzo Calabro? Si tratta precisamente di un vino tipico del territorio, ricavato da un’uva antica e molto pregiata che nasce

Salsa Teriyaki cinque gusti

I segreti della salsa teriyaki

Che cos’è la salsa teriyaki La teriyaki è una salsa tradizionale della cucina giapponese che si utilizza per cucinare e condire piatti di diverso tipo,

la biga pizzeria come prepararla trucchi e segreti

Come preparare la biga

La Biga pizzeria contemporanea Oggi parliamo di un argomento molto interessante che suscita in molti Pizzaioli e Panificatori dubbi e discordie, ma suscita anche tanti