fbpx

Massimo Bottura: chef stellato dallo spirito emiliano

Lo chef stellato Massimo Bottura nasce a Modena ma oggi è un vero e proprio emblema della cucina italiana gourmet nel mondo.

Ed è proprio dalla sua terra che comincia il viaggio della gastronomia dello chef Bottura: un viaggio fatto di tradizione, sapori, genuinità e cura della produzione locale.

Sono i successivi viaggi in giro per il mondo ad aprirgli la mente e fargli scoprire le infinite sfumature dei sapori in cucina.

A 33 anni apre l’ormai famosissima Osteria Francescana con la quale raggiunge 3 stelle Michelin (che nel 2021 diventano quattro).

 

La mission dello chef Bottura

Difficilmente potrete confondervi, andando sul sito ufficiale dello chef Massimo Bottura la cucina parla una sola lingua: quella italiana (con tutte le annesse influenze e le nuove tecnologie degli studi intrapresi negli anni dallo chef in giro per il mondo).

La sua “missione” è far scoprire l’Italia in un boccone al resto del mondo. Ecco perché invita i suoi commensali a viaggiare per l’Italia con lui.

 

Quella dello chef Bottura è un’arte in tutti i sensi. Famosissimi ormai in tutto il mondo i suoi piatti dedicati ai più grandi dipinti e alle fotografie che hanno segnato ogni epoca.

 

E proprio come i più grandi artisti, inizialmente anche l’arte di Bottura lo renderà incompreso a molti. Eppure, le soddisfazioni non tarderanno ugualmente ad arrivare grazie alla sua passione, la grandissima pazienza e perseveranza che caratterizza il suo percorso.

 

Lo chef rivoluzionario

Se penso a Massimo Bottura, non posso che immaginarmi le immense rivoluzioni che ha portato nel campo della gastronomia italiana. Più che una scelta, il suo è stato un vero e proprio rischio: introdurre la cucina molecolare nella tradizione dei piatti tradizionali italiani.

La perplessità iniziale è stata tanta, eppure mai ci fu azzardo più azzeccato. Dal momento in cui lo chef Bottura introdusse la cucina molecolare creando una vera e propria fusion con la tradizione dei piatti italiani, la sua crescita è diventata inarrestabile. Di lì a poco la fama è stata inevitabile.

Queste scelte gli hanno portato non pochi problemi. Nel tempo, a causa di alcune indiscrezione sugli additivi chimici utilizzati per le tecniche di gastronomia molecolare, l’hanno visto a stretto contatto con i Nas.

Nonostante tutto, la fama di Bottura non è crollata e la sua arte, seppur spesso incompresa, ha continuato a incuriosire e conquistare migliaia di palati in giro per il mondo.

Nel 2016 l’Osteria Francescana viene premiata come il miglior ristorante al mondo secondo l’elenco americano dei “The world’s 50 best restaurants awards” e nello stesso anno conquista anche il premio di Gambero Rosso come “miglior ristorante d’Italia”.

Il 2016 risulta essere la miglior annata per lo chef Massimo Bottura, che con l’Osteria Francescana conquista anche il primo premio (con 20 punti su 20) della Guida L’Espresso Ristoranti.

 

Per lo chef stellato Massimo Bottura, i punti più importanti nel suo lavoro e per il raggiungimento del suo successo sono e sono stati:

  • Il team con cui condividere il sogno
  • Le radici da non dimenticare ma da contaminare con il nuovo
  • La capacità di introiettare la tradizione in modo critico.

 

L’investitura dell’indipendenza

Tutto si può dire, tranne che l’ascesa dello chef Bottura sia stata semplice. Gioie ma anche tanti dolori hanno caratterizzato il suo percorso. Soprattutto il rapporto sempre conflittuale con il padre, che l’avrebbe voluto erede della sua azienda petrolifera, realizzato in un progetto concreto. Perché la cucina ai suoi occhi era un sogno di gioventù con il quale non era possibile vivere.

Ed è molto toccante il modo in cui è lo stesso chef a parlare di un episodio in particolare, nel quale il padre gli strappò tutti gli appunti presi durante il viaggio a Montecarlo per apprendere le tecniche e i sapori della cucina francese.

Paradossalmente, quell’evento segnò Massimo in un modo inaspettato: gli permise di capire che l’apprendimento della cucina nel mondo era indispensabile per la sua attività come cuoco, ma che non avrebbe dovuto influenzare in alcun modo le scelte di quella che sarebbe stata la sua cucina.

