logo cinque gusti

Come diventare un onnivori etici a tavola

essere onnivori consapevoli a tavola cinque gusti

Essere degli onnivori in modo etico è possibile? Per salvaguardare l’ambiente è davvero necessario diventare vegani?

La produzione alimentare crea una pressione inevitabile sull’ambiente. Le tue scelte alimentari quotidiane possono influenzare notevolmente la sostenibilità generale della tua dieta.

Sebbene le diete vegetariane e vegane tendano ad essere più rispettose dell’ambiente, non tutti vogliono rinunciare del tutto a mangiare carne.

In che modo è possibile dunque continuare a sostenere un regime alimentare onnivoro rispettando l’ambiente? Vediamo insieme le maggiori cause legate alla crisi climatica e all’industria alimentare e cosa possiamo fare nel nostro piccolo per evitare di aggravare la situazione.

Impatto ambientale del cibo

La produzione di cibo porta con sé un inevitabile costo ambientale da non sottovalutare.

La domanda di cibo, energia e acqua continua a crescere con l’aumento della popolazione mondiale, portando a un aumento dello stress sul nostro pianeta.

Uso del suolo agricolo

Uno dei principali fattori modificabili quando si parla di agricoltura è l’uso del suolo.

Con metà della superficie abitabile del mondo ora utilizzata per l’agricoltura, l’uso del suolo gioca un ruolo importante nell’impatto ambientale della produzione alimentare.

Più specificamente, alcuni prodotti agricoli, come il bestiame, l’agnello, il montone e il formaggio, occupano la maggior parte dei terreni agricoli del mondo.

Più terra viene utilizzata per l’agricoltura industriale, più gli habitat selvaggi vengono spostati, sconvolgendo l’ambiente.

Una nota positiva: la tecnologia agricola è migliorata drasticamente nel corso del 20° e del 21° secolo. Questo miglioramento della tecnologia ha aumentato la resa del raccolto per unità di terreno, richiedendo meno terreni agricoli per produrre la stessa quantità di cibo.

Un passo che possiamo compiere verso la creazione di un sistema alimentare sostenibile è evitare la conversione dei terreni forestali in terreni agricoli.

 

Gas serra

Un altro importante impatto ambientale della produzione alimentare sono i gas serra, con la produzione alimentare che rappresenta circa un quarto delle emissioni globali.

I principali gas serra includono anidride carbonica (CO2), metano, protossido di azoto e gas fluorurati.

I gas serra sono uno dei principali presunti fattori responsabili del cambiamento climatico: del 25% a cui contribuisce la produzione alimentare, il bestiame e la pesca rappresentano il 31%, la produzione agricola il 27%, l’uso del suolo il 24% e la filiera il 18%.

Considerando che diversi prodotti agricoli contribuiscono con quantità variabili di gas serra, le tue scelte alimentari possono influenzare notevolmente la tua impronta di carbonio, che è la quantità totale di gas serra causati da un individuo.

 

Uso dell’acqua

Mentre l’acqua può sembrare una risorsa infinita per la maggior parte di noi, molte aree del mondo sperimentano la scarsità d’acqua.

L’agricoltura è responsabile di circa il 70% dell’uso di acqua dolce nel mondo.

Detto questo, diversi prodotti agricoli utilizzano quantità variabili di acqua durante la loro produzione.

I prodotti che consumano più acqua da produrre sono formaggio, noci, pesce d’allevamento e gamberi, seguiti dalle mucche da latte.

Pertanto, pratiche agricole più sostenibili rappresentano una grande opportunità per controllare l’uso dell’acqua.

Alcuni esempi di ciò includono l’uso dell’irrigazione a goccia sugli irrigatori, la cattura dell’acqua piovana per irrigare le colture e la coltivazione di colture resistenti alla siccità.

Deflusso del fertilizzante

L’ultimo grande impatto della produzione alimentare tradizionale che voglio menzionare è il deflusso di fertilizzanti, noto anche come eutrofizzazione.

Quando le colture vengono fertilizzate, c’è la possibilità che i nutrienti in eccesso entrino nell’ambiente circostante e nei corsi d’acqua, il che a sua volta può distruggere gli ecosistemi naturali.

Potresti pensare che l’agricoltura biologica possa essere una soluzione a questo, ma non è necessariamente così.

Sebbene i metodi di agricoltura biologica debbano essere privi di fertilizzanti sintetici e pesticidi , non sono totalmente privi di sostanze chimiche.

Pertanto, il passaggio ai prodotti biologici non risolve del tutto i problemi del deflusso.

Detto questo, è stato dimostrato che i prodotti biologici hanno meno residui di pesticidi rispetto alle loro controparti coltivate in modo convenzionale.

Anche se non puoi modificare direttamente le pratiche di fertilizzazione delle aziende agricole come consumatore, puoi sostenere opzioni più rispettose dell’ambiente, come l’uso di colture di copertura e piantare alberi per gestire il deflusso.

Modi per mangiare in modo più sostenibile

Ecco alcuni modi in cui puoi mangiare in modo più sostenibile, anche quando si tratta di consumo di carne.

  • Prediligere il KM0 conta?

Quando si tratta di ridurre l’impronta di carbonio , mangiare locale è una raccomandazione comune.

