fbpx

Cantucci e vin santo: una storia d’amore antichissima

I cantucci toscani sono un must have della tradizione italiana nel mondo. Le loro origini sono antichissime e la ricetta ha subito molte variazioni e aggiunte nel corso dei secoli.

Pare fossero già presenti nel XVI secolo ma che si siano affermati solo tra il 1500 e il 1600. Inizialmente non venivano realizzati con le mandorle, infatti la prima versione prevedeva fior di farina, zucchero e albume d’uovo.

È nell’800 che le mandorle entrano ufficialmente nella ricetta dei cantucci tradizionali.

Ma perché cantucci?

Dal taglio diagonale in fette che riconduce al “canto” (ovvero angolo) di pane.

 

Differenze tra cantucci e biscotti di Prato

Molto spesso i cantucci vengono confusi con i biscotti di Prato, proprio perché sono in molti ad attribuire la loro origine a Prato, grazie alla mano sapiente del pasticciere Antonio Mattei.

Eppure, sono molte le differenze che è bene sottolineare tra il cantuccio e il biscotto di Prato.

Le differenze sono minime, è dunque da giustificare la confusione dei palati meno esperti.

I biscotti di prato hanno conservato una genuinità che esclude l’aggiunta di lieviti, grassi o aromi. Mantenendo viva la tradizione della semplicità dei panificatori pratesi di un tempo, la ricetta è rimasta tradizionale. Unica differenza sta nella cottura: se un tempo il biscotto di prato veniva cotto due volte per aumentarne la “biscottosità” e garantire una lunga conservazione, oggi si predilige la freschezza e la consumazione immediata del prodotto. Dunque, una sola cottura.

 

Il matrimonio con il vin santo  

Il binomio cantuccio vin santo è inconfondibile. La tradizione infatti vuole, che il cantuccio – essendo un biscotto molto duro – venga ammorbidito “inzuppandolo” nel vin santo.

Questa è un fine pasta d’eccellenza in Toscana.

Le origini del nome sarebbero antichissime, esattamente come la procedura di preparazione.

Nel 1348 l’Italia era afflitta dalla Peste Nera. Sembrerebbe che un frate francescano utilizzasse il vino per curare gli appestati durante la sua omelia. Quello fu uno dei primi momenti in cui si diffuse la convinzione che il vino avesse proprietà miracolose e curative.

 

Poi, nel 1439, durante il Concilio di Firenze, parrebbe che il metropolita Giovanni Bassarione avesse esclamato “Questo è il vino di Xantos” mentre ne beveva un calice.

Chi si trovava con lui a tavola, credette che stesse alludendo a qualche proprietà miracolosa del vino. Invece, molto probabilmente, Bessarione voleva indicare un vino passito di Santorini.

 

Le tipologie

Sono varie le varianti del vin santo, tra le principali abbiamo:

  • Il trentino
  • L’emiliano

>>> Il vino nei dolci: 3 ricette tradizionali in Italia

 

Secondo l’azienda vinicola di Gaiole in Chianti (Siena), il gesto di intingere il cantuccio nel vin santo andrebbe proibito. Parrebbe che questo alteri il vino stesso e i suoi profumi.

Nonostante i promotori del divieto dell’inzuppo, resta una tradizione conclamata quella di intingere il cantuccio nel vin santo. E a prescindere dal parere di esperti e puristi, il gusto resta inconfondibile e irrinunciabile.

E quindi se proprio dobbiamo farlo ‘sto peccato di gola, facciamolo bene signori miei!

Lunga vita al cantuccio inzuppato nel vin santo!!

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Altri articoli

Guida Michelin

Michelin:la guida

 Michelin la storia della guida E’ stupefacente sapere che la guida Michelin nasce dalla vendita di pneumatici dall’azienda francese la cui mission è la produzione

Bevande estive: la cedrata

L’estate è quasi alle porte e ciò significa ritrovarsi più spesso in compagnia e aver voglia di rinfrescarsi; e quale bevanda migliore se non la

vino-cotto-

Vino Cotto

Il vino cotto, tradizione e storia di una ricetta   Mai sentito parlare del vino cotto? Si tratta di un prodotto della tradizione contadina tipico

Cibi del mondo: il sushi

Il sushi è uno dei piatti principali e caratteristici della cucina giapponese; apprezzato da molti e soggetto di interesse per altre popolazioni, il sushi si

storia del pan di spagna

Il Pan di Spagna storia

Il pan di Spagna, storia e ricetta   È una delle otto preparazioni base della pasticceria: parliamo del pan di spagna. Una base soffice e

Salse dal mondo: la senape

La senape è una salsa che spesso accompagna piatti di carne cotta o cruda, ma anche contorni come patate o verdure bollite e raffreddate; può

farfalle con ragu di carne

Ragù tutti i pezzi

Ragù i pezzi di carne utilizzati e la sua storia Immancabile piatto unico della domenica, con il sugo che condimento della pasta e la carne

torta di compleanno fatta in casa

Torte di compleanno fatte in casa

Torta di compleanno fatta in casa: idee Tanti trucchi e idee diverse per la preparazione di una torta di compleanno fatta in casa.  Festeggiare il

La frutta secca

La frutta secca è uno dei cibi più apprezzati, specialmente durante le feste al seguito dei lunghi pranzi e cene che riempiono tavole intere; ma

minipimer frullati

Minipimer a cosa serve

Minipimer cos’è e cosa serve Il minipimer è uno strumento molto usato in cucina per vari scopi e semplicissimo da utilizzare. Si tratta di un

La caramellizzazione

La caramellizzazione è un esempio importante di come il calore sia fondamentale in ambito culinario: per cuocere la carne, riscaldare cibo, preparare la pasta; ma

il-pesce-spada

Il pesce spada

Il pesce spada dove si pesca, come si cucina e quando  Il pesce spada è un pesce di mare di grossa taglia dalla carne rosata.

fermentino

Vermentino, tipologia di vino

Vermentino, storia e zona di produzione Il Vermentino è un vitigno che negli ultimi anni ha visto una progressiva espansione della sua coltivazione in Italia

Hummus e porridge

L’hummus e il porridge sono pietanze già conosciute e cucinate da tempo, ma hanno avuto un boom particolare specialmente negli ultimi due anni. Si tratta

uova-proprietà

Le uova come cucinarle!

Uova che passione tipologie diverse tempi di cottura Le uova sono un alimento base o ingrediente in numerose pietanze preparate in tutto il mondo. Senza

slow-food-marchio

Slow Food, la storia

Storia dello Slow Food  Cos’è Slow Food?  Slow Food è un movimento internazionale che promuove il giusto valore del cibo, associato alle tradizioni e al

logo cingue gusti

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale

* indicates required

Autorizzo Micropedia ad inviarmi newsletter che riguardano il food magazine ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e del GDPR (Regolamento UE 2016/679).

Puoi cancellarti in qualunque momento cliccando il link nel footer delle tue email che riceverai alla casella di posta indicata sul form. Per informazioni sulla nostra privacy policy visita cinquegusti.com

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.