fbpx

pizza fritta a napoli : storia, varianti, farcitura

pizza fritta a napoli


La pizza fritta napoletana si attesta come una delle più ricercate specialità gastronomiche italiane, uno street food davvero sfizioso apprezzato dai turisti di tutto il mondo. Scopriamo insieme quali sono  le origini di questo piatto e tutto quello che si deve sapere al riguardo. E voi, amate la pizza fritta?

 

La pizza fritta è un prodotto gastronomico molto conosciuto della cucina napoletana. Somigliante molto ad un calzone, la pizza fritta a Napoli si differenzia dalla pizza fritta montanara per le sue maggiori  dimensioni. Per quanto questa sia croce e delizia di molti golosi, resta vera e propria delizia partenopea. La pizza fritta non ha origini molto note, né se ne conoscono spesso la storia o il modo in cui viene preparata. Ma cosa  che c’è da sapere riguardo la pizza fritta napoletana?

La storia della pizza fritta napoletana

 

Molti conoscono la pizza fritta napoletana, ma in pochi possono vantare di conoscere la sua storia, e perché perdere l’occasione di raccontare un interessante aneddoto prima di gustarne una assieme agli amici? Dovete sapere infatti che la tradizionale e conosciutissima pizza rotonda di Napoli dopo la fine della seconda Guerra Mondiale era diventata un piatto di lusso che poche persone potevano permettersi. D’altro canto la pizza richiedeva ingredienti per il suo condimento, e soprattutto l’ausilio dei forni a legna, la maggior parte dei quali erano andati distrutti durante i combattimenti della guerra.

Si ebbe così la straordinaria idea di friggere il tipico impasto della pizza nell’olio bollente, in modo che si gonfiasse e desse la sensazione di esser sazi mangiando… di meno. Sebbene la pizza fritta napoletana sia nata come un “ripiego”, ad oggi è un piatto che viene ancora apprezzato da molte persone. Una ricetta che ha poi trovato diverse varianti, tanto che ad oggi viene farcita con una miriade di ingredienti diversi.

La chiamavano anche la “pizza del popolo” dal momento che veniva venduta per le strade dalle mogli dei pizzaioli per arrotondare i guadagni. Insomma, un vero e proprio gioiello della cucina napoletana che in passato ha sostituito la necessità di mangiare spendendo poco, ed oggi ancora delizia i palati di numerose persone.

I diversi tipi di pizza fritta

Una straordinaria qualità della pizza fritta che la rende appetibile proprio a tutti i gusti è la sua varietà, esistono infatti diverse preparazioni per questo particolare tipo di pizza:

  • La pizza fritta classica
    La classica pizza fritta napoletana, spiegata in termini molto pratici è una zeppola ma di grandi dimensioni. Per quanto riguarda la sua preparazione, è molto simile se non per l’impasto che è di quantità maggiore e la sua stesura (a mano) che avviene prima del processo di frittura.
  • Zeppola
    Si tratta della ricetta più semplice in assoluto, viene spesso chiamata anche “pasta cresciuta”. Le sue dimensioni sono minori rispetto alle sue sorelle, e la sua preparazione è davvero molto semplice: una piccola quantità di impasto composto di acqua, farina e lievito viene fatto friggere per pochi secondi nell’olio bollente per poi venir condito con un pizzico di sale. Un cibo sfizioso ed un vero “finger food”.
  • La montanara
    Questa è una tipologia di pizza fritta che si potrebbe considerare più sofisticata della classica. A Napoli è conosciuta con il  nome di “montanara”. Questa speciale ricetta viene farcita con pomodoro, provola, basilico e parmigiano. La sua ulteriore particolarità è che non viene soltanto fritta, infatti è proprio dopo la frittura che viene condita per poi essere messa in forno.
  • Calzone fritto
    Niente meno che la pizza fritta ripiena, molti di voi lo conosceranno con il nome di “calzone” ma viene chiamata anche semplicemente “pizza fritta”. L’impasto è sempre lo stesso, che viene poi steso in modo da racchiudere al suo interno la farcitura, per poi essere appunto… fritto.

Come si farcisce la pizza fritta napoletana?

