Guida veloce sull’impasto della pizza

impasto palline matterello

Tutto quello che serve per cominciare ad infarinarsi le mani e godere di ottime pizze fatte in casa. 

Impastare non è mai cosa semplice. Serve sporcarsi letteralmente le mani, in questo caso di candida farina. Ma come funziona un impasto per pizza e di cosa si compone? Andiamo vedere in una prima guida per principianti sull’impasto, veloce ed esaustiva, tutto ciò che serve sapere per cominciare a cucinare pizze fatte in casa!

L’impasto per la pizza: la storia

Prima di inoltrarci nel mondo degli impasti e dei lievitati, bisognerà fare qualche piccolo excursus storico. Quando nasce l’impasto per la pizza? Domanda apparentemente di poco conto: molti infatti penseranno che la storia della pizza sia legata verosimilmente alla sua accezione partenopea. In parte è così, ma solo come evoluzione finale. La pizza infatti viene fatta risalire ai tempi del Neolitico.

A quei tempi, che per il Neolitico si intendono dal 10.000 al 3500 a.C., nella zona dell’Estremo Oriente alcuni uomini pensarono di ingolosire pane azzimo o ancora polente create dalla lavorazione di legumi e cereali, poggiandole su qualche pietra bollente. La cottura della “pizza” archetipica a contatto con la pietra, ebbe quindi il risvolto di un piatto a dir poco alternativo per quei tempi. L’avvento degli egizi e della scoperta del lievito, in seguito, diedero poi il calcio d’inizio alla rivoluzione della pizza, che inizialmente fu semplicemente definito come pane. 

Il pane quindi ebbe un ruolo rivoluzionario nel mondo dei lievitati e delle popolazioni, che in tempi di carestia trovarono oro e fortuna soprattutto nell’approvvigionamento di tale bontà. Chi aveva il pane infatti in tempi di carestia, poteva ritenersi davvero fortunato. 

I romani poi, ed ancora i longobardi, trasferirono l’esperienza del pane in quella di pizza: l’impasto una volta disteso veniva infatti cotto e macchiato con sugo di pomodoro, concedendo ai suoi avventori il primo “bizzo” o morso, di pizza della storia. 

Vi starete chiedendo che fine abbiano fatto i napoletani. E’ vero, sono forse arrivati tardi sul pezzo, ma ciò che crearono a partire dal 1500 dopo Cristo in poi… è storia! Da allora Inizialmente l’impasto della pizza aveva quali ingredienti la farina di frumento, unita allo strutto, all’aglio ed al sale grosso. Lo strutto è stato poi lentamente sostituito con l’olio d’oliva e l’extravergine d’oliva. 

Non siamo qui a raccontare oggi l’origine della pizza, bensì del suo impasto. Vi basti sapere per ora che anche la pizza margherita dovette aspettare prima di esordire ufficialmente nelle trafile delle storia gastronomica napoletana: ma ben prima della sua nascita, altre “pizze” erano presenti nel territorio partenopeo e ve ne parleremo in articolo completamento dedicato a questo tema. 

Caratteristiche di un buon impasto per pizza napoletana

Un buon impasto di pizza napoletana ha delle caratteristiche imprenscindibili. Solo quattro ingredienti che sapientemente combinati assieme danno vita ad una prelibatezza unica nel suo genere. Parliamo di farina, lievito (secco o di birra), acqua e sale. Ogni pizzaiolo ha le proprie armi segrete, eppure vi sono delle “convenzioni” che si è soliti includere quasi in un protocollo della pizza. Ma come si prepara?

Non si possono prendere quattro ingredienti casualmente combinati tra di loro. L’acqua ad esempio deve essere pura, ovvero pulita, non gasata e non fredda. La sua temperatura media deve aggirarsi tra i venti e i ventidue gradi e il ph tra il 6 e il 7 %. La farina deve avere un contenuto proteico pari al 12% massimo, mentre per il lievito ed il sale non vi sono particolari accortezze.

La lievitazione della pizza napoletana

Una volta amalgamati ed impastati gli ingredienti tra di loro, come suggerito anche nella ricetta qui, bisognerà attendere che l’impasto raddoppi il suo volume fino ad arrivare una consistenza tale da poter essere nuovamente suddiviso in panetti singoli. Una ulteriore lievitazione permetterà infine che i diversi panetti diventino singole pizze.

La cottura in forno a legna della pizza

La cottura della pizza napoletana come quella di tante altre merita un’attenzione ai dettagli. Questi passano ad esempio per la cottura che nelle migliori pizzerie storiche avviene in forni a legna. Vi sono anche qui dei parametri da rispettare come ad esempio la temperatura della cottura in forno a legna della pizza. Parliamo di circa 480 gradi centigrado e di un massimo di sei secondi di cottura. Il parametro è la base della pizza che dovrà decisamente essere cotta e leggermente scura, non bruciata.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Altri articoli

diana gourmet alassio

Il Diana Gourmet di Alassio

Il Diana Gourmet è il ristorante gastronomico dell’albergo Diana Grand Hotel. La firma del menu è quella dello chef Ivano Ricchebono, 1 stella Michelin, il

Cibo e ansia – nemici e amici

Il cibo e l’ansia sono strettamene correlati e il loro rapporto, in base a come decidiamo di gestirlo, può giovare al nostro organismo e alla

tutte le sfumature del vin brûlé

Vin Brulè

Vin Brulè che cosa è, dove si assaggia, come si fa? In inverno durante quelle giornate fredde e ventose in cui l’unico desiderio è riscaldarsi con

gambero rosso la storia

Gambero Rosso, la guida e la storia

Gambero rosso, come nasce la guida? Gambero Rosso S.p.a. è una casa editrice specializzata in enogastronomia, fondata il 16 dicembre 1986 dal giornalista Stefano Bonilli, come supplemento

dettaglio cibo fritto

Ricette friggitrice ad aria

  La friggitrice ad aria, o airfryer, è un’alternativa più salutare alla classica friggitrice e permette di usare poco olio, ottenendo cotture al forno, grigliate,

Il cibo che fa bene alla pelle

Il cibo non è solo quello che crediamo. Un solo chicco di caffè può condizionare il nostro umore, favorire determinate patologie o – al contrario

le botti in cantina

Le fasi del metodo classico

Il metodo classico, detto anche metodo tradizionale o metodo champenoise, è un sistema di spumantizzazione caratterizzato dal principio della rifermentazione in bottiglia. È un procedimento

Aglio – il miglior amico della memoria

L’aglio è un alimento immancabile nella cucina di ogni italiano, utilizzato in praticamente ogni ricetta, è il miglior amico dell’organismo per tantissimi fattori. Una delle

distese di vino chianti

Vino Chianti, zona di produzione

Vino Chianti, zona di produzione e storia L’origine del nome Chianti non è certa. Secondo alcune versioni potrebbe derivare dal termine latino clangor, ovvero rumore,