logo cinque gusti

Non solo Kebab: tutto ciò che c’è da sapere sulla cucina turca

cucina turca cinque gusti food magazine

Come il mosaico culturale del paese, il cibo della Turchia è molto colorato e contiene innumerevoli influenze e gusti diversi. La cucina turca ha continuato ad evolversi nel corso dei secoli, traendo influenza dalla sua ricca storia di terre che hanno ospitato: dall’impero bizantino fino a quello ottomano.

I gusti specifici nelle diverse regioni della Turchia contribuiscono alla complessità della cucina del paese. La disponibilità di diversi cibi turchi in alcune regioni ha anche contribuito a plasmare gli alimenti comuni a quella particolare area.

Istanbul ha sempre attratto un gran numero di migranti da altre parti della Turchia che si sono trasferiti in città in cerca di lavoro. Per questo motivo, Istanbul è diventata il cuore culturale della Turchia, condividendo i più deliziosi cibi turchi di ogni regione nella sua cucina unica.

 

Usanze alimentari in Turchia

I turchi ottomani consumavano due pasti al giorno. Il primo pasto, che mangiavano tra mattina e mezzogiorno, era più simile al brunch. Consumavano il secondo pasto della giornata tra il tardo pomeriggio e la sera: questo consisteva in piatti di carne serviti con accompagnamenti di verdure e legumi come melanzane ripiene o bulgur pilaf con verdure.

In Turchia, oggigiorno, la maggior parte delle famiglie consuma 3 pasti al giorno.

Le colazioni nei giorni feriali sono semplici e veloci, ma le colazioni del fine settimana in cui la famiglia si riunisce sono grandi e consistono in una varietà di cibi diversi.

Le cene sono solitamente più elaborate e ricche perché è l’unica volta in cui i membri della famiglia hanno lavorato nei campi o in un altro lavoro tutto il giorno tornano a casa insieme.

In Turchia, c’è un altro pasto non ufficiale chiamato yatsilik che viene consumato dopo cena intorno alle 21:00 o alle 22:00. Noci, frutta secca e fresca vengono solitamente servite con tè nero turco. Alcuni degli alimenti più comuni serviti per lo yatsilik sono frutta fresca di stagione, prugne secche, fichi, polpa di frutta secca (uva, albicocca o gelso), noci, pistacchi, mandorle, ceci tostati, semi di zucca tostati, semi di girasole, noci e nocciole.

 

Ingredienti chiave della cucina turca

  • Ortaggi: gombo, pisello, peperoni verdi, pomodoro, malva, carciofo, carota, cetriolo, cicoria, spinaci, zucchine, cavolfiore, sedano, asparagi, cavolo cappuccio, funghi, prezzemolo, lattuga, patate, barbabietole, melanzane, porri, rucola, aglio, portulaca, cipolla, ravanello.
  • Legumi: fave, fagioli, ceci, lenticchie.
  • Carni: agnello, manzo, pollo, pesce.
  • Spezie: rosmarino, peperoncino, semi di nigella, timo, cumino, menta, cannella, coriandolo, curcuma, sommacco, pepe nero, chiodi di garofano, semi di papavero, zafferano, semi di sesamo.
  • Frutta a guscio: pistacchi, castagne, mandorle, nocciole, noci.
  • Cereali: riso, bulgur.
  • Oli: olio di semi di girasole, olio di oliva, olio di nocciola.

 

Il paesaggio vivace e colorato della Turchia significa che i frutti sono numerosi, abbondanti ed economici. Arance, mandarini, prugne, albicocche, melograni, pere, mele, uva e fichi sono i frutti più popolari utilizzati nella cucina turca. La frutta fresca viene solitamente consumata dopo cena come dessert, ma ci sono anche alcuni piatti turchi che utilizzano frutta di stagione.

Il sapore dolce-salato di questi piatti, solitamente aromatizzati con frutta acida come la prugna e la mela cotogna, affonda le sue radici nell’era ottomana. Ecco alcuni dei piatti turchi fruttati più famosi:

 

  • Ayva Dolması: Piatto di mele cotogne ripiene. La mela cotogna viene solitamente farcita con lo stesso ripieno del piatto.
  • Çağla Aşı: piatto di mandorle fresche acerbe. Un piatto da festa a base di agnello, mandorla fresca, yogurt e aglio.
  • Yeni Dünya Kebabı: frutti di nespolo ripieni di carne di agnello.

 

Il pane è un’altra parte indispensabile di ogni pasto turco. Rimane la componente più importante di ogni pasto: senza pane al tuo pasto turco mancherà quel qualcosa di speciale.

La Turchia ha il più alto consumo di pane pro capite al mondo. Il consumo di pane all’anno è di 199,6 kg a persona. I turchi mangiano più di tre volte il proprio peso corporeo nel pane ogni anno.

