logo cinque gusti

Direttore Marco Ilardi

Guida alla scelta dell’olio

L’olio, di qualsiasi tipologia, è un condimento fondamentale in tutto il mondo, ma in particolar modo nella cucina italiana: per condire insalate, carne e pesce, per friggere e anche per preparare dolci.

In questo articolo vi guiderò alla scelta di un olio d’oliva di qualità (perché anche se proposto come tale non è detto che lo sia), e in quali circostanze utilizzare tutti i tipi di presenti in commercio.

L’olio extravergine di oliva

L’olio EVOè quello che fa capolino tra le varie tipologie ed è il più ambito e diffuso.

Per sceglierne uno di qualità è importante imparare ad evitare quelli low-cost degli scaffali dei supermercati: investire qualche soldo in più ne va sicuramente della qualità del prodotto e della bontà dei piatti da esso conditi.

L’olio extravergine di oliva è quello meno acido tra tutti gli oli ed è proprio per questo che è l’ideale per condire insalate e piatti di carne e verdure, spesso sostituisce nella preparazione dei dolci i vari oli di semi ed è l’ideale anche per friggere.

Olio di semi di girasole

È il più utilizzato in cucina tra quelli a base di semi, ed è ricco di omega 3, omega 6 e vitamina E, importantissimi per la salute del cuore e per combattere l’invecchiamento cellulare.

Ideale per preparare dolci e salse (ad esempio la maionese). Non è l’ideale invece per friggere, cosa che invece quasi tutti erroneamente fanno: quest’olio non regge le alte temperature e tende ad evaporare appena toccati i 130°.

Olio di semi di arachidi

Anche questo tipo di olio, come quello di girasole, ha costituenti molto importanti per il benessere del nostro organismo, soprattutto sul piano cardiovascolare.

È proprio l’olio di arachidi, tra i vari a base di semi, ad essere il più adatto per la frittura: regge temperature molto alte e il suo punto di fumo arriva a 180°.

Olio di mais

Quest’olio può essere considerato il meno naturale tra tutti gli oli presenti in commercio, poiché è frutto di un’estrazione forzata, ed è l’olio più grasso.

Nonostante quest’introduzione possa farlo sembrare un olio da evitare del tutto, anche l’olio di mais ha i suoi benefici. Si tratta di un olio costituito per la maggiore da grassi insaturi e quindi non tendono ad accumularsi nel nostro organismo e previene anch’esso disturbi a livello cardiovascolare (basti ricordare l’olio Cuore).

L’olio di mais è l’ideale per condire insalate e soprattutto piatti a base di pesce (con quantità moderate perché è comunque un olio molto grasso). Può essere un valido sostituto dell’olio EVO e dell’olio di semi di arachide per friggere.

Qualsiasi olio si utilizzi per friggere, l’importante è non conservarlo per le fritture future (l’olio deve essere sempre pulito!). Ancor più importante è il suo smaltimento: portarlo sempre nei punti di raccolta pertinenti ed equipaggiati al corretto smaltimento senza mai sbarazzarsene in maniera incosciente!

digital food libro di marco ilardi
Leggi Digital food il nuovo libro di Marco Ilardi
come diventare cuoco professionista
Cerchi lavoro in cucina? Scopri le offerte lavorative per cuochi
ricetta carbonara cannavacciuolo marco ilardi e lino d' Angiò
Vi presentiamo Giovannino Caccavacciuolo e la sua ricetta segreta della carbonara guarda la videoricetta dello chef
libro marco ilardi
Digital Food il libro di Marco Ilardi
wine nft app mobile lista vini metaverso
Wine NFT la lista dei vini nel metaverso
Contenuti riservati a Cinque gusti