logo cinque gusti

In che modo la regina Elisabetta ha influenzato ciò che mangiamo e beviamo

regina elisabetta abitudini alimentari cinque gusti

Il regno della regina Elisabetta II è durato sette decenni e nell’immensa nostalgia della sua scomparsa abbiamo deciso di esaminare l’impatto che ha avuto sul cibo che compare sulle tavole da pranzo di tutto il mondo. L’ex chef di Buckingham Palace Darren McGrady offre una sbirciatina dietro le quinte e nella sala da pranzo reale nel suo libro, Eating Royally: Recipes and Remembrances from a Palace Kitchen .

McGrady, che è stata la cuoca personale della regina Elisabetta per 15 anni, condivide nel suo libro che aveva abitudini alimentari più semplici di quelle che ci si potrebbe aspettare da una reale. Certo, i menu delle cene di stato e di altre celebrazioni eleganti si adattano alle fantasie glamour che molte persone nutrono. Ma nella sua vita quotidiana, la regina non faceva esattamente uno spuntino con il caviale. In effetti, la sua dieta a casa era piuttosto quotidiana, anche se preparata da chef qualificati. Si godeva una semplice colazione a base di toast con marmellata e preferiva concedersi pranzi e cene leggeri. McGrady condivide nel suo libro che detestava i piatti con aglio o troppe cipolle. Queste inclinazioni leggermente facevano sembrare la sua dieta austera, ma aveva altri cibi e bevande come il salmone in camicia , i delicati biscotti al tè e focaccine con marmellata e panna rappresa a compensare!

Ecco alcune delle cose a cui la regina Elisabbetta non sapeva proprio dire di no:

Cocktail al gin

La preferenza della regina per il gin era così forte che ha rilasciato i suoi gin da Buckingham Palace e Sandringham House, realizzati con ingredienti dei giardini di ciascuno. Preferiva berli in un buon cocktail di gin, un gin martini o un gin e Dubonnet .

Tè earl grey

La regina iniziava ogni giorno con una tazza di Early Grey, un tradizionale tè nero al profumo di bergamotto che beveva con latte e senza zucchero. La sua devozione al sapore ha assicurato la sua popolarità in tutto il mondo, rendendolo il quinto gusto di tè più popolare a livello globale, secondo Fresh Tea. È il tè più associato ai reali in generale e alla regina Elisabetta in particolare, e non c’è dubbio che la sua popolarità sia stata accresciuta dall’essere il preferito di sua maestà.

Panini Al Tè Senza Crosta

Il tradizionale tè pomeridiano britannico risale al 1840, quando la duchessa di Bedford chiese un pasto leggero per colmare il divario tra pranzo e cena. La regina Elisabetta aderiva a un pasto quotidiano all’ora del tè, la sua preferenza per i panini delicati con le croste tagliate era ben pubblicizzata. Si dice che la sua versione preferita fosse salmone affumicato con crema di formaggio.

Cene di selvaggina e pesce selvatico

Se il vecchio adagio è vero, si dovrebbe fare colazione come un re, pranzare come un principe e cenare come un povero. La regina Elisabetta sembrava aver preso a cuore questo, mangiando pasti più leggeri composti da proteine ​​​​semplici e verdure durante la notte. Sportiva di lunga data, la regina Elisabetta cenava spesso a base di selvaggina, uccelli selvatici o altri selvaggi – spesso provenienti da una delle sue proprietà – o salmone pescato dal fiume Dee al castello di Balmoral. La predilezione della regina per la selvaggina si estese anche a pasti più casual. Secondo quanto riferito, era una grande fan degli hamburger fatti con carne di cervo. Di solito evitava patate, pasta o cereali durante il pasto serale, ma lasciava quasi sempre spazio per il dessert.

Torta di biscotti al cioccolato

La regina aveva un amore leggendario per i dolci, in particolare il cioccolato. Le è piaciuta soprattutto una classica torta semplici biscotti al tè sospesi in una ganache arricchita con uova e poi raffreddati prima di essere ricoperti da un sottile strato di cioccolato. Questo era qualcosa che richiedeva ogni giorno finché era in circolazione, secondo gli chef reali. Ha persino fatto trasportare gli avanzi del suo chef in treno da Buckingham Palace a Windsor per assicurarsi che non venisse sprecato un boccone. Era un dessert davvero degno di un re.

digital food libro di marco ilardi
Leggi Digital food il nuovo libro di Marco Ilardi
come diventare cuoco professionista
Cerchi lavoro in cucina? Scopri le offerte lavorative per cuochi
ricetta carbonara cannavacciuolo marco ilardi e lino d' Angiò
Vi presentiamo Giovannino Caccavacciuolo e la sua ricetta segreta della carbonara guarda la videoricetta dello chef
libro marco ilardi
Digital Food il libro di Marco Ilardi
Contenuti riservati a Cinque gusti