fbpx

Slow Food, la storia

slow-food-marchio

Storia dello Slow Food 

Cos’è Slow Food? 

Slow Food è un movimento internazionale che promuove il giusto valore del cibo, associato alle tradizioni e al rispetto dell’ambiente e della biodiversità così come la ricerca di un’agricoltura sostenibile. Nato in Italia in risposta al proliferare dei fast food e contro la mera logica del profitto è ormai attivo in 150 paesi per realizzare un’alimentazione buona, pulita e giusta per tutti.

Secondo questa prospettiva, mangiare non è solo alimentarsi ma è motivo d’incontro, dialogo, riscoperta e diversità. Rispettare chi produce i cibi e i ritmi delle stagioni così come evitare gli sprechi non fa bene solo al pianeta ma anche alla vita quotidiana di ognuno di noi.

In questa guida, scopriremo di più su Slow Food. Capiremo quando è nato e le battaglie che ha portato avanti e continua a fare negli ultimi anni. Partendo dai motivi e gli ideali che hanno condotto il fondatore a creare quest’attività no profit, fino ai progetti ed iniziative di ieri e di oggi che hanno caratterizzato Slow Food. 

Quando nasce?

Slow Food nasce a Bra in Piemonte nel 1986 per opera di Carlo Petrini. In un primo momento era conosciuto come Arci Gola. Pochi anni dopo, nel 1989, assume caratteri internazionali come “Movimento per la tutela e il diritto al piacere”. Nel manifesto d’intenti, l’associazione si ergeva a paladina di un modo di vivere lento e piacevole contro la frenesia della vita moderna veloce. Tutto questa passava per la convivialità della buona tavola, del piacere dei sapori autentici e locali. Dunque una nuova gastronomia e un’educazione al gusto e all’alimentazione consapevole. 

Nei primi anni 90, il movimento si articola anche nella casa editrice Slow Food Editore e apre alcune sedi a Berlino e Zurigo.  Nel 1996 viene realizzata la prima edizione del Salone Internazionale del Gusto e in quell’occasione viene presentata l’Arca del Gusto. Un catalogo mondiale che raccoglieva i sapori tradizionali in via d’estinzione. Per fare qualcosa di concreto contro questo rischio, nel 2000 prendono via i Presidi Slow Food. 

Dal 2004 la FAO, organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, riconosce Slow Food come associazione no profit con cui collaborare. Partono iniziative come Terra Madre e Orto in Condotta. Slow Food avvia campagne contro gli OGM e Gm Wines, cioè le viti transgeniche. Inoltre viene redatto il Manifesto in difesa dei formaggi a latte crudo e si tengono convegni, seminari e laboratori in Italia e nel mondo.

Slow Food: Progetti e iniziative

Sono parecchie le iniziative che Slow Food ha realizzato dalla sua nascita ad oggi. Vediamo più nel dettaglio di cosa stiamo parlando. 

Slow Food ha fondato l’Università dei Scienze Gastronomiche nel 2004 grazie alla collaborazione con le regioni Piemonte ed Emilia-Romagna. E’ riconosciuta dal Ministero dell’università e della ricerca ed ha sede a Pollenza vicino Bra. Gli ideatori sono Carlo Petrini e Massimo Montanari. 

L’ateneo ha lo scopo di fare formazione e ricerca nel campo dell’agricoltura sostenibile e dedicarsi allo studio e al mantenimento delle diversità bio-culturali attraverso un approccio scientifico-umanistico. Un modo, come sostengono i suoi promotori, per donare dignità accademica al cibo.

Terra Madre è l’iniziativa cardine di Slow Food. Prende il nome completo di “Terra Madre – incontro mondiale delle Comunità del cibo” e riunisce contadini, pescatori, allevatori per dialogare su sovranità alimentare, biodiversità e diritto ad un cibo buono, pulito e giusto. 2000 comunità in tutto il mondo sono coinvolte in questo progetto che culmina nell’evento annuale del Salone del Gusto e Terra Madre di Torino.

In scia a Terra Madre, è sbocciata la Fondazione Slow Food per la Biodiversità.

Con progetti di difesa delle comunità e delle tradizioni locali legate al cibo. La Fondazione tutela 400 Presidi Slow Food per la salvaguardia di piccole produzioni gastronomiche e 1000 prodotti dell’Arca del Gusto in tutto il mondo.

