fbpx

Fiori commestibili

fiori-commestibili

 Insalata di fiori commestibili, tipologia

Belli, colorati, profumati e mettono allegria. I fiori commestibili possono essere utilizzati in cucina per decorare e insaporire i vostri piatti, ma soprattutto potrete dare un tocco di allegria ed eleganza con semplicità: l’effetto finale vi stupirà. L’uso più immediato e comune è nella preparazione di insalate e come decorazioni di cocktail e dessert, ma il loro uso non ha limiti, quindi largo alla creatività!

Ovviamente non tutti i fiori possono essere utilizzati in cucina, è necessario come primo passo nella cucina con i fiori, distinguere quindi tra quelli edibili e non. Dopo aver capito con quali fiori potete impreziosire i vostri piatti è importante seguire alcuni accorgimenti e precauzioni.

 Dove trovare fiori commestibili

L’ideale sarebbe mangiare fiori coltivati personalmente, parola d’ordine: sicurezza. E’ certo che i fiori venduti dai fioristi sono trattati chimicamente quindi non adatti a finire in un piatto, né come ingrediente, né come ornamento. Lo stesso discorso vale per i fiori colti nei giardini pubblici è bene evitarli perché probabilmente anch’essi trattati.

Se non avete voglia di coltivarli in casa, non disperate, alcuni supermercati vendono delle vaschette con una selezione di fiori freschi che potete trovare nel reparto di frutta e verdura. Inoltre anche la rete vi viene in aiuto: online ci sono diversi siti che vendono una vasta varietà di fiori commestibili.

Se soffrite di qualche allergia è consigliato un approccio cauto: iniziate a utilizzare i fiori in cucina per gradi, ma in ogni caso accertatevi prima di non avere allergie pre-esistenti a qualche fiore in particolare.

La parte edibile dei fiori sono i petali: bisogna quindi ricordarsi di rimuovi accuratamente pistilli e gambi. Se per necessità di composizione volete tenere i gambi dei fiori, magari per decorare una torta, è consigliato coprirli con della carta stagnola.

Fiori commestibili dal sapore dolce

Citrus – Questi fiori sono dolci e molto profumati, sono i fiori di arancio, limone, pompelmo. Nelle nostre preparazioni è importante non esagerare con le quantità altrimenti copriranno tutti i sapori.

Gelsomino – Conosciuti come ingrediente per aromatizzare il tè, è perfetto anche per la preparazione di biscotti o muffin.

Gerani – Con i petali dei gerani si preparano semifreddi, sorbetti, vini, liquori, ma sono ottimi anche come accompagnamento ai formaggi, ad esempio ricotta e crescenza, anche sotto forma di marmellata.

Ibisco – Lo troviamo spesso nelle nostre tisane, ha un profumo intenso, particolare e dolce. Come il citrus è bene usarlo in modeste quantità.

Rosa – Forse il fiore più utilizzato per preparare dolci e marmellate, sciroppi, liquori e cocktail. Ha un profumo delicato, ma un sapore più deciso. Sono ottimi anche per arricchire insalate e risotti.

Viola – Come la rosa è tra le più conosciute ha un sapore delicato che ricorda la menta. Ideale per gelati, gelatine e confetture, ma anche per insalate e bibite. I petali possono anche essere canditi.

Fiori commestibili dal sapore piccante

Calendula – Un colore intenso che dona eleganza e un gusto piccante e pepato che dona carattere ad ogni vostro piatto. Provatela con pasta, risotti o con zuppe e minestroni.

Crisantemo – Coloratissimi i crisantemi hanno un sapore che va dal piccante al pungente. La loro vastissima varietà di colori e sfumature permettono di creare decorazioni stupende.

Lilla – Utilizzati molto in pasticceria per arrotondare il sapore di creme, yogurt, gelati e crostate i lilla hanno un odore pungente e un aroma agrumato.

Nasturzio – Un fiore dai colori brillanti dal sapore dolciastro e con una punta di peperoncino.

Ravanello – I fiori hanno un distinto sapore pepato che ricorda quello del frutto.

Rucola – I suoi fiori sono piccoli, con un sapore pepato molto più forte delle foglie utilizzate in insalata.

Fiori dalle note acidule

Begonia – I suoi petali dai toni accesi hanno un gusto acidulo che può ricordare il sapore del limone: ottima quindi nella preparazione di gelati, sorbetti e nelle macedonie.

Verbena odorosa –I fiori bianchi hanno sentore di limone meno marcato della begonia. Ottimi per aromatizzare dei biscotti da tè.

