Su quali piatti utilizzare il formaggio?

A chi non piace il formaggio? Tutti ne abbiamo di qualche tipologia nei nostri frigoriferi.

Il formaggio si ottiene con la coagulazione del latte (intero, scremato, parzialmente scremato) con l’aggiunta di caglio o attraverso una coagulazione acida; successivamente ci sono le fasi di spurgo, filatura, salatura e infine la fase di stagionatura.

 

Cenni storici

La storia del formaggio ha origini antichissime: alcuni fonti storiche rimandano alla civiltà sumera ed egizia intorno al terzo millennio a.C. Per le prime produzioni di formaggio in Italia bisognerà aspettare 1500 anni e da questo momento inizieranno ad essere prodotti i formaggi più famosi italiani tra cui il gorgonzola; ma solo dopo il Medioevo i formaggi inizieranno ad essere presenti sulle tavole dei nobili e successivamente su tutte le altre.

 

Proprietà del formaggio

Il formaggio è ricco di principi nutritivi:

  • Ha una notevole presenza di vitamine molto importanti per la costruzione e mantenimento di organi e tessuti
  • Sono la fonte primaria di calcio, fosforo e vitamina D, essenziali nella fase di crescita delle ossa e per il loro mantenimento (prevengono la decalcificazione).
  • Se non eccessivamente grassi, hanno un’alta digeribilità

 

Bisogna però fare attenzione: un’assunzione troppo frequente di formaggio è sconsigliata a chi ha valori alti di colesterolo e trigliceridi, perché costituito da grassi saturi.

 

Varie tipologie di formaggio

Esistono tantissimi tipi di formaggio che vengono classificati in base a vari criteri che riguardano le caratteristiche del formaggio stesso o la sua preparazione.

  • In base al tipo di latte utilizzato: formaggi vaccini, pecorini, caprini e misti.
  • In base al contenuto di grassi: formaggi grassi, semigrassi, leggeri e magri.
  • In base al trattamento termico: formaggi a latte crudo o a latte pastorizzato.
  • In base alla consistenza della pasta: formaggi a pasta molle, a pasta semidura o a pasta dura.
  • In base alla crosta: formaggi a crosta fiorita, a crosta lavata o formaggi affumicati.
  • In base ai tempi di stagionatura: formaggi freschi, a stagionatura media o a stagionatura lenta.

 

Formaggi freschi e formaggi stagionati: le differenze

Formaggi freschi e stagionati hanno dalla loro come punto comune indubbiamente la bontà, ma hanno altrettante differenze, la prima tra tutte l’apporto calorico: i formaggi hanno un carico calorico molto più elevato rispetto ai freschi e una presenza maggiore di grassi, sale e proteine.

Dalla loro però, i formaggi stagionati possono considerarsi molto più digeribili rispetto a quelli freschi, proprio perché la stagionatura rende i formaggi più poveri di lattosio.

Un’altra differenza è ovviamente il periodo di maturazione: i formaggi freschi hanno un periodo di maturazione inferiore ai 30 giorni, mentre quelli stagionati hanno un periodo di maturazione che va dai sei mesi e può superare i dodici.

 

Su quali piatti utilizzare il formaggio?

Il formaggio, proprio come altri alimenti, si presta ai più vari utilizzi; il modo classico di usare il formaggio quotidianamente è quello di spolverarlo grattugiato sui piatti di pasta.

Ma ci sono tantissimi modi di usare il formaggio e rendere i piatti altrettanto saporiti:

  • Tra due fette di pane raffermo, passato il tutto nell’uovo e poi fritto: il famoso pane in carrozza.
  • I formaggi a pasta morbida o filata possono essere impanati e fritti e creare così gustosissimi snack.
  • Sulle pizze: di qualsiasi genere, bianche o rosse, un formaggio non può che renderle più saporite.
  • Nelle paste cotte in forno come lasagne, ruoti al forno e i famosi gnocchi alla sorrentina.
  • Il formaggio, di varie tipologie, può anche essere servito su un tagliere tagliato a fette per accompagnare buoni vini durante gli aperitivi.
  • Può condire risotti e anche focacce.
  • Formaggi come il primosale, possono condire le classiche insalate.
  • La mozzarella, in una buona insalata di pomodori, è ottima per condire le famose freselle.

 

>>> Come condire gli alimenti con il limone

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Altri articoli

diana gourmet alassio

Il Diana Gourmet di Alassio

Il Diana Gourmet è il ristorante gastronomico dell’albergo Diana Grand Hotel. La firma del menu è quella dello chef Ivano Ricchebono, 1 stella Michelin, il

Cibo e ansia – nemici e amici

Il cibo e l’ansia sono strettamene correlati e il loro rapporto, in base a come decidiamo di gestirlo, può giovare al nostro organismo e alla

tutte le sfumature del vin brûlé

Vin Brulè

Vin Brulè che cosa è, dove si assaggia, come si fa? In inverno durante quelle giornate fredde e ventose in cui l’unico desiderio è riscaldarsi con

gambero rosso la storia

Gambero Rosso, la guida e la storia

Gambero rosso, come nasce la guida? Gambero Rosso S.p.a. è una casa editrice specializzata in enogastronomia, fondata il 16 dicembre 1986 dal giornalista Stefano Bonilli, come supplemento

dettaglio cibo fritto

Ricette friggitrice ad aria

  La friggitrice ad aria, o airfryer, è un’alternativa più salutare alla classica friggitrice e permette di usare poco olio, ottenendo cotture al forno, grigliate,

Il cibo che fa bene alla pelle

Il cibo non è solo quello che crediamo. Un solo chicco di caffè può condizionare il nostro umore, favorire determinate patologie o – al contrario

le botti in cantina

Le fasi del metodo classico

Il metodo classico, detto anche metodo tradizionale o metodo champenoise, è un sistema di spumantizzazione caratterizzato dal principio della rifermentazione in bottiglia. È un procedimento

Aglio – il miglior amico della memoria

L’aglio è un alimento immancabile nella cucina di ogni italiano, utilizzato in praticamente ogni ricetta, è il miglior amico dell’organismo per tantissimi fattori. Una delle

distese di vino chianti

Vino Chianti, zona di produzione

Vino Chianti, zona di produzione e storia L’origine del nome Chianti non è certa. Secondo alcune versioni potrebbe derivare dal termine latino clangor, ovvero rumore,