fbpx

I cinque gusti: la lingua fonte dei sapori

La lingua è la parte della bocca che ci aiuta a riconoscere i sapori.

Ogni parte della lingua riconosce un sapore in particolare. La lingua è ricca di ricettori ed è molto sensibile al caldo e al freddo: se ci scottiamo la lingua ad esempio, mangiando qualcosa di troppo caldo, essa per qualche giorno non riconosce più nessun sapore.

Poi però riprende tranquillamente ad allietarci nel riconoscimento dei vari sapori.

Le zone della lingua

Le zone della lingua che ci aiutano nel riconoscimento dei sapori sono diverse: ognuna è posta in una posizione ben precisa.

Nella lingua ci sono delle piccole particelle sensoriali che si chiamano papille gustative.

Sono proprio le papille che ci permettono di riconoscere la differenza tra un sapore e l’altro. Esse raccolgono informazioni sui diversi gusti e le inviano al cervello mediante i nervi del gusto.

Le papille non sono tutte uguali e per questo riescono a percepire sensazioni diverse quando assaporiamo un piatto.

Sulla parte più esterna della lingua, la parte della punta, possiamo riconoscere i sapori dolci.

Questo è uno dei motivi per cui il gelato ci piace leccarlo proprio con la punta.

La parte esterna laterale della lingua è quella in grado di riconoscere il sapore salato.

Se ci pensate bene, quando ad esempio mangiamo le patatine fritte, è proprio lì che le andiamo ad appoggiare perchè riusciamo a sentirne tutto il gusto.

La parte in fondo della lingua quella piu’ interna, ci fa percepire i sapori amari.

E’ importante sapere che spesso il sapore amaro è spesso anche il sapore delle sostanze tossiche.

La zona esterna della lingua nella parte centrale è quella che ci consente di percepire il sapore acido, acre come ad esempio quello del limone.

All’interno della bocca viene prodotto anche un liquido dalle ghiandole salivari chiamata saliva, che ci aiuta a riconoscere i sapori.

La lingua per percepire i sapori ha bisogno di essere bagnata: se la lingua è secca, il sapore delle cose si sente di meno.

Quando ci viene la cosiddetta acquolina in bocca, è perché stiamo assaporando qualcosa che ci piace molto e la lingua si sta preparando ad assaporare quel piatto.

In questo caso parliamo di gusto umami, che è la parola che riserviamo in cucina per riferirci a cibi particolarmente deliziosi. Le papille gustative umami si trovano al centro della lingua.

Alimenti che contengono umami sono ad esempio i pomodori, i funghi, il brodo di carne e i calamari.

L’umami è ciò che consente ai grandi chef di ravvivare i sapori di un piatto dandogli una profondità unica.

Sotto la lingua non possiamo riconoscere bene il sapore dei cibi perchè le papille si trovano solo nella parte superiore.

Quando mangiamo qualcosa, le sostanze chimiche presenti nel piatto comunicano col senso del gusto ed attraverso il nervo gustativo, le varie papille trasmettono sensazioni diverse al cervello, che è il giudice che decide se quello che stiamo assaggiando ci piaccia o meno.

Il gusto è importantissimo perchè aiuta anche a proteggere la nostra salute. Le cose nocive, tossiche, andate a male hanno un pessimo gusto ed il cervello invia subito segnali negativi che consentono di interrompere la masticazione.

Mentre i gusti sono solo cinque, i sapori sono invece migliaia.

Quando un piatto ha un buon sapore, è perché lo chef è stato bravo a bilanciare tutti i 5 elementi strettamente collegati col nostro cervello che risponde positivamente allo stimolo inviato dal boccone che stiamo mangiando.

Il sapore è dato dalla combinazione del gusto con l’aroma, infatti anche il naso con le papille ricettive degli odori contribuisce al risultato finale.

Quindi un piatto per essere buono deve avere oltre che un bell’aspetto, anche un buon sapore ed un buon odore. Dalla combinazione di questi elementi nasce la buona cucina.

Un prodotto ben fatto, con una buona presentazione, bei colori ed un buon odore, già predispone positivamente il palato ad accoglierlo iniziando la produzione di saliva ancor prima di inserire il primo boccone.

Per questo nei ristoranti di alta cucina si dà così tanta importanza alla presentazione del piatto.

I prodotti colorati e luminosi sono sicuramente più attraenti di quelli opachi e pallidi, anche per questo si fa così tanto uso del ghiaccio in cucina per mantenere ad esempio le verdure nella colorazione più naturale. Bloccandone la cottura, le verdure rimangono cosi’ ad esempio sode e brillanti.