Quell’atto di “distruzione”, aveva invece costruito una convinzione salda che dopo anni, ancora oggi, lo chef si porta dietro con grande orgoglio: un cuoco deve saper essere indipendente. Imparare ciò che c’è da imparare da chi ha fatto prima di lui e poi prendere il volo verso la propria dimensione gastronomica. Lo studio e gli appunti di viaggio devono rappresentare il mezzo tramite cui costruire qualcosa di proprio, non una palla al piede che rischia di confinare la propria visione della cucina.

E mi permetto di dire che lo chef Bottura ha ragione da vendere.

Il vero artista è colui che, una volta imparate regole e tecniche del mestiere, è capace di saperle infrangere.

 

Viva l’arte.

 

>>> Antonino Cannavacciuolo: chef verace

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Altri articoli

Guida Michelin

Michelin:la guida

 Michelin la storia della guida E’ stupefacente sapere che la guida Michelin nasce dalla vendita di pneumatici dall’azienda francese la cui mission è la produzione

Bevande estive: la cedrata

L’estate è quasi alle porte e ciò significa ritrovarsi più spesso in compagnia e aver voglia di rinfrescarsi; e quale bevanda migliore se non la

vino-cotto-

Vino Cotto

Il vino cotto, tradizione e storia di una ricetta   Mai sentito parlare del vino cotto? Si tratta di un prodotto della tradizione contadina tipico

Cibi del mondo: il sushi

Il sushi è uno dei piatti principali e caratteristici della cucina giapponese; apprezzato da molti e soggetto di interesse per altre popolazioni, il sushi si

storia del pan di spagna

Il Pan di Spagna storia

Il pan di Spagna, storia e ricetta   È una delle otto preparazioni base della pasticceria: parliamo del pan di spagna. Una base soffice e

Salse dal mondo: la senape

La senape è una salsa che spesso accompagna piatti di carne cotta o cruda, ma anche contorni come patate o verdure bollite e raffreddate; può

farfalle con ragu di carne

Ragù tutti i pezzi

Ragù i pezzi di carne utilizzati e la sua storia Immancabile piatto unico della domenica, con il sugo che condimento della pasta e la carne

torta di compleanno fatta in casa

Torte di compleanno fatte in casa

Torta di compleanno fatta in casa: idee Tanti trucchi e idee diverse per la preparazione di una torta di compleanno fatta in casa.  Festeggiare il

La frutta secca

La frutta secca è uno dei cibi più apprezzati, specialmente durante le feste al seguito dei lunghi pranzi e cene che riempiono tavole intere; ma

minipimer frullati

Minipimer a cosa serve

Minipimer cos’è e cosa serve Il minipimer è uno strumento molto usato in cucina per vari scopi e semplicissimo da utilizzare. Si tratta di un

La caramellizzazione

La caramellizzazione è un esempio importante di come il calore sia fondamentale in ambito culinario: per cuocere la carne, riscaldare cibo, preparare la pasta; ma

il-pesce-spada

Il pesce spada

Il pesce spada dove si pesca, come si cucina e quando  Il pesce spada è un pesce di mare di grossa taglia dalla carne rosata.

fermentino

Vermentino, tipologia di vino

Vermentino, storia e zona di produzione Il Vermentino è un vitigno che negli ultimi anni ha visto una progressiva espansione della sua coltivazione in Italia

Hummus e porridge

L’hummus e il porridge sono pietanze già conosciute e cucinate da tempo, ma hanno avuto un boom particolare specialmente negli ultimi due anni. Si tratta

uova-proprietà

Le uova come cucinarle!

Uova che passione tipologie diverse tempi di cottura Le uova sono un alimento base o ingrediente in numerose pietanze preparate in tutto il mondo. Senza

slow-food-marchio

Slow Food, la storia

Storia dello Slow Food  Cos’è Slow Food?  Slow Food è un movimento internazionale che promuove il giusto valore del cibo, associato alle tradizioni e al

logo cingue gusti

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale

* indicates required

Autorizzo Micropedia ad inviarmi newsletter che riguardano il food magazine ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e del GDPR (Regolamento UE 2016/679).

Puoi cancellarti in qualunque momento cliccando il link nel footer delle tue email che riceverai alla casella di posta indicata sul form. Per informazioni sulla nostra privacy policy visita cinquegusti.com

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.