fbpx

Guida veloce sull’impasto della pizza

impasto palline matterello

Tutto quello che serve per cominciare ad infarinarsi le mani e godere di ottime pizze fatte in casa. 

Impastare non è mai cosa semplice. Serve sporcarsi letteralmente le mani, in questo caso di candida farina. Ma come funziona un impasto per pizza e di cosa si compone? Andiamo vedere in una prima guida per principianti sull’impasto, veloce ed esaustiva, tutto ciò che serve sapere per cominciare a cucinare pizze fatte in casa!

L’impasto per la pizza: la storia

Prima di inoltrarci nel mondo degli impasti e dei lievitati, bisognerà fare qualche piccolo excursus storico. Quando nasce l’impasto per la pizza? Domanda apparentemente di poco conto: molti infatti penseranno che la storia della pizza sia legata verosimilmente alla sua accezione partenopea. In parte è così, ma solo come evoluzione finale. La pizza infatti viene fatta risalire ai tempi del Neolitico.

A quei tempi, che per il Neolitico si intendono dal 10.000 al 3500 a.C., nella zona dell’Estremo Oriente alcuni uomini pensarono di ingolosire pane azzimo o ancora polente create dalla lavorazione di legumi e cereali, poggiandole su qualche pietra bollente. La cottura della “pizza” archetipica a contatto con la pietra, ebbe quindi il risvolto di un piatto a dir poco alternativo per quei tempi. L’avvento degli egizi e della scoperta del lievito, in seguito, diedero poi il calcio d’inizio alla rivoluzione della pizza, che inizialmente fu semplicemente definito come pane. 

Il pane quindi ebbe un ruolo rivoluzionario nel mondo dei lievitati e delle popolazioni, che in tempi di carestia trovarono oro e fortuna soprattutto nell’approvvigionamento di tale bontà. Chi aveva il pane infatti in tempi di carestia, poteva ritenersi davvero fortunato. 

I romani poi, ed ancora i longobardi, trasferirono l’esperienza del pane in quella di pizza: l’impasto una volta disteso veniva infatti cotto e macchiato con sugo di pomodoro, concedendo ai suoi avventori il primo “bizzo” o morso, di pizza della storia. 

Vi starete chiedendo che fine abbiano fatto i napoletani. E’ vero, sono forse arrivati tardi sul pezzo, ma ciò che crearono a partire dal 1500 dopo Cristo in poi… è storia! Da allora Inizialmente l’impasto della pizza aveva quali ingredienti la farina di frumento, unita allo strutto, all’aglio ed al sale grosso. Lo strutto è stato poi lentamente sostituito con l’olio d’oliva e l’extravergine d’oliva. 

Non siamo qui a raccontare oggi l’origine della pizza, bensì del suo impasto. Vi basti sapere per ora che anche la pizza margherita dovette aspettare prima di esordire ufficialmente nelle trafile delle storia gastronomica napoletana: ma ben prima della sua nascita, altre “pizze” erano presenti nel territorio partenopeo e ve ne parleremo in articolo completamento dedicato a questo tema. 

Caratteristiche di un buon impasto per pizza napoletana

Un buon impasto di pizza napoletana ha delle caratteristiche imprenscindibili. Solo quattro ingredienti che sapientemente combinati assieme danno vita ad una prelibatezza unica nel suo genere. Parliamo di farina, lievito (secco o di birra), acqua e sale. Ogni pizzaiolo ha le proprie armi segrete, eppure vi sono delle “convenzioni” che si è soliti includere quasi in un protocollo della pizza. Ma come si prepara?

Non si possono prendere quattro ingredienti casualmente combinati tra di loro. L’acqua ad esempio deve essere pura, ovvero pulita, non gasata e non fredda. La sua temperatura media deve aggirarsi tra i venti e i ventidue gradi e il ph tra il 6 e il 7 %. La farina deve avere un contenuto proteico pari al 12% massimo, mentre per il lievito ed il sale non vi sono particolari accortezze.

La lievitazione della pizza napoletana

Una volta amalgamati ed impastati gli ingredienti tra di loro, come suggerito anche nella ricetta qui, bisognerà attendere che l’impasto raddoppi il suo volume fino ad arrivare una consistenza tale da poter essere nuovamente suddiviso in panetti singoli. Una ulteriore lievitazione permetterà infine che i diversi panetti diventino singole pizze.