Cittaslow è invece una rete di comuni che si occupa del miglioramento della qualità di vita di cittadini e turisti. La rete è sorta nel 1999 per volere di Slow Food e dei sindaci di Bra, Greve in Chianti, Orvieto e Positano. Questo riconoscimento viene rinnovato ogni 3 anni e concesso a città con meno di 50 mila abitanti che rispettano determinati requisiti. Il progetto è in corso anche in altri stati del mondo.

Non mancano progetti educativi come i già menzionati Orti in Condotta, cultura alimentare per scolari e famiglie, oppure il Master of Food. Quest’ultimo è basato sull’allenamento dei sensi, la degustazione del cibo e l’apprendimento di tecniche produttive del cibo.

Slow Food Italia è anche parte integrante del forum dei movimenti per la terra e il paesaggio. Un gran numero di associazioni e cittadini uniti contro la cementificazione del territorio italiano.

Molto lodevole, infine, il progetto 10 mila orti in Africa che mira a creare una rete di giovani che s’impegnino per salvaguardare la biodiversità in Africa e le tradizioni gastronomiche lì presenti.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Altri articoli

Guida Michelin

Michelin:la guida

 Michelin la storia della guida E’ stupefacente sapere che la guida Michelin nasce dalla vendita di pneumatici dall’azienda francese la cui mission è la produzione

Bevande estive: la cedrata

L’estate è quasi alle porte e ciò significa ritrovarsi più spesso in compagnia e aver voglia di rinfrescarsi; e quale bevanda migliore se non la

vino-cotto-

Vino Cotto

Il vino cotto, tradizione e storia di una ricetta   Mai sentito parlare del vino cotto? Si tratta di un prodotto della tradizione contadina tipico

Cibi del mondo: il sushi

Il sushi è uno dei piatti principali e caratteristici della cucina giapponese; apprezzato da molti e soggetto di interesse per altre popolazioni, il sushi si

storia del pan di spagna

Il Pan di Spagna storia

Il pan di Spagna, storia e ricetta   È una delle otto preparazioni base della pasticceria: parliamo del pan di spagna. Una base soffice e

Salse dal mondo: la senape

La senape è una salsa che spesso accompagna piatti di carne cotta o cruda, ma anche contorni come patate o verdure bollite e raffreddate; può

farfalle con ragu di carne

Ragù tutti i pezzi

Ragù i pezzi di carne utilizzati e la sua storia Immancabile piatto unico della domenica, con il sugo che condimento della pasta e la carne

torta di compleanno fatta in casa

Torte di compleanno fatte in casa

Torta di compleanno fatta in casa: idee Tanti trucchi e idee diverse per la preparazione di una torta di compleanno fatta in casa.  Festeggiare il

La frutta secca

La frutta secca è uno dei cibi più apprezzati, specialmente durante le feste al seguito dei lunghi pranzi e cene che riempiono tavole intere; ma

minipimer frullati

Minipimer a cosa serve

Minipimer cos’è e cosa serve Il minipimer è uno strumento molto usato in cucina per vari scopi e semplicissimo da utilizzare. Si tratta di un

La caramellizzazione

La caramellizzazione è un esempio importante di come il calore sia fondamentale in ambito culinario: per cuocere la carne, riscaldare cibo, preparare la pasta; ma

il-pesce-spada

Il pesce spada

Il pesce spada dove si pesca, come si cucina e quando  Il pesce spada è un pesce di mare di grossa taglia dalla carne rosata.

fermentino

Vermentino, tipologia di vino

Vermentino, storia e zona di produzione Il Vermentino è un vitigno che negli ultimi anni ha visto una progressiva espansione della sua coltivazione in Italia

Hummus e porridge

L’hummus e il porridge sono pietanze già conosciute e cucinate da tempo, ma hanno avuto un boom particolare specialmente negli ultimi due anni. Si tratta

uova-proprietà

Le uova come cucinarle!

Uova che passione tipologie diverse tempi di cottura Le uova sono un alimento base o ingrediente in numerose pietanze preparate in tutto il mondo. Senza

I friarielli: l’oro verde campano

I friarielli sono forse l’emblema della tradizione culinaria campana subito dopo la mozzarella. Definiti come l’oro verde campano, chiunque, almeno noi campani, lo abbiamo assaggiato

logo cingue gusti

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale

* indicates required

Autorizzo Micropedia ad inviarmi newsletter che riguardano il food magazine ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e del GDPR (Regolamento UE 2016/679).

Puoi cancellarti in qualunque momento cliccando il link nel footer delle tue email che riceverai alla casella di posta indicata sul form. Per informazioni sulla nostra privacy policy visita cinquegusti.com

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.