logo cinque gusti

La panna acida

panna acida

La panna acida non è un ingrediente tradizionale della cucina italiana, eppure negli ultimi anni grazie ai food blogger e alla proposta dei ristoratori si sta facendo strada come ingrediente sfizioso e di ricerca.

 I popoli che fanno grande uso della panna acida nelle loro cucine tradizionali sono statunitensi e russi. Quest’ultimi hanno dato alla panna acida una dignità unica nel suo genere, abbinandola ad alcune tra le preparazioni più caratteristiche e raffinate. Questo ingrediente si presta alle combinazioni più svariate e a risolvere pasti veloci con un tocco di creatività in più. Si può acquistare già pronta o preparare in casa in pochi semplici passi.

Che cos’è la panna acida?

La panna acida è un derivato della panna di latte fresco a cui vengono aggiunte colture batteriche molto simili a quelle impiegate per produrre lo yogurt. Si presenta come una crema compatta dal sapore acidulo e allo stesso tempo fondente. La panna acida è molto calorica e ha un’altissima percentuale di grassi, va quindi, se possibile, utilizzata nella preparazione di un piatto unico. Per quanto esistano in commercio confezioni di panna acida già pronta all’usa è possibile farla in casa con pochi semplici ingredienti: panna fresca, yogurt, succo di limone e contenitori appositi. 

Panna acida, crème frâiche e sour cream, quali sono le differenze? 

Formalmente queste tre preparazioni si assomigliano moltissime. Tutte e tre sono frutto di una lavorazione di panna fresca e Lactobacillus ma ciò che le rende diverse è sia un diverso grado di acidificazione sia un diverso uso del succo di limone. La crème frâiche francese è la più morbida delle tre, quella in cui la componente grassa della panna fresca risalta maggiormente al palato. La panna acida e la sour cream sono la stessa identica cosa ma, nel caso della popolare crema acida americana molto popolare nelle cucine tex-mex e cajun, si preferisce lasciarla un po’ più liquida della panna acida europea.

A cosa si abbina la panna acida?

La panna acida pastorizzata ha una data di scadenza piuttosto comoda, può quindi essere una buona idea tenerne sempre un vasetto in frigorifero a beneficio di grandi e piccini. Con la panna acida si possono creare aperitivi, piatti unici e secondi piatti cremosi e soddisfacenti, anche accompagnandola a cibi semplici come la patata – famosissime le baked potatoes britanniche, patate al cartoccio farcite di panna acida e decorate con cipollotto o erba cipollina. Come dicevamo, la sour cream americana è uno degli ingredienti più popolari della cucina tex-mex, perché consente di legare sapori complessi come le carni, i peperoni, le cipolle, il pimento, l’avocado…consentendo di servire golosissime fajitas e burritos anche a casa. Lo stesso vale per i bagel, il cui condimento d’eccellenza è panna acida, salmone affumicato e erbe aromatiche. Va però sottolineato che la panna acida è ottima anche su un pezzo di pane casereccio tostato, guarnita di erba cipollina o aneto.

Esempi di ricette con panna acida. 

Oltre allo street food, la panna acida si presta benissimo anche a preparazioni più complesse. Può essere usata come legante di zuppe e vellutate a base di zucca e patate, da decorare poi di piccoli crostini di pane tostati in padella con cumino e paprika dolce. Anche nelle zuppe di funghi aggiunge un tocco di morbidezza e di rotondità, soprattutto con una spolverata di prezzemolo finale. Con la panna acida si possono creare primi piatti a base di pasta e salmone sia affumicato che cotto, mentre passando ai secondi piatti bisogna ammettere che questa preparazione sta bene con tutte le pietanze. Si accompagna benissimo al pollo o al tacchino, per esempio, ma anche a filetti di merluzzo e salmone. Uno degli abbinamenti più interessanti lo si ottiene con il coniglio, la cui carne tenera tende ad assorbire parte dell’acidità della panna in cottura. Non dimentichiamoci dei dolci: la panna acida è utile per preparare cheesecake e frittelle dolci, oltre che per servire strudel e torte di pan di spagna. 

La panna acida nella cucina russa.

Come abbiamo già accennato, la panna acida (che in russo si chiama smetana) è un ingrediente che i russi hanno preso dalla cucina francese e adattato ai loro ingredienti. Si parte dai blinis, frittelline salate di grano saraceno servite con un cucchiaio di panna acida e un trito di erba cipollina (con del caviale  nelle occasioni speciali), e dal borsch, densa zuppa di ortaggi e carne di manzo. I russi sono innamorati della loro panna acida, tanto che a ben vedere la panna acida è considerata un asso nella manica da poter utilizzare in qualsiasi preparazione, oppure per creare versioni più moderne e leggere di piatti tradizionali. Un esempio è l’insalata shuba, detta anche “l’aringa sotto la pelliccia”, ricchissimo antipasto composto di molti strati di patate, rape rosse, filetti di aringa e maionese fatta in casa che può essere sostituita con la panna acida per dare alla shuba un tocco di sapore in più. 

come diventare cuoco professionista
Cerchi lavoro in cucina? Scopri le offerte
ricetta carbonara cannavacciuolo marco ilardi e lino d' Angiò
Vi presentiamo Giovannino Caccavacciuolo e la sua ricetta segreta della carbonara