logo cinque gusti

Cocktail: 3 consigli per abbinarli alla tua cena

Il cocktail è una bevanda ottenuta dalla miscela di diversi ingredienti alcolici, analcolici e spezie.

La sua parola viene utilizzata e registrata per la prima volta nel 1800 negli Stati Uniti e indicava il cocktail come bevanda stimolante composta da diverse sostanze alcoliche.

 

Tipologie di cocktail

I cocktail vengono divisi in categorie in base al momento in cui è meglio berli:

  • I pre dinner, serviti come aperitivi, stimolano la salivazione e l’appetito e l’aroma comune prevalente è amaro.
  • Gli after dinner, possono accompagnare dolci e dessert o fungere da digestivi e solitamente in essi c’è la presenza di liquori o componenti alcoliche molto decise.
  • Any time, è la categoria più diffusa perché comprende la maggior parte dei cocktail esistenti, hanno come nota comune i sapori freschi e spesso anche fruttati, quindi molto dissetanti. Ha più componenti analcoliche che alcoliche.

Un’altra categoria di cocktail è decisa in base alla tecnica di miscelazione.

  • Cocktail liquidi, lo stato classico in cui solitamente si presentano i cocktail.
  • Cocktail cremosi, quando c’è presenza di latte gelato o alimenti come il pomodoro.
  • Frozen cocktail, quando preparati frullandoli con ghiaccio.

I cocktail vengono anche classificati in base al bicchiere in cui vengono serviti:

  • Shot, serviti in bicchieri molto piccoli da cicchetto.
  • Short drink, se serviti in coppette.
  • Medium drink, se serviti in tumbler bassi.
  • Long drink, se serviti in tumbler medio-alti, solitamente sono quelli che hanno più costituenti analcolici che alcolici.

 

Perché scegliere un cocktail a cena

Solitamente i cocktail accompagnano piccoli aperitivi con le classiche stuzzicherie: frutta secca, patatine di ogni genere, tarallini e a volte anche stuzzichini a base di pane farcito; altre volte si bevono semplicemente mentre si sta facendo una passeggiata in centro in compagnia di amici.

Ma i cocktail possono anche accompagnare vere e proprie portate e se scelti bene si possono creare delle combinazioni saporite e per nulla pesanti; per di più bere un cocktail accompagnato da un buon pasto non lo rende per nulla pesante, né alla lunga stucchevole.

 

3 abbinamenti di cocktail da accompagnare alla tua cena

Eccoci al pezzo forte: ora vi darò qualche dritta su quale cocktail scegliere in base alla vostra cena.

  • Se la vostra cena è composta per lo più da verdure fresche o da formaggi, consigliatissimo è il Bloody Mary, un cocktail a base di vodka, succo di pomodoro e di limone, condito con sale e pepe. Insomma, forte ma fresco come la tua cena.
  • Il Daiquiri è un cocktail freschissimo a base di rum, succo di lime e zucchero, una versione senza menta del famosissimo Mojito; questo drink può accompagnare primi a base di pesce, secondi a base di crostacei (gamberoni e scampi), l’ideale per una cena tra amici.
  • Per chiudere in bellezza, con un dolce o dessert, molto indicato è il Manhattan, specialmente se la portata finale è a base di cioccolato o a base di agrumi.

>>> La dieta olistica di Emanuela Caorsi

come diventare cuoco professionista
Cerchi lavoro in cucina? Scopri le offerte lavorative per cuochi
ricetta carbonara cannavacciuolo marco ilardi e lino d' Angiò
Vi presentiamo Giovannino Caccavacciuolo e la sua ricetta segreta della carbonara guarda la videoricetta dello chef