fbpx

Uova a zuppetella

uova-a-zuppetella

Uova a zuppetella

Uova a zuppetella ricetta e storia

Le uova a zuppetella sono una ricetta economica ma molto prelibata e genuina che proviene dalla cucina partenopea. Si tratta di un salva cena veloce da cucinare ma che aggiunge il giusto apporto calorico. Ideale per i bambini ma adatti a tutti i membri della famiglia. Vengono realizzate con pomodori, uova e cipolle come elementi base. Ci sono però aggiunte di ingredienti, tempi di cottura che variano e curiosità da svelare. 

Con questa guida vogliamo dare anche uno sguardo alle sue origini e parlare dell’altro nome associato a questo cibo. Le uova a zuppetella, infatti, vengono ricordate con un nome diverso e scopriremo insieme di quale si tratta. Per poi arrivare spediti alla ricetta vera e propria, con i consigli sulla preparazione. E travalicare i confini nostrani con ricette straniere.

Origini e storia delle uova a zuppetella?

Come si può facilmente intuire, le uova a zuppetella prendono questo nome perché sono immerse in una zuppa. L’origine del piatto è napoletana e nasce dalla tradizione contadina. Cucina semplice in risposta alle ristrettezze economiche e i periodi di carestie o guerre.

Da Napoli proviene l’altro nome associato alla pietanza cioè uova in purgatorio. Per parlare delle origini di questo nome, dobbiamo spostarci brevemente sul versante religioso/artistico. 

Infatti, il bianco dell’uovo rappresenta il manto delle anime del purgatorio (pezzentelle in dialetto napoletano). Questo li protegge dal fuoco infernale, simboleggiato dal pomodoro. Simbologia religiosa che riprende i temi delle immagini votive di supplica ai santi. Create specialmente quando c’era la peste.

Secondo Carmine Cimmino, ad Ottaviano in Campania, almeno fino al 1905 si consumavano queste uova nel giorno della processione della Madonna del Carmine in piazza San Giovanni. In un banchetto offerto alle congreghe religiose da parte delle famiglie più benestanti. Tradizione ricorrente in buona parte dell’area vesuviana e  associata ad altri riti religiosi o sociali.

Ricetta  delle uova a zuppetella

Ingredienti: 4 fette di pane casereccio, 4 Uova, 8 cipollotti, 250 gr di pomodori ciliegini, 1 ciuffo di prezzemolo, 40 gr di strutto, 4 cucchiai dai Olio extravergine d’oliva, sale e pepe nero q.b.

Per prima cosa l’olio andrà scaldato in padella. Poi si aggiungerà lo strutto, per farlo sciogliere. Terzo elemento da soffriggere sono i cipollotti, previa pulitura e taglio. Basteranno 5 minuti per renderle dorate.

Di seguito procederemo con l’inserimento dei pomodori e cuoceremo a fuoco vivo mescolando il composto. Due mestoli d’acqua calda e portiamo a bollore. Abbassiamo dunque la fiamma e copriamo con il coperchio, lasciando uno spiraglio d’aria. Serviranno tra i 15 e i 20 minuti. 

Prendiamo le uova, priviamole del guscio, sbattiamole e uniamole agli altri ingredienti in padella. Per mantenere il tuorlo bianco e morbido la cottura proseguirà per pochi minuti, massimo 5. In caso contrario, potranno servire altri 20 minuti.

Terminata la cottura, adoperate sale, pepe e prezzemolo quanto basta per insaporire il piatto. A questo punto, le uova a zuppetella sono pronte. Accompagniamole con pane, crostini o pizzette a scelta. La scarpetta in questo caso è d’obbligo così come un buon bicchiere di vino rosso.

Se vogliamo limitare i 20 minuti finali di cottura, possiamo avvalerci di un frullatore e risparmiare tempo. Inoltre, per una ricetta meno carica, si può eliminare lo strutto, le uova avranno comunque un ottimo sapore ed aspetto. Ci sono invece opzioni più sostanziose che presentano il parmigiano grattugiato e la provola. O altre che non disdegnano i peperoni e i piselli. 

Uova a zuppetella: Varianti nel mondo

La ricetta delle uova a zuppetella è diffusa in Campania ma anche in altre regioni italiane. Una sua variante molto lontana la troviamo nelle Marche. Stiamo parlando delle uova in trippa alla marchegiana. In questo caso, le uova sono preparate con latte e farina e insaporite con noce moscata e maggiorana. Niente trippa come il nome faceva pensare ma pomodoro sì per una pietanza che somiglia più a una frittata.

