logo cinque gusti

Direttore Marco Ilardi

Zapote Colombia: il zapote negro un frutto al cioccolato

zapote colombia negro colombiano messicano

Il zapote nero è un frutto verde all’esterno e una polpa nera all’interno, comunemente consumato in epoca preispanica.

Il sapote negro, che a prima vista può sconcertare per il colore della sua polpa, è in realtà un frutto dolce dalla consistenza cremosa, con una consistenza simile a quella di una mousse al cioccolato.

Il suo sapore ricorda vagamente quello del caramello e senza dubbio è un alimento con molti benefici nutrizionali e proprietà medicinali.

L’albero è bello e frondoso, presente in America Latina, soprattutto in Colombia e Messico e può raggiungere i venti metri di altezza e ha rami fitti, si trova comunemente nelle piantagioni di caffè, fornendo ombra come alberi sparsi nelle zone rurali, nelle riserve biologiche e nei frutteti da cortile.

In Colombia viene coltivato sulle Ande Colombiane a 1500 metri di altezza.

Da pochi anni anche la Turchia ha cominciato con la produzione di questi frutti che a vedere non sono molto appetibili ma hanno un sapore immenso se non che ricchissimi di sali minerali e una lista lunghissima di vitamine

Come ulteriore utilizzo al frutto, l’albero di zapote viene utilizzato nell’industria del legno per la fabbricazione di mobili grazie all’elegante colore rossastro del suo tronco.

Proprietà nutrizionali del zapote nero

La composizione nutrizionale del zapote include una grande quantità di carboidrati e vitamine A e C. e contiene 49 kcal ogni 100 grammi di peso.

Queste vitamine sono molto utili per rafforzare la pelle e la vista, oltre a prevenire il raffreddore.

Questo delizioso frutto è usato nella medicina popolare e tradizionale come un blando lassativo e un ottimo agente ipoglicemizzante.

Le sue qualità antibiotiche e le sue proprietà per lenire il mal di gola e l’insonnia sono richieste nella cultura popolare messicana, oltre ad essere un buon diuretico.

Come servire il zapote e come utilizzarlo in cucina

Sotto l’aspetto gastronomico, il zapote viene utilizzato principalmente nei dolci come mousse e/o marmellate per farcire i pani e la polpa viene comunemente mescolata in casa con succo d’arancia per i dolci dei bambini.

È stato consigliato da nutrizionisti e nutrizionisti sportivi di consumarlo per fornire energia all’organismo a metà mattinata, puoi mescolarlo con un po’ di cacao e preparare una ricca “mousse” al cioccolato.

In Messico la polpa viene estratta, macerata o passata al colino e brandy, e poi servita con o senza panna montata, si può anche mescolare con vino, cannella e zucchero. Altri usi comuni sono acque dolci, frullati, gelati, gelatine e dolci.

Per la preparazione bisogna tagliare il frutto verticalmente, eliminare la buccia esterna e tagliare la polpa a cubetti la polpa; va bene gustato solo e nella macedonia.

L’albero della sapote è originario di entrambe le coste del Messico, da Jalisco al Chiapas, Veracruz e Yucatán e nelle pianure boscose dell’America centrale, ed è anche frequentemente coltivato in queste aree ad esempio in Colombia.

In Messico, i frutti sono comuni nei mercati da agosto a gennaio.

Alcuni alberi, soprattutto quelli a frutto grosso, entrano regolarmente in stagione a giugno, altri a luglio e agosto.

Altre varietà del frutto sono: bianco, nero, verde, giallo, sapodilla o zapotillo, mamey e chapote.

In Messico, la sua produzione totale è di circa 16 mila tonnellate, con Campeche come produttore principale, seguito da Yucatán e Veracruz, ha una grande richiesta grazie alle sue proprietà culinarie e curative.

digital food libro di marco ilardi
Leggi Digital food il nuovo libro di Marco Ilardi
come diventare cuoco professionista
Cerchi lavoro in cucina? Scopri le offerte lavorative per cuochi
ricetta carbonara cannavacciuolo marco ilardi e lino d' Angiò
Vi presentiamo Giovannino Caccavacciuolo e la sua ricetta segreta della carbonara guarda la videoricetta dello chef
libro marco ilardi
Digital Food il libro di Marco Ilardi
wine nft app mobile lista vini metaverso
Wine NFT la lista dei vini nel metaverso
Contenuti riservati a Cinque gusti