logo cinque gusti

Come scegliere il miglior carrello di formaggi

Proporre il miglior carrello di formaggi per il ristorante richiede un accurato studio e impegno della materia prima. È necessario che il ristorante conosca sufficientemente le produzioni casearie per avere la possibilità di scegliere la migliore produzione.

Nella fase di progettazione e studio del carrello, è bene che si riesca a crearsi uno schema mentale delle proposte e della varietà di formaggi di cui si intende disporre. Non tutti i carrelli di formaggi sono uguali, dipende molto anche dal tipo di cucina che si propone e da quello che si vuole comunicare ai commensali.

Ecco perché è importante studiare accuratamente la proposta in una preliminare fase di progettazione.

Oggi vi propongo alcuni suggerimenti da prendere in considerazione durante la scelta del carrello di formaggi:

Prodotti del territorio ma non solo

Conoscere accuratamente la proposta di prodotti caseari, come già detto, è molto importante. Ancora di più è essere capaci di creare una proposta che riesca a spaziare tra il gusto nostrano, quello europeo ed extraeuropeo.

È bene che il carrello dei formaggi abbia la capacità di proporre una vasta scelta di sapori caseari che sappiano in qualche modo completarsi a vicenda. Le sfumature di gusto sono fondamentali per creare un mix di formaggi vincente.

È bene avere una proposta di almeno dieci formaggi diversi da disporre su un carrello spazioso e ben in vista ai clienti.

Le proposte di formaggi possono seguire vari criteri:

  • In base al latte: in cui saranno presenti caprini, vaccini, pecorini che siano equamente suddivisi;
  • In base alla pasta: a pasta cruda, pasta cotta e a pasta filata. Anche in questo caso equamente divisi in porzioni uguali;
  • In base a un tema: che può essere in base a una specifica località oppure riguardi la stagionatura dei formaggi, ad esempio;
  • Percorso di diverse stagionature.

Dimensioni del carrello di formaggi

Questo è un altro aspetto molto importante: il carrello, esattamente come la proposta di formaggi al suo interno, dev’essere equilibrato anche nelle proporzioni e nella superfice.

Per questo motivo è importante sceglierlo in base alla quantità di proposte casearie che si intende adottare.

È molto importante evitare di creare dispersione, quindi troppo spazio tra un formaggio e l’altro, che finisca per far ottenere la distorta percezione di una frammentata e povera proposta.

Allo stesso tempo, è doveroso evitare un sovraffollamento sul carrello. Quindi non va bene neanche troppo piccolo: si finirebbe per creare un’accozzaglia di formaggi che alla vista restituirebbero una percezione confusa e poco gradevole.

Come sempre, è importante avere equilibrio.

Preparazione delle proposte

Il piatto di degustazione dei commensali va preparato secondo delle regole ben precise: i formaggi vanno disposti lungo il bordo della circonferenza del piatto. Si parte sempre dai formaggi più freschi, passando poi per i più maturi, fino ad arrivare agli erborinati alla fine del piatto.

Questi ultimi sono i più piccanti, è per questo che vanno fatti assaggiare per ultimi, così non si rischia di alterare il palato nella degustazione dei più freschi e leggeri.

È importante avere cura di non aggiungere scritte o descrizioni ai formaggi presenti sul carrello. Sarà meglio che tutte le dovute spiegazioni vengano date direttamente dal cameriere, così che i commensali non si distraggano dai protagonisti della degustazione: i formaggi.

>>> Vino: sfatiamo alcuni miti popolari

come diventare cuoco professionista
Cerchi lavoro in cucina? Scopri le offerte lavorative per cuochi
ricetta carbonara cannavacciuolo marco ilardi e lino d' Angiò
Vi presentiamo Giovannino Caccavacciuolo e la sua ricetta segreta della carbonara guarda la videoricetta dello chef