 

Quando la pizza fritta nacque nel secondo dopoguerra, gli ingredienti responsabili della farcitura non erano mai fissi: il cibo scarseggiava e dunque si cercava di condire la pizza fritta con quello che si trovava in casa o ciò che i vicini riuscivano a prestare, o scambiare. C’è da dire però che uno degli ingredienti più famosi per la farcitura della pizza fritta è la ricotta. La ricetta tradizionale infatti prevede un condimento con ricotta e provola, spesso e volentieri accompagnate da salumi. Naturalmente si è del tutto liberi di dare sfogo alla creatività, e forse è proprio questo il bello della pizza. Vi sono state tantissime varianti negli anni, con i classici condimenti salati ma anche dolci.  Tutte squisitezze da gustare comodamente seduti oppure per strada, mentre si va all’esplorazione della città! Napoli del resto si presta benissimo a questo tipo di esplorazioni “en passant”, con la classica pizza fritta tra le mani… o la pizza a portafoglio. Ne avete mai sentito parlare?

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Altri articoli

Guida Michelin

Michelin:la guida

 Michelin la storia della guida E’ stupefacente sapere che la guida Michelin nasce dalla vendita di pneumatici dall’azienda francese la cui mission è la produzione

Bevande estive: la cedrata

L’estate è quasi alle porte e ciò significa ritrovarsi più spesso in compagnia e aver voglia di rinfrescarsi; e quale bevanda migliore se non la

vino-cotto-

Vino Cotto

Il vino cotto, tradizione e storia di una ricetta   Mai sentito parlare del vino cotto? Si tratta di un prodotto della tradizione contadina tipico

Cibi del mondo: il sushi

Il sushi è uno dei piatti principali e caratteristici della cucina giapponese; apprezzato da molti e soggetto di interesse per altre popolazioni, il sushi si

storia del pan di spagna

Il Pan di Spagna storia

Il pan di Spagna, storia e ricetta   È una delle otto preparazioni base della pasticceria: parliamo del pan di spagna. Una base soffice e

Salse dal mondo: la senape

La senape è una salsa che spesso accompagna piatti di carne cotta o cruda, ma anche contorni come patate o verdure bollite e raffreddate; può

farfalle con ragu di carne

Ragù tutti i pezzi

Ragù i pezzi di carne utilizzati e la sua storia Immancabile piatto unico della domenica, con il sugo che condimento della pasta e la carne

torta di compleanno fatta in casa

Torte di compleanno fatte in casa

Torta di compleanno fatta in casa: idee Tanti trucchi e idee diverse per la preparazione di una torta di compleanno fatta in casa.  Festeggiare il

La frutta secca

La frutta secca è uno dei cibi più apprezzati, specialmente durante le feste al seguito dei lunghi pranzi e cene che riempiono tavole intere; ma

minipimer frullati

Minipimer a cosa serve

Minipimer cos’è e cosa serve Il minipimer è uno strumento molto usato in cucina per vari scopi e semplicissimo da utilizzare. Si tratta di un

La caramellizzazione

La caramellizzazione è un esempio importante di come il calore sia fondamentale in ambito culinario: per cuocere la carne, riscaldare cibo, preparare la pasta; ma

il-pesce-spada

Il pesce spada

Il pesce spada dove si pesca, come si cucina e quando  Il pesce spada è un pesce di mare di grossa taglia dalla carne rosata.

fermentino

Vermentino, tipologia di vino

Vermentino, storia e zona di produzione Il Vermentino è un vitigno che negli ultimi anni ha visto una progressiva espansione della sua coltivazione in Italia

Hummus e porridge

L’hummus e il porridge sono pietanze già conosciute e cucinate da tempo, ma hanno avuto un boom particolare specialmente negli ultimi due anni. Si tratta

uova-proprietà

Le uova come cucinarle!

Uova che passione tipologie diverse tempi di cottura Le uova sono un alimento base o ingrediente in numerose pietanze preparate in tutto il mondo. Senza

slow-food-marchio

Slow Food, la storia

Storia dello Slow Food  Cos’è Slow Food?  Slow Food è un movimento internazionale che promuove il giusto valore del cibo, associato alle tradizioni e al

logo cingue gusti

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale

* indicates required

Autorizzo Micropedia ad inviarmi newsletter che riguardano il food magazine ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e del GDPR (Regolamento UE 2016/679).

Puoi cancellarti in qualunque momento cliccando il link nel footer delle tue email che riceverai alla casella di posta indicata sul form. Per informazioni sulla nostra privacy policy visita cinquegusti.com

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.