Dati recenti mostrano che ciò che si mangia è molto più importante della provenienza, poiché i trasporti rappresentano solo una piccola parte delle emissioni complessive di gas serra di un alimento.

Ciò significa che la scelta di un alimento con emissioni più basse, come il pollame, rispetto a un alimento con emissioni molto più elevate, come la carne bovina, ha un impatto maggiore, indipendentemente dalla provenienza degli alimenti.

Detto questo, una categoria in cui mangiare locale può ridurre la tua impronta di carbonio è quella degli alimenti altamente deperibili, che devono essere trasportati rapidamente a causa della loro breve durata di conservazione.

Spesso, questi alimenti vengono trasportati per via aerea, aumentando significativamente le loro emissioni complessive fino a 50 volte di più rispetto al trasporto via mare.

Questi includono principalmente frutta e verdura fresca, come asparagi, fagiolini, bacche e ananas.

È importante notare che solo una piccola parte delle scorte di cibo viaggia per via aerea, la maggior parte viene trasportata tramite grandi navi o camion via terra.

  • Consumo moderato di carne rossa

Gli alimenti ricchi di proteine, come carne, latticini e uova, costituiscono circa l’83% delle nostre emissioni alimentari.

In termini di impronta di carbonio complessiva, il manzo e l’agnello sono i più alti della lista.

Ciò è dovuto all’ampio uso del suolo, ai requisiti di alimentazione, alla lavorazione e al confezionamento.

Inoltre, le mucche producono metano nelle viscere durante il processo di digestione, contribuendo ulteriormente alla loro impronta di carbonio.

Mentre le carni rosse producono circa 60 kg di CO2 equivalenti per kg di carne, una misura comune delle emissioni di gas serra, gli altri alimenti costituiscono una quantità significativamente inferiore. Ad esempio, l’allevamento di pollame produce 6 kg, il pesce 5 kg e le uova 4,5 kg di CO2 equivalenti per kg di carne.

Pertanto, mangiare meno carne rossa può ridurre significativamente la tua impronta di carbonio.

L’acquisto di carne rossa nutrita con erba da produttori locali sostenibili può ridurre leggermente le emissioni di gas serra, ma i dati mostrano che la diminuzione del consumo di carne rossa, in generale, ha un impatto maggiore.

  • Mangia più proteine ​​vegetali

Un altro modo efficace per promuovere l’essere un onnivoro etico è mangiare più fonti proteiche di origine vegetale .

Alimenti come tofu, fagioli, piselli, quinoa, semi di canapa e noci hanno un’impronta di carbonio significativamente inferiore rispetto alla maggior parte delle proteine ​​animali.

Mentre il contenuto nutrizionale di queste proteine ​​vegetali può differire notevolmente rispetto alle proteine ​​animali, il contenuto proteico può essere abbinato alle porzioni appropriate.

Includere più fonti proteiche di origine vegetale nella tua dieta non significa che devi eliminare completamente gli alimenti di origine animale.

Un modo per ridurre la quantità di proteine ​​animali che mangi è sostituire metà delle proteine ​​in una ricetta con una a base vegetale.

Ad esempio, quando prepari una ricetta tradizionale con il peperoncino, sostituisci metà della carne macinata con le briciole di tofu.

In questo modo otterrai il sapore della carne, ma avrai ridotto la quantità di proteine ​​animali, riducendo a sua volta l’impronta di carbonio di quel dato pasto.

  • Riduci gli sprechi alimentari

L’ultimo aspetto del diventare un onnivoro etico di cui voglio parlare è la riduzione degli sprechi alimentari.

A livello globale, i rifiuti alimentari rappresentano il 6% della produzione di gas serra. Sebbene ciò tenga conto anche delle perdite lungo la catena di approvvigionamento dovute a uno stoccaggio e una manipolazione scadenti, gran parte di questo è cibo buttato via da rivenditori e consumatori.

Alcuni modi pratici per ridurre lo spreco alimentare sono:

  • acquistare frutta e verdura surgelata se non prevedi di usarle entro i prossimi giorni
  • acquistare pesce congelato sottovuoto, poiché il pesce ha una delle durate di conservazione più brevi di tutte le carni
  • utilizzando tutte le parti commestibili di frutta e verdura (es. gambi di broccoli)
  • non acquistare più cibo del necessario per un determinato periodo di tempo
  • controllare le date sugli alimenti deperibili prima dell’acquisto
  • pianificare i pasti per la settimana in modo da sapere esattamente cosa comprare
  • congelare cibi deperibili che non utilizzerai entro un giorno o due
  • organizzare il tuo frigorifero e dispensa in modo da sapere cosa hai
  • fare il brodo con le ossa e le verdure avanzate
  • diventa creativo con le ricette per consumare vari cibi che hai seduto intorno
digital food libro di marco ilardi
Leggi Digital food il nuovo libro di Marco Ilardi
come diventare cuoco professionista
Cerchi lavoro in cucina? Scopri le offerte lavorative per cuochi
ricetta carbonara cannavacciuolo marco ilardi e lino d' Angiò
Vi presentiamo Giovannino Caccavacciuolo e la sua ricetta segreta della carbonara guarda la videoricetta dello chef
libro marco ilardi
Digital Food il libro di Marco Ilardi
Contenuti riservati a Cinque gusti