fbpx

Olio di semi: qual è il miglior olio di semi per friggere

olio di semi

L’olio di semi è presente sul mercato in molte varianti, largamente utilizzate in cucina per friggere ma non solo. Scopriamo quindi quali  sono gli usi principali di questo olio e quale dovremmo scegliere in base per proprietà e utilizzo.

 

L’olio di oliva è diffusissimo e sicuramente conosciuto da tutti noi, in Italia possiamo vantare oli di grandissima qualità e li troviamo quasi sempre quotidianamente sulle nostre tavole. L’olio d’oliva viene prodotto naturalmente dagli ulivi, ma è noto che in commercio ci sono anche molti altri tipi di oli che vengono prodotti con l’ausilio di altri vegetali. Stiamo parlando proprio dell’olio di semi, che si ottiene dall’estrazione dei semi oleosi, dai noccioli, dai fiori o da altre parti di alcune piante. Andiamo allora a vedere come avviene la loro estrazione e quali sono i migliori oli di semi per determinati usi.

Come viene estratto l’olio di semi?

Ci sono diversi metodi di estrazione per l’olio di semi, e questa è una differenza da tenere in considerazione quando si parla di risultato finale. Il metodo d’estrazione più utilizzato è sicuramente quello ad estrazione chimica, che garantisce una certa velocità nella produzione finale, ad un costo contenuto. Alternativamente si utilizza il metodo classico, ovvero l’estrazione meccanica, che garantisce una qualità nettamente migliore dell’olio di semi; quest’ultima è obbligatoria se il produttore vuole che il proprio olio venga marchiato come “bio”. Andiamo dunque a vedere più nel dettaglio queste due differenti tecniche di estrazione.

Estrazione meccanica dell’olio di semi

Come si può capire se un olio di semi è stato estratto meccanicamente? L’unico modo per capirlo in effetti è quello di leggere l’etichetta. Infatti si noterà la dicitura “di prima pressione o spremitura”. Questo tipo di estrazione avviene per mezzo di apposite presse ed il suo vantaggio principale è che le proprietà nutritive dell’olio non vengono alterate (vitamine, sali minerali, acidi grassi). Gli oli ottenuti tramite l’estrazione meccanica sono abbastanza difficili da trovare nei supermercati ed in effetti poco conosciuti. Sappiate però che se un olio è biologico, allora è stato sicuramente estratto meccanicamente, e ciò non sarà altro che un ulteriore garanzia sulla sua qualità.

Estrazione chimica dell’olio

 

Con quest’altra tecnica  si utilizzano dei solventi organici a temperature molto alte al fine di ottenere degli oli più stabili ed a maggiore conservazione. Inutile dire che si tratti di una procedura utilizzata maggiormente in ambito industriale. Con questa tecnica è possibile conferire all’olio un odore, una densità ed un aspetto generale più appetibile. Lo svantaggio significativo di questo tipo di estrazione è che larga parte dei principi nutritivi vengono persi e si verifica anzi la formazione di molti acidi grassi trans, che sono dannosi per la salute. Naturalmente, il sostanziale vantaggio di questa estrazione è il suo basso costo.

I principali tipi di olio di semi e le rispettive proprietà

 

Ora che abbiamo compreso i due principali metodi di estrazione dell’olio di semi, andiamo ad analizzare i principali generi di olio di semi e le loro peculiari caratteristiche.

Olio di semi di girasole

La particolarità dell’olio di girasole è il suo alto contenuto di proteine, acidi grassi e fenoli. Esso viene ottenuto dalla spremitura dei semi della pianta di girasole ed è anche ricco di vitamina E. Questo tipo di olio è  un ottimo antiossidante, capace di combattere l’invecchiamento delle nostre cellule, ed in cucina si utilizza maggiormente per friggere oppure per condire insalate o verdure in generale.

Olio di semi di mais

Questo genere di olio è veramente molto diffuso, non è molto diverso dall’olio di girasole per quanto riguarda la composizione (ricco di acido linoleico e vitamina E), ed è anch’esso largamente utilizzato nella frittura in cucina. Viene talvolta utilizzato a crudo, ma mai in grandi quantità.

Olio di semi di sesamo

Largamente utilizzato nella cucina orientale, ha un sapore leggermente dolce e sicuramente delicato, viene utilizzato come ingrediente nelle ricette di dolci ma il suo impiego maggiore è nelle verdure ed insalate. Al suo interno troviamo amminoacidi, vitamine, sali minerali e acido oleico, che fanno dell’olio di sesamo un ottimo rimedio contro l’invecchiamento. Viene anche utilizzato nella farmaceutica ed in cosmesi.

