Aglio – il miglior amico della memoria

L’aglio è un alimento immancabile nella cucina di ogni italiano, utilizzato in praticamente ogni ricetta, è il miglior amico dell’organismo per tantissimi fattori.

Una delle cose più importanti che probabilmente in molti già sanno, è che l’aglio ha delle grandi proprietà disinfettanti e proprio per questo motivo andrebbe assunto regolarmente per consentire al nostro organismo di purificarsi.

Adesso, però, a ciò che già sapevamo si aggiungono nuovi studi che affermano quanto l’aglio sia importante anche per preservare la nostra memoria.

 

Aglio e memoria

Lo studio arriva da Louisville (USA) dove gli scienziati affermano che consumare abitualmente aglio migliora la memoria e ostacola il calo delle capacità cognitive che accompagna la tarda età.

A quanto pare, dallo studio è emerso che tutto ciò sia possibile grazie al disolfuro di allile che è anche la causa del caratteristico odore dell’aglio.

Questa sostanza contribuisce a rafforzare la flora intestinale (fattore determinante del buon funzionamento della nostra memoria).

Ma quali sono tutti gli altri benefici dell’aglio?

Parliamo di un vero e proprio toccasana per il nostro organismo. Infatti, l’aglio è un vero toccasana.

Vecchio rimedio delle nonne consigliatissimo nei periodi invernali per prevenire dal raffreddore ma non solo…

Vediamo quali sono tutti i benefici di un’assunzione regolare di aglio;

  • Antibatterico: è grazie all’allicina che possiamo considerare l’aglio un antibatterico naturale. Inoltre, l’aglio contiene la garlicina. Quest’ultima è ricca di sostanze minerali ed oligominerali (magnesio, calcio, fosforo, iodio e ferro).
  • Cura la pelle e la previene dalle impurità
  • Favorisce la crescita dei capelli
  • Regolatore della pressione arteriosa
  • Regolarizza il tasso di colesterolo
  • Contrasta i problemi di meteorismo
  • Ottimo rimedio contro la diarrea

 

Insomma, è davvero un toccasana sotto tantissimi punti di vista… è impossibile farne a meno.

Nonostante i problemi di alito cattivo provocati dall’eccessiva quantità di zolfo contenuta al suo interno, è bene imparare a consumare l’aglio regolarmente e in piccole dosi (il troppo storpia sempre… non dimentichiamolo).

 

Come consumare l’aglio?

Esistono tantissimi modi per consumare l’aglio, non solo a crudo come si può comunemente credere.

Inoltre, sono tante anche le ricette molto gustose in cui inserirlo per insaporire e approfittare dei suoi numerosi benefici.

 

Vediamone alcuni:

 

Pici all’aglione

Piatto tipico della cucina toscana, i pici all’aglione sono spaghetti fatti di pasca fresca e tipici della zona di Siena.

Questi spaghetti, poi, vengono conditi con il sugo all’aglione di Chiana che è un particolare tipo d’aglio molto grande il cui singolo spicchio può corrispondere anche al bulbo intero di un aglio normale.

Sfortunatamente, questo tipo di aglio sta andando via via scomparendo. Ma niente paura, è possibile ottenere il sugo all’aglione anche con del tipico aglio fresco.

Al protagonista di questo sugo, l’aglio, dovrete aggiungere i pomodori tagliati finemente che restituiranno una consistenza molto simile alla bolognese e soprattutto molto gustosa!

Salsa Tzatziki

Salsa greca alternativa alla maionese molto leggera e gustosa. È a base di cetriolo, yogurt e ovviamente aglio.

Gustosa se a completare il tutto aggiungerete il succo di limone e un filo d’olio.

 

Olio all’aglio

Altro metodo efficace per consumare aglio e assumere le sue proprietà benefiche. Uno dei modi migliori per ottenerlo è mettendo in immersione nell’olio per qualche ora degli spicchi d’aglio puliti e successivamente rimuoverli e consumare l’olio come si farebbe normalmente.

Zuppa di aglio

Questo è il metodo che adottava il mio bisnonno, che aveva origini baresi. Aveva l’abitudine di prepararsi almeno una volta alla settimana una zuppa di aglio con l’apposito intento di purificare il suo corpo.

Non mi sono mai azzardata a provare la ricetta, ma sono certa che si tratti di qualcosa di molto, molto strong…!

 

Insomma, non importa se crudo o cotto, a pezzi o sminuzzato… l’importante è comprendere a pieno l’importanza e i benefici dell’aglio. Consumarlo con regolarità significa aiutare mente e corpo, come ci viene ormai confermato anche dall’America.

 

>>> La frutta secca

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Altri articoli

diana gourmet alassio

Il Diana Gourmet di Alassio

Il Diana Gourmet è il ristorante gastronomico dell’albergo Diana Grand Hotel. La firma del menu è quella dello chef Ivano Ricchebono, 1 stella Michelin, il

Cibo e ansia – nemici e amici

Il cibo e l’ansia sono strettamene correlati e il loro rapporto, in base a come decidiamo di gestirlo, può giovare al nostro organismo e alla

tutte le sfumature del vin brûlé

Vin Brulè

Vin Brulè che cosa è, dove si assaggia, come si fa? In inverno durante quelle giornate fredde e ventose in cui l’unico desiderio è riscaldarsi con

gambero rosso la storia

Gambero Rosso, la guida e la storia

Gambero rosso, come nasce la guida? Gambero Rosso S.p.a. è una casa editrice specializzata in enogastronomia, fondata il 16 dicembre 1986 dal giornalista Stefano Bonilli, come supplemento

dettaglio cibo fritto

Ricette friggitrice ad aria

  La friggitrice ad aria, o airfryer, è un’alternativa più salutare alla classica friggitrice e permette di usare poco olio, ottenendo cotture al forno, grigliate,

Il cibo che fa bene alla pelle

Il cibo non è solo quello che crediamo. Un solo chicco di caffè può condizionare il nostro umore, favorire determinate patologie o – al contrario

le botti in cantina

Le fasi del metodo classico

Il metodo classico, detto anche metodo tradizionale o metodo champenoise, è un sistema di spumantizzazione caratterizzato dal principio della rifermentazione in bottiglia. È un procedimento

distese di vino chianti

Vino Chianti, zona di produzione

Vino Chianti, zona di produzione e storia L’origine del nome Chianti non è certa. Secondo alcune versioni potrebbe derivare dal termine latino clangor, ovvero rumore,