Alcuni tipi di pane più comuni in Turchia sono:

  • Bazlama Ekmek: è un tipo di pane lievitato dalla forma circolare e regolare.
  • Yufka Ekmek: si mangia in Anatolia da più di mille anni, è generalmente composto da farina di frumento, acqua e sale. Se essiccato, questo tipo di pane tondo può durare a lungo (6-12 mesi). La yufka fresca è spesso usata come ingrediente principale in prodotti come frittelle e börek.
  • Misir Ekmegi: il pane di mais, ricco di sostanze nutritive, è uno dei tipi di pane che si trova nella regione orientale del Mar Nero.
  • Pide: il pane pide o pita è un tipo di focaccia comune nella cucina turca e mediorientale.
  • Lave: il pane di lava è fatto di acqua, farina e sale. È un pane più denso della yufka ma più sottile della pide.
  • Somun Ekmek: uno dei tipi di pane più consumati e si trova quasi ovunque.

 

Cibo tradizionale turco

La cucina turca offre un’ampia varietà di cibi, inclusi cereali, pasticcini, verdure ed erbe aromatiche miste a carne. Ci sono anche molte zuppe e altri cibi tradizionali turchi che incorporano burro, olio di girasole e olio d’oliva come ingrediente.

La Turchia ha un menu ricco e diversificato di zuppe che non è secondo a nessuno al mondo e può essere uno dei pochissimi paesi in cui è possibile gustare ottime zuppe anche a colazione.

Il riso è ampiamente utilizzato nella cucina turca. È presente in molti dei piatti ripieni di carne e verdure, oltre ad essere servito come pilaf.

I pilaf in Turchia vengono solitamente cucinati al naturale solo con burro, ma ci sono anche quei piatti di riso esotici aromatizzati con spezie, noci e frutta, altri a base di carne, pesce e verdure, sono conosciuti come sultan pilavı. I pilaf sono solitamente serviti come accompagnamento al piatto principale di carne o pesce, ma alcuni pilaf più sostanziosi, come yufkalı pilav e safranlı midyeli pilav possono essere serviti con un’insalata per preparare un pasto completo.

La preparazione del pilaf è un’arte oggi in Turchia come lo era nella cucina del sultano in epoca ottomana.

La Turchia non è estranea alla cucina vegetariana e a base di verdure. La cultura culinaria del paese utilizza spesso verdure.

Le regioni dell’Egeo e del Mediterraneo sono famose per il loro clima caldo e soleggiato che consente la coltivazione di ortaggi tutto l’anno. Alcune delle verdure più comuni coltivate e consumate in Turchia sono zucchine, melanzane, cavolfiori, peperoni, fagiolini, spinaci, carciofi, carote e sedano.

Dai deliziosi piatti di pollo al manzo e all’agnello, la cucina turca è sicuramente il paradiso dei carnivori. Anche i metodi di cottura della carne sono vari: dagli arrosti cucinati in salse speziate fino agli stufati con verdure e agli spiedini grigliati su carboni a combustione lenta.

Cucinare la carne di agnello con bulgur, (grano spezzato) e legumi è anche un modo comune di preparare i pasti principali in Turchia.

L’agnello era la carne più popolare nella cucina ottomana. La carne di manzo veniva utilizzata solo per fare salsicce e carne secca (pastirma). Nella cucina turca odierna, oltre all’agnello, si usano in abbondanza anche carne di manzo e pollo.

 

Il kebab nella cucina turca

In Turchia, il kebab si cuoce su spiedini a fuoco vivo ma si può anche preparare in pentole asciutte senza acqua. Gli spiedini in pentola sono un modo casalingo più comune per preparare la pietanza. I kebab allo spiedo venivano spesso consumati nei ristoranti, ma sono anche il piatto per eccellenza per qualsiasi picnic in famiglia.

 

Parole da sapere prima di cominciare a mangiare in Turchia

Prima di mangiare il cibo in Turchia è normale che lo chef e gli altri a tavola si augurino a vicenda “afiyet olsun”, che è essenzialmente la stessa cosa degli italiani che dicono “buon appetito”.

A complemento dello chef, i commensali a tavola diranno anche ‘elinize saglik’, che letteralmente significa ‘salute alle tue mani’ ma è interpretato come un segno di tenerezza o ‘molto delizioso, ben fatto’.

Infine, prima di bere, tutti urleranno ‘serefe’, che significa applausi.

come diventare cuoco professionista
Cerchi lavoro in cucina? Scopri le offerte lavorative per cuochi
ricetta carbonara cannavacciuolo marco ilardi e lino d' Angiò
Vi presentiamo Giovannino Caccavacciuolo e la sua ricetta segreta della carbonara guarda la videoricetta dello chef