Olio di semi di lino

La sua particolarità è una grande presenza di acidi grassi e polinsaturi Omega-3. Questo tipo di olio di semi però è noto per la sua rapida ossidazione, proprio per questo motivo è preferibile consumarlo in fretta, fresco e crudo. Ha un sapore amaro che, se non conservato adeguatamente, può diventare molto sgradevole.

Olio di arachidi

Questo olio viene spesso utilizzato come ingrediente per le margarine, ma talvolta è adibito a semplice condimento. Il suo sapore è tipicamente dolce e trova un utilizzo anche nella frittura. Una particolarità è il basso contenuto di colesterolo e grassi, che lo rendono molto efficace nella prevenzione di malattie di tipo cardiovascolare. Questo olio deve però essere necessariamente conservato all’interno di recipienti chiusi al fine di evitare contatti con l’ambiente, ed è inoltre da mantenere lontano da fonti di calore ed al riparo dalla luce.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Altri articoli

Guida Michelin

Michelin:la guida

 Michelin la storia della guida E’ stupefacente sapere che la guida Michelin nasce dalla vendita di pneumatici dall’azienda francese la cui mission è la produzione

Bevande estive: la cedrata

L’estate è quasi alle porte e ciò significa ritrovarsi più spesso in compagnia e aver voglia di rinfrescarsi; e quale bevanda migliore se non la

vino-cotto-

Vino Cotto

Il vino cotto, tradizione e storia di una ricetta   Mai sentito parlare del vino cotto? Si tratta di un prodotto della tradizione contadina tipico

Cibi del mondo: il sushi

Il sushi è uno dei piatti principali e caratteristici della cucina giapponese; apprezzato da molti e soggetto di interesse per altre popolazioni, il sushi si

storia del pan di spagna

Il Pan di Spagna storia

Il pan di Spagna, storia e ricetta   È una delle otto preparazioni base della pasticceria: parliamo del pan di spagna. Una base soffice e

Salse dal mondo: la senape

La senape è una salsa che spesso accompagna piatti di carne cotta o cruda, ma anche contorni come patate o verdure bollite e raffreddate; può

farfalle con ragu di carne

Ragù tutti i pezzi

Ragù i pezzi di carne utilizzati e la sua storia Immancabile piatto unico della domenica, con il sugo che condimento della pasta e la carne

torta di compleanno fatta in casa

Torte di compleanno fatte in casa

Torta di compleanno fatta in casa: idee Tanti trucchi e idee diverse per la preparazione di una torta di compleanno fatta in casa.  Festeggiare il

La frutta secca

La frutta secca è uno dei cibi più apprezzati, specialmente durante le feste al seguito dei lunghi pranzi e cene che riempiono tavole intere; ma

minipimer frullati

Minipimer a cosa serve

Minipimer cos’è e cosa serve Il minipimer è uno strumento molto usato in cucina per vari scopi e semplicissimo da utilizzare. Si tratta di un

La caramellizzazione

La caramellizzazione è un esempio importante di come il calore sia fondamentale in ambito culinario: per cuocere la carne, riscaldare cibo, preparare la pasta; ma

il-pesce-spada

Il pesce spada

Il pesce spada dove si pesca, come si cucina e quando  Il pesce spada è un pesce di mare di grossa taglia dalla carne rosata.

fermentino

Vermentino, tipologia di vino

Vermentino, storia e zona di produzione Il Vermentino è un vitigno che negli ultimi anni ha visto una progressiva espansione della sua coltivazione in Italia

Hummus e porridge

L’hummus e il porridge sono pietanze già conosciute e cucinate da tempo, ma hanno avuto un boom particolare specialmente negli ultimi due anni. Si tratta

uova-proprietà

Le uova come cucinarle!

Uova che passione tipologie diverse tempi di cottura Le uova sono un alimento base o ingrediente in numerose pietanze preparate in tutto il mondo. Senza

slow-food-marchio

Slow Food, la storia

Storia dello Slow Food  Cos’è Slow Food?  Slow Food è un movimento internazionale che promuove il giusto valore del cibo, associato alle tradizioni e al

logo cingue gusti

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale

* indicates required

Autorizzo Micropedia ad inviarmi newsletter che riguardano il food magazine ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e del GDPR (Regolamento UE 2016/679).

Puoi cancellarti in qualunque momento cliccando il link nel footer delle tue email che riceverai alla casella di posta indicata sul form. Per informazioni sulla nostra privacy policy visita cinquegusti.com

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.