logo cinque gusti

Direttore Marco Ilardi

Agricoltura e impatto ambientale in India

agricoltura e impatto ambientale in india cinque gusti food magazine

Il cambiamento climatico in India sta esacerbando la perdita di seminativi, poiché le temperature aumentano e le precipitazioni diventano più irregolari.

Descritta dall’agenzia delle Nazioni Unite per la desertificazione come una delle maggiori minacce per la società umana, si stima che oltre il 40% della terra del mondo sia già degradata.

Secondo le stime delle Nazioni Unite, circa 1,9 miliardi di ettari di terra, più del doppio degli Stati Uniti, e circa 1,5 miliardi di persone nel mondo sono in qualche modo colpiti dalla desertificazione.

Ora quello che sta succedendo è che le precipitazioni possono verificarsi in qualsiasi stagione, gli agricoltori non sono in grado di prevederlo e molte volte perdono i raccolti.

L’India è sempre stata una terra arida, ma le persone potevano prevedere le precipitazioni e potevano coltivare di conseguenza.

Temperature più calde significano anche che l’acqua evapora più rapidamente, lasciandone meno nel terreno per i raccolti assetati.

 

Aiutare gli agricoltori a ripristinare la terra

L’organizzazione no-profit di Malla Reddy, fondatore agricoltura naturale senza scopo di lucro, lavora con oltre 60.000 agricoltori su 300.000 acri di terra, supportando i singoli agricoltori per ripristinare la terra improduttiva nel distretto Anantapur.

La maggior parte degli agricoltori indiani fa affidamento sull’agricoltura piovana, con circa 70 milioni di ettari – circa la metà di tutta la terra coltivata in India – dipendenti dagli acquazzoni. Queste terre sono anche quelle più soggette a metodi agricoli poveri, come l’uso eccessivo di fertilizzanti chimici, l’aratura eccessiva e la monocoltura – la pratica di piantare un solo raccolto ogni anno.

Reddy, il direttore del Centro Ecologico Accion Fraterna, e gli agricoltori che la sua organizzazione sostiene, utilizzano metodi noti come agricoltura naturale e agroforestazione per evitare il degrado della terra.

L’agricoltura naturale sostituisce tutti i fertilizzanti chimici e i pesticidi con materia organica come sterco di vacca, urina di vacca e jaggery, un tipo di zucchero fondente solido a base di canna da zucchero, per aumentare i livelli di nutrienti nel suolo . L’agroforestazione prevede la piantumazione di piante perenni legnose, alberi, arbusti e palme insieme a colture agricole.

E mentre la maggior parte degli altri agricoltori della regione coltiva arachidi o risaia utilizzando fertilizzanti chimici, gli agricoltori naturali coltivano un’ampia varietà di colture. Il raccolto multiplo assicura che i nutrienti del suolo vengano periodicamente ripristinati, invece di prevedere una semina distinta nelle stagioni di raccolta.

Per altri agricoltori della zona, gran parte della terra sta diventando inutilizzabile per la coltivazione a causa dell’uso estensivo di fertilizzanti chimici, pesticidi e diserbanti.

 

Finanziamenti necessari per l’adattamento climatico

Affinché sforzi come quelli di Reddy abbiano un impatto nazionale, gli esperti affermano che queste iniziative debbano essere implementate su scala più ampia.

La desertificazione è una delle maggiori sfide che l’India deve affrontare, questo è ciò che afferma NH Ravindranath, che ha collaborato alla stesura di numerosi rapporti sul clima delle Nazioni Unite e ha svolto ricerche sulla desertificazione nel paese negli ultimi due decenni. Perciò, sebbene il lavoro di ripristino della terra ad Anantapur sia lodevole, l’aumento di scala è la vera sfida.

“Abbiamo bisogno di seri finanziamenti per l’adattamento climatico e politiche governative che ne incoraggino il ripristino. Queste sono le uniche cose che avranno questo impatto su larga scala”, ha aggiunto.

Circa il 70% di tutta la terra del mondo è già stata convertita dall’uomo dal suo stato naturale per la produzione alimentare e altri scopi e circa uno su cinque di quegli ettari convertiti è già degradato, ha affermato Barron Joseph Orr, scienziato capo della Convenzione delle Nazioni Unite per Combattere la desertificazione.

 

digital food libro di marco ilardi
Leggi Digital food il nuovo libro di Marco Ilardi
come diventare cuoco professionista
Cerchi lavoro in cucina? Scopri le offerte lavorative per cuochi
ricetta carbonara cannavacciuolo marco ilardi e lino d' Angiò
Vi presentiamo Giovannino Caccavacciuolo e la sua ricetta segreta della carbonara guarda la videoricetta dello chef
libro marco ilardi
Digital Food il libro di Marco Ilardi
wine nft app mobile lista vini metaverso
Wine NFT la lista dei vini nel metaverso
Contenuti riservati a Cinque gusti