L’importanza del retrogusto

il retrogusto è il sapore che ci resta di quel boccone dopo che ha lasciato la cavità orale ed è arrivato nell’esofago.

Esso viene misurato in base alla intensità, alla qualità e alla durata. Esso è particolarmente importante nella valutazione delle bevande in particolare dei vini.

In conclusione

Per concludere questo argomento, che è talmente fondamentale da dare il titolo al nostro food magazine, diciamo che i prodotti che hanno la migliore percezione sensoriale per il nostro cervello non sono mai troppo dolci, amari o salati. Un eccesso di questi sapori può essere dannoso nella valutazione complessiva del piatto, e solo con un corretto equilibrio è possibile creare piatti bilanciati che possano essere definiti dal cliente saporiti e degni di una recensione del piatto.

 

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Altri articoli

Guida Michelin

Michelin:la guida

 Michelin la storia della guida E’ stupefacente sapere che la guida Michelin nasce dalla vendita di pneumatici dall’azienda francese la cui mission è la produzione

Bevande estive: la cedrata

L’estate è quasi alle porte e ciò significa ritrovarsi più spesso in compagnia e aver voglia di rinfrescarsi; e quale bevanda migliore se non la

vino-cotto-

Vino Cotto

Il vino cotto, tradizione e storia di una ricetta   Mai sentito parlare del vino cotto? Si tratta di un prodotto della tradizione contadina tipico

Cibi del mondo: il sushi

Il sushi è uno dei piatti principali e caratteristici della cucina giapponese; apprezzato da molti e soggetto di interesse per altre popolazioni, il sushi si

storia del pan di spagna

Il Pan di Spagna storia

Il pan di Spagna, storia e ricetta   È una delle otto preparazioni base della pasticceria: parliamo del pan di spagna. Una base soffice e

Salse dal mondo: la senape

La senape è una salsa che spesso accompagna piatti di carne cotta o cruda, ma anche contorni come patate o verdure bollite e raffreddate; può

farfalle con ragu di carne

Ragù tutti i pezzi

Ragù i pezzi di carne utilizzati e la sua storia Immancabile piatto unico della domenica, con il sugo che condimento della pasta e la carne

torta di compleanno fatta in casa

Torte di compleanno fatte in casa

Torta di compleanno fatta in casa: idee Tanti trucchi e idee diverse per la preparazione di una torta di compleanno fatta in casa.  Festeggiare il

La frutta secca

La frutta secca è uno dei cibi più apprezzati, specialmente durante le feste al seguito dei lunghi pranzi e cene che riempiono tavole intere; ma

minipimer frullati

Minipimer a cosa serve

Minipimer cos’è e cosa serve Il minipimer è uno strumento molto usato in cucina per vari scopi e semplicissimo da utilizzare. Si tratta di un

La caramellizzazione

La caramellizzazione è un esempio importante di come il calore sia fondamentale in ambito culinario: per cuocere la carne, riscaldare cibo, preparare la pasta; ma

il-pesce-spada

Il pesce spada

Il pesce spada dove si pesca, come si cucina e quando  Il pesce spada è un pesce di mare di grossa taglia dalla carne rosata.

fermentino

Vermentino, tipologia di vino

Vermentino, storia e zona di produzione Il Vermentino è un vitigno che negli ultimi anni ha visto una progressiva espansione della sua coltivazione in Italia

Hummus e porridge

L’hummus e il porridge sono pietanze già conosciute e cucinate da tempo, ma hanno avuto un boom particolare specialmente negli ultimi due anni. Si tratta

uova-proprietà

Le uova come cucinarle!

Uova che passione tipologie diverse tempi di cottura Le uova sono un alimento base o ingrediente in numerose pietanze preparate in tutto il mondo. Senza

slow-food-marchio

Slow Food, la storia

Storia dello Slow Food  Cos’è Slow Food?  Slow Food è un movimento internazionale che promuove il giusto valore del cibo, associato alle tradizioni e al

logo cingue gusti

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale

* indicates required

Autorizzo Micropedia ad inviarmi newsletter che riguardano il food magazine ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e del GDPR (Regolamento UE 2016/679).

Puoi cancellarti in qualunque momento cliccando il link nel footer delle tue email che riceverai alla casella di posta indicata sul form. Per informazioni sulla nostra privacy policy visita cinquegusti.com

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.