La cottura in forno a legna della pizza

La cottura della pizza napoletana come quella di tante altre merita un’attenzione ai dettagli. Questi passano ad esempio per la cottura che nelle migliori pizzerie storiche avviene in forni a legna. Vi sono anche qui dei parametri da rispettare come ad esempio la temperatura della cottura in forno a legna della pizza. Parliamo di circa 480 gradi centigrado e di un massimo di sei secondi di cottura. Il parametro è la base della pizza che dovrà decisamente essere cotta e leggermente scura, non bruciata.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Altri articoli

Guida Michelin

Michelin:la guida

 Michelin la storia della guida E’ stupefacente sapere che la guida Michelin nasce dalla vendita di pneumatici dall’azienda francese la cui mission è la produzione

Bevande estive: la cedrata

L’estate è quasi alle porte e ciò significa ritrovarsi più spesso in compagnia e aver voglia di rinfrescarsi; e quale bevanda migliore se non la

vino-cotto-

Vino Cotto

Il vino cotto, tradizione e storia di una ricetta   Mai sentito parlare del vino cotto? Si tratta di un prodotto della tradizione contadina tipico

Cibi del mondo: il sushi

Il sushi è uno dei piatti principali e caratteristici della cucina giapponese; apprezzato da molti e soggetto di interesse per altre popolazioni, il sushi si

storia del pan di spagna

Il Pan di Spagna storia

Il pan di Spagna, storia e ricetta   È una delle otto preparazioni base della pasticceria: parliamo del pan di spagna. Una base soffice e

Salse dal mondo: la senape

La senape è una salsa che spesso accompagna piatti di carne cotta o cruda, ma anche contorni come patate o verdure bollite e raffreddate; può

farfalle con ragu di carne

Ragù tutti i pezzi

Ragù i pezzi di carne utilizzati e la sua storia Immancabile piatto unico della domenica, con il sugo che condimento della pasta e la carne

torta di compleanno fatta in casa

Torte di compleanno fatte in casa

Torta di compleanno fatta in casa: idee Tanti trucchi e idee diverse per la preparazione di una torta di compleanno fatta in casa.  Festeggiare il

La frutta secca

La frutta secca è uno dei cibi più apprezzati, specialmente durante le feste al seguito dei lunghi pranzi e cene che riempiono tavole intere; ma

minipimer frullati

Minipimer a cosa serve

Minipimer cos’è e cosa serve Il minipimer è uno strumento molto usato in cucina per vari scopi e semplicissimo da utilizzare. Si tratta di un

La caramellizzazione

La caramellizzazione è un esempio importante di come il calore sia fondamentale in ambito culinario: per cuocere la carne, riscaldare cibo, preparare la pasta; ma

il-pesce-spada

Il pesce spada

Il pesce spada dove si pesca, come si cucina e quando  Il pesce spada è un pesce di mare di grossa taglia dalla carne rosata.

fermentino

Vermentino, tipologia di vino

Vermentino, storia e zona di produzione Il Vermentino è un vitigno che negli ultimi anni ha visto una progressiva espansione della sua coltivazione in Italia

Hummus e porridge

L’hummus e il porridge sono pietanze già conosciute e cucinate da tempo, ma hanno avuto un boom particolare specialmente negli ultimi due anni. Si tratta

uova-proprietà

Le uova come cucinarle!

Uova che passione tipologie diverse tempi di cottura Le uova sono un alimento base o ingrediente in numerose pietanze preparate in tutto il mondo. Senza

slow-food-marchio

Slow Food, la storia

Storia dello Slow Food  Cos’è Slow Food?  Slow Food è un movimento internazionale che promuove il giusto valore del cibo, associato alle tradizioni e al

logo cingue gusti

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale

* indicates required

Autorizzo Micropedia ad inviarmi newsletter che riguardano il food magazine ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e del GDPR (Regolamento UE 2016/679).

Puoi cancellarti in qualunque momento cliccando il link nel footer delle tue email che riceverai alla casella di posta indicata sul form. Per informazioni sulla nostra privacy policy visita cinquegusti.com

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.