Basta rimanere in altri luoghi del Mediterraneo come l’Africa per gustare qualcosa di simile alle uova a zuppetella. Andando ancora oltre, ne abbiamo attestazione anche nella cucina israeliana con il nome di shakshuka (“mistura”). Lo riporta lo chef ebreo di origini italo-tedesche Yotam Ottolenghi nel suo libro Jerusalem. Quali sono le differenze di questa preparazione rispetto al piatto italiano? 

Prima di tutto, a caratterizzare in maniera massiccia il cibo è la piccante salsa locale Harissa. In secondo luogo troviamo l’aggiunta di peperoni rossi e gialli e come aroma il cumino in semi. Non è però finita qui. Completano il quadro degli elementi di novità un po’ di formaggio spalmabile chiamato labneh o in alternativa yogurt denso. Il resto degli ingredienti è pressoché analogo. 

Insomma uova e pomodoro aprono un mondo di sapori e tradizioni, ricette e nomi di piatti da tenere presente quando si è a corto di idee e la fame si fa sentire.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Altri articoli

Guida Michelin

Michelin:la guida

 Michelin la storia della guida E’ stupefacente sapere che la guida Michelin nasce dalla vendita di pneumatici dall’azienda francese la cui mission è la produzione

Bevande estive: la cedrata

L’estate è quasi alle porte e ciò significa ritrovarsi più spesso in compagnia e aver voglia di rinfrescarsi; e quale bevanda migliore se non la

vino-cotto-

Vino Cotto

Il vino cotto, tradizione e storia di una ricetta   Mai sentito parlare del vino cotto? Si tratta di un prodotto della tradizione contadina tipico

Cibi del mondo: il sushi

Il sushi è uno dei piatti principali e caratteristici della cucina giapponese; apprezzato da molti e soggetto di interesse per altre popolazioni, il sushi si

storia del pan di spagna

Il Pan di Spagna storia

Il pan di Spagna, storia e ricetta   È una delle otto preparazioni base della pasticceria: parliamo del pan di spagna. Una base soffice e

Salse dal mondo: la senape

La senape è una salsa che spesso accompagna piatti di carne cotta o cruda, ma anche contorni come patate o verdure bollite e raffreddate; può

farfalle con ragu di carne

Ragù tutti i pezzi

Ragù i pezzi di carne utilizzati e la sua storia Immancabile piatto unico della domenica, con il sugo che condimento della pasta e la carne

torta di compleanno fatta in casa

Torte di compleanno fatte in casa

Torta di compleanno fatta in casa: idee Tanti trucchi e idee diverse per la preparazione di una torta di compleanno fatta in casa.  Festeggiare il

La frutta secca

La frutta secca è uno dei cibi più apprezzati, specialmente durante le feste al seguito dei lunghi pranzi e cene che riempiono tavole intere; ma

minipimer frullati

Minipimer a cosa serve

Minipimer cos’è e cosa serve Il minipimer è uno strumento molto usato in cucina per vari scopi e semplicissimo da utilizzare. Si tratta di un

La caramellizzazione

La caramellizzazione è un esempio importante di come il calore sia fondamentale in ambito culinario: per cuocere la carne, riscaldare cibo, preparare la pasta; ma

il-pesce-spada

Il pesce spada

Il pesce spada dove si pesca, come si cucina e quando  Il pesce spada è un pesce di mare di grossa taglia dalla carne rosata.

fermentino

Vermentino, tipologia di vino

Vermentino, storia e zona di produzione Il Vermentino è un vitigno che negli ultimi anni ha visto una progressiva espansione della sua coltivazione in Italia

Hummus e porridge

L’hummus e il porridge sono pietanze già conosciute e cucinate da tempo, ma hanno avuto un boom particolare specialmente negli ultimi due anni. Si tratta

uova-proprietà

Le uova come cucinarle!

Uova che passione tipologie diverse tempi di cottura Le uova sono un alimento base o ingrediente in numerose pietanze preparate in tutto il mondo. Senza

slow-food-marchio

Slow Food, la storia

Storia dello Slow Food  Cos’è Slow Food?  Slow Food è un movimento internazionale che promuove il giusto valore del cibo, associato alle tradizioni e al

logo cingue gusti

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale

* indicates required

Autorizzo Micropedia ad inviarmi newsletter che riguardano il food magazine ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e del GDPR (Regolamento UE 2016/679).

Puoi cancellarti in qualunque momento cliccando il link nel footer delle tue email che riceverai alla casella di posta indicata sul form. Per informazioni sulla nostra privacy policy visita cinquegusti.com

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.