fbpx

Frittelle di carnevale veneziane – storia e varianti

Frittelle-di-carnevale-veneziane-storia-e-varianti
Pasticceria Albertoni, Vicenza (foto scattata in uno dei miei viaggi). Le loro frittelle sono tra le mie preferite.

Uno dei periodi dell’anno che preferisco è quello di Carnevale che, sin da quand’ero più piccola, significava partire e andare a trovare i miei zii che vivono a Vicenza. Immaginate la scorpacciata di frittelle di tutti i tipi che mi facevo!!

La ricetta originale delle frittelle veneziane risale al 1700. Allora era previsto l’uso dello strutto e del latte di capra.

Si chiamavano fritoleri gli artefici del gusto delle frittelle veneziane. Si posizionavano in strada all’interno di casette di legno nelle quali friggevano e vendevano frittelle calde a tutte le ore del giorno (immaginate che meraviglioso profumo danzasse tra le strade e i quartieri). L’impasto tradizionale era realizzato con uova, farina, zucchero, uvetta e pinoli.

Successivamente fritto prevalentemente nello strutto.

 

 

 

Oggi le varianti sono molteplici e prevedono anche l’aggiunta di creme aromatizzate dalla immensa varietà di sapori (limone, cioccolato, pistacchio, cannella).

 

Vengono prodotte anche di varie dimensioni ma qualsiasi scegliate,

l’ingrediente che in ognuna non può mancare è lo zucchero a velo come guarnizione finale.

 

Vi consiglio di mangiarle sempre calde, appena prodotte. Non c’è paragone.

 

Frittelle vegane

Considerando la mia impossibilità di mangiare le frittelle veneziane tradizionali, da un po’ di tempo a questa parte, mi sono chiesta se fosse possibile reinventare e riproporre la ricetta in chiave vegetale.

Ovviamente, come molto spesso mi accade in cucina, si è aperto un mondo. Un mondo di tante alternative e valide sostituzioni per continuare a gustare le mie adorate frittelle (non me ne vogliano i pasticceri veneziani).

Facendo un recap della ricetta, posso affermare che produrre una versione vegetale è molto più facile del previsto.

In realtà, in molte ricette, ciò che risulta più complesso sostituire è la presenza delle uova. Questo non perché sia effettivamente difficile trovare prodotti alternativi, bensì perché è molto radicato in noi l’utilizzo di questo derivato animale per la produzione di molteplici tipologie di alimenti.

Perciò, niente paura, perché le alternative esistono e bisogna solo imparare a conoscerle.

 

A cosa servono le uova negli impasti?

La presenza delle uova negli impasti è duplice:

  • Favorisce l’azione lievitante
  • Lega gli ingredienti tra di loro

Sapendo le funzioni delle uova e le finalità di utilizzo nei nostri impasti, diventa molto più facile sopperire in commercio alimenti alternativi per realizzare ricette gustose e totalmente vegetali.

Vediamo come:

  • Farina; ok
  • Uvetta; ok
  • Pinoli; ok
  • Zucchero; ok
  • Latte -> sostituiamo con latte vegetale
  • Rum bianco o grappa ok
  • Lievito di birra -> sostituiamo con la composizione chimica bicarbonato + aceto
  • Sale fino; ok
  • Olio di arachide; ok
  • Zucchero a velo; ok
  • Uova -> sostituiamo con yogurt di soia, amido di mais oppure prodotti appositi come la miscela “No Egg”

 

E se volessimo aggiungere creme aromatizzate per realizzare frittelle ripiene?

Anche la crema pasticcera è molto facile da realizzare. In questa preparazione, è proprio la presenza di uova che la fa da padrone.

Come realizzare una valida alternativa vegana?

Basterà avvalersi di latte vegetale e utilizzare un buon legante come amido di mais. Poi, per il resto, il procedimento resta pressoché invariato.

 

Insomma, come spesso mi piace ribadire, mangiare Veg si può e a dispetto dei luoghi comuni, la cucina vegetale prevede tutt’altro che rinunce!

 

Leggi anche >> La cucina naturale di Simone Salvini

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Altri articoli

Idee cene tra amici, ricette e piatti.

Tante idee per andare sul sicuro preparando una cena tra amici con ricette classiche, spesso poco apprezzate o già riviste. La verità è che preparare cene richiede pochissimo tempo, se si conoscono le ricette sia dolci che salate per tutte le stagioni.

La pastiera napoletana vegana

Sembrerà una blasfemia, eppure, la pastiera napoletana rivisitata in chiave vegana è una realtà. Aggiungerei anche una bella realtà! Penso sempre che sia ingiusto privarsi

Come funziona la lievitazione?

Pane, dolci, pizze, biscotti… la maggior parte di ciò che mangiamo comporta un inevitabile processo di lievitazione.   Ma cos’è effettivamente la lievitazione? È un

cubetti di ghiaccio

Macchina del ghiaccio

La guida all’acquisto di uno dei macchinari più utili che ci siano in cucina, la macchina del ghiaccio.   Oggi, i freezer inclusi nel vostro