Fiori commestibili dal sapore amarognolo

Cicoria – L’amarognolo della cicoria è ancora più accentuato nei petali e boccioli. Messi in salamoia sono ottimi

Dente di leone – Come la pratolina i boccioli di questo fiore si possono mettere sottaceto oppure provate a fare una salsa con i fiori di tarassaco, è un ottimo condimento per la pasta.

Fiori adatti alle preparazioni salate

Fiori di zucca – Molto conosciuti nella tradizione culinaria italiana da fare pastellati, ripieni o per una torta salata, è bene ricordarsi di rimuovere gli stami.

Girasole – I petali sono commestibili nell’insalata daranno colore. Il germoglio può essere cotto a vapore, come un carciofo.

Gladiolo – Dal sapore delicato, possono essere farciti e i petali utilizzati nell’insalata.

Pratolina (o margheritina dei prati) – I boccioli possono essere messi sott’aceto: il loro sapore è simile ai capperi.

Tarassaco – I suoi fiori e le sue foglie possono essere aggiunti ad insalate e risotti, hanno un sapore leggermente amarognolo

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Altri articoli

Guida Michelin

Michelin:la guida

 Michelin la storia della guida E’ stupefacente sapere che la guida Michelin nasce dalla vendita di pneumatici dall’azienda francese la cui mission è la produzione

Bevande estive: la cedrata

L’estate è quasi alle porte e ciò significa ritrovarsi più spesso in compagnia e aver voglia di rinfrescarsi; e quale bevanda migliore se non la

vino-cotto-

Vino Cotto

Il vino cotto, tradizione e storia di una ricetta   Mai sentito parlare del vino cotto? Si tratta di un prodotto della tradizione contadina tipico

Cibi del mondo: il sushi

Il sushi è uno dei piatti principali e caratteristici della cucina giapponese; apprezzato da molti e soggetto di interesse per altre popolazioni, il sushi si

storia del pan di spagna

Il Pan di Spagna storia

Il pan di Spagna, storia e ricetta   È una delle otto preparazioni base della pasticceria: parliamo del pan di spagna. Una base soffice e

Salse dal mondo: la senape

La senape è una salsa che spesso accompagna piatti di carne cotta o cruda, ma anche contorni come patate o verdure bollite e raffreddate; può

farfalle con ragu di carne

Ragù tutti i pezzi

Ragù i pezzi di carne utilizzati e la sua storia Immancabile piatto unico della domenica, con il sugo che condimento della pasta e la carne

torta di compleanno fatta in casa

Torte di compleanno fatte in casa

Torta di compleanno fatta in casa: idee Tanti trucchi e idee diverse per la preparazione di una torta di compleanno fatta in casa.  Festeggiare il

La frutta secca

La frutta secca è uno dei cibi più apprezzati, specialmente durante le feste al seguito dei lunghi pranzi e cene che riempiono tavole intere; ma

minipimer frullati

Minipimer a cosa serve

Minipimer cos’è e cosa serve Il minipimer è uno strumento molto usato in cucina per vari scopi e semplicissimo da utilizzare. Si tratta di un

La caramellizzazione

La caramellizzazione è un esempio importante di come il calore sia fondamentale in ambito culinario: per cuocere la carne, riscaldare cibo, preparare la pasta; ma

il-pesce-spada

Il pesce spada

Il pesce spada dove si pesca, come si cucina e quando  Il pesce spada è un pesce di mare di grossa taglia dalla carne rosata.

fermentino

Vermentino, tipologia di vino

Vermentino, storia e zona di produzione Il Vermentino è un vitigno che negli ultimi anni ha visto una progressiva espansione della sua coltivazione in Italia

Hummus e porridge

L’hummus e il porridge sono pietanze già conosciute e cucinate da tempo, ma hanno avuto un boom particolare specialmente negli ultimi due anni. Si tratta

uova-proprietà

Le uova come cucinarle!

Uova che passione tipologie diverse tempi di cottura Le uova sono un alimento base o ingrediente in numerose pietanze preparate in tutto il mondo. Senza

slow-food-marchio

Slow Food, la storia

Storia dello Slow Food  Cos’è Slow Food?  Slow Food è un movimento internazionale che promuove il giusto valore del cibo, associato alle tradizioni e al

logo cingue gusti

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale

* indicates required

Autorizzo Micropedia ad inviarmi newsletter che riguardano il food magazine ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e del GDPR (Regolamento UE 2016/679).

Puoi cancellarti in qualunque momento cliccando il link nel footer delle tue email che riceverai alla casella di posta indicata sul form. Per informazioni sulla nostra privacy policy visita cinquegusti.com

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.