Torta mimosa: il dolce della giornata della donna

Torta-mimosa-il-dolce-della-giornata-della-donna

La torta mimosa è ormai diventata il dolce classico dell’8 marzo, in cui ricorre annualmente la giornata internazionale della donna.

Perché al dolce e alla giornata viene associata la mimosa? Fu scelto da Rita Montagnana, Teresa Noce e Teresina Mattei: tre donne partigiane appartenenti all’Unione Donne in Italia (che istituì nel 1946 questa celebrazione). Le donne scelsero la mimosa perché ritenevano fosse il più facile da reperire con l’arrivo della primavera.

E da quel momento, il resto è storia.

 

Giorni di memoria o strumenti di marketing?

Non si possono dare tutti i torti a questa supposizione molto diffusa. Bisogna dire che con l’avvento del capitalismo la festa della donna è stata ampiamente strumentalizzata in tutti i modi possibili e immaginabili. Questo ha indignato molte generazioni femminili e lo fa tutt’oggi.

Questa dovrebbe essere una giornata rappresentativa, dal profondo valore simbolico.

Ce ne sarebbero tantissime di cose da dire riguardo una giornata che è stata banalmente ridotta a un ulteriore strumento di guadagno.

giornata-internazionale-della-donna

 

Qual è il vero scopo della giornata internazionale della donna?

È un momento di celebrazione e memoria. Per tenere traccia dei progressi economici, politici e culturali raggiunti universalmente dalle donne. E per ricordare tutte coloro che hanno dovuto sacrificarsi (spesso con la vita) per raggiungere gli obiettivi e i benefici di cui oggi abbiamo la fortuna di usufruire.

Primo fra tutti, il diritto di voto (sempre più sottovalutato per una condizione di grande angoscia e avvilimento che accomunano generazioni presenti e passate).

 

La torta mimosa

La festa della donna è anche un modo simbolico per addentrarsi nel periodo primaverile. Il mio periodo dell’anno preferito!

I fiori sbocciano, il tempo comincia ad essere più mite, le giornate di allungano… sfortunatamente gira anche il polline ma diciamo che per adesso quest’ultimo aspetto lo sorvoliamo!

Un gustosissimo simbolo della giornata dell’8 marzo è la torta mimosa (sempre molto in linea con il concept day oserei dire). Oltre ad essere particolarmente bella, è anche super buona e funzionale!

 

Torta-mimosa

La particolarità di questo dolce è proprio il suo fattore estetico: forma a cupola composta da tantissime piccole molliche di pan di spagna che ricordano appunto la mimosa.

Realizzarla è molto semplice e l’aspetto più particolare è proprio la possibilità di utilizzare anche gli scarti del pan di spagna senza dover buttare via nulla!

 

>>> Zerowaste: come evitare gli sprechi alimentari

 

Torta mimosa vegana

Ovviamente, come al solito, facciamo un check per capire come sostituire gli ingredienti del dolce tradizionale per realizzare una gustosa torta mimosa vegana:

PAN DI SPAGNA

  • Zucchero >>> ok
  • Farina >>> ok
  • Fecola di patate >>> ok
  • Uova >>> sostituire con yogurt vegetale
  • Baccello di vaniglia >>> ok
  • Sale fino >>> ok

 

CREMA PASTICCERA

  • Tuorli >>> preparati vegani appositi oppure fecola di patate
  • Zucchero >>> ok
  • Latte intero >>> latte vegetale
  • Panna fresca liquida >>> panna o yogurt vegetale
  • Amido di mais >>> ok
  • Baccello di vaniglia >>> ok

 

CREMA CHANTILLY

  • Panna fresca liquida >>> panna o yogurt vegetale
  • Zucchero a velo >>> ok

 

BAGNA AL LIQUORE

  • Acqua >>> ok
  • Zucchero >>> ok
  • Grand Marnier >>> ok

 

>>> Tipi di bagna per torte

 

Come avrete sicuramente intuito, il procedimento per realizzare la torta mimosa non è semplicissimo: sono previste addirittura due tipologie di crema. Resta però un fantastico esempio di dolci zerowaste che aiutano a evitare ogni tipo di spreco in cucina, perciò, ci piace anche di più!!

mimosa

 

Adesso non importa se cuciniate in casa la vostra torta mimosa o se la compriate in pasticceria.

Ciò che mi sento di dire a ognuno di voi, uomini e donne che state leggendo, è di essere sempre grati per una giornata come quella dell’8 marzo non tanto perché essa si manifesta come un’occasione in più per festeggiare qualcosa. Bensì perché questa giornata rappresenta un grande traguardo di civiltà intrapreso 75 anni fa e che non possiamo dirsi compiuto.

La strada davanti è ancora lunga e veramente piena di ostacoli. Ma, guardandoci indietro, possiamo vederle le impronte lasciate sull’asfalto.

 

Non fermiamoci qui, continuiamo a camminare sulla strada del rispetto e del cambiamento. Con la giusta consapevolezza, un mondo più civile è possibile.

 

Sta a noi.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Altri articoli

diana gourmet alassio

Il Diana Gourmet di Alassio

Il Diana Gourmet è il ristorante gastronomico dell’albergo Diana Grand Hotel. La firma del menu è quella dello chef Ivano Ricchebono, 1 stella Michelin, il

Cibo e ansia – nemici e amici

Il cibo e l’ansia sono strettamene correlati e il loro rapporto, in base a come decidiamo di gestirlo, può giovare al nostro organismo e alla

tutte le sfumature del vin brûlé

Vin Brulè

Vin Brulè che cosa è, dove si assaggia, come si fa? In inverno durante quelle giornate fredde e ventose in cui l’unico desiderio è riscaldarsi con

gambero rosso la storia

Gambero Rosso, la guida e la storia

Gambero rosso, come nasce la guida? Gambero Rosso S.p.a. è una casa editrice specializzata in enogastronomia, fondata il 16 dicembre 1986 dal giornalista Stefano Bonilli, come supplemento

dettaglio cibo fritto

Ricette friggitrice ad aria

  La friggitrice ad aria, o airfryer, è un’alternativa più salutare alla classica friggitrice e permette di usare poco olio, ottenendo cotture al forno, grigliate,

Il cibo che fa bene alla pelle

Il cibo non è solo quello che crediamo. Un solo chicco di caffè può condizionare il nostro umore, favorire determinate patologie o – al contrario

le botti in cantina

Le fasi del metodo classico

Il metodo classico, detto anche metodo tradizionale o metodo champenoise, è un sistema di spumantizzazione caratterizzato dal principio della rifermentazione in bottiglia. È un procedimento

Aglio – il miglior amico della memoria

L’aglio è un alimento immancabile nella cucina di ogni italiano, utilizzato in praticamente ogni ricetta, è il miglior amico dell’organismo per tantissimi fattori. Una delle

distese di vino chianti

Vino Chianti, zona di produzione

Vino Chianti, zona di produzione e storia L’origine del nome Chianti non è certa. Secondo alcune versioni potrebbe derivare dal termine latino clangor, ovvero rumore,