logo cinque gusti

Birra VS Vino

Birra e vino sono tra le bevande alcoliche preferite tra giovani e non: che sia per accompagnare pasti, da bere durante un aperitivo o semplicemente nei momenti di relax, sul divano o durante un picnic.

 

Cenni storici e produzione

La birra è una delle primissime bevande alcoliche, se non la più antica: le sue prime produzioni risalgono al settimo millennio a.C. nelle zone dell’antico Egitto e della Mesopotamia, dove aveva funzioni mediche e propiziatorie.

La birra è frutto di un processo di fermentazione del mosto a base di malto d’orzo (orzo germinato ed essiccato) e aromatizzato successivamente con il luppolo.

Il vino invece è una bevanda alcolica leggermente più giovane rispetto alla birra: le prime fonti scritte datano la produzione di vino al quarto millennio a.C. in Asia.

Anche il vino, per essere prodotto, passa per una fase di fermentazione totale o parziale dell’uva o del mosto.

 

Tipologie di vino e birra

Esistono varie classi e sottoclassi di vino decretate dalla vinificazione e dalle proprietà organolettiche: le classi principali sono i vini ordinari e i vini speciali, che si dividono in ulteriori classi.

Tra i vini ordinari troviamo:

  • Vino fermo, che non presenta effervescenza.
  • Vino effervescente, come spumanti e e vini frizzanti.
  • Vino bianco, prodotto dagli acini di uva bianca.
  • Vino rosato, la cui produzione è abbastanza veloce ed è proprio ciò a conferire un colore più chiaro al vino.
  • Vino rosso, il cui colore va dal porpora al rubino fino ad arrivare all’aranciato.
  • Vino barricato, che viene lasciato invecchiare in botti di legno di rovere, di robinia e ciliegio.

Tra i vini speciali troviamo invece:

  • Vino spumante, a cui vengono aggiunti lieviti e zuccheri dopo la vinificazione per creare una rifermentazione che spesso avviene stesso nella bottiglia.
  • Vino liquorosi e aromatizzati.

 

Le tipologie di birra invece sono nettamente meno rispetto a quelle del vino e tra le più importanti ne fanno capolino tre:

  • Ale, seguono un processo di alta fermentazione e prevede temperature molto alte.
  • Lager, il processo di fermentazione è basso e prevede temperature basse.
  • Lambic, tipiche del Belgio, seguono una fermentazione spontanea.

>>> Cos’è il vino naturale?

 

Differenze tra vino e birra

Da sempre il principale interrogativo è quale tra le due sia la bevanda migliore, ma sembra scontato dire che è una cosa che va più che altro in base ad una preferenza personale. Ma voglio comunque riportarvi qualche differenza che corre tra queste due gustosissime bevande.

  • Il vino è scelto per lo più in occasioni formali, mentre la birra ha standard leggermente più bassi, tanto da essere considerata la bevanda per le masse.
  • La birra è più “dietetica” rispetto al vino, in quanto ha un apporto calorico molto più basso.
  • Il vino ha un effetto gonfiante minore se non quasi nullo rispetto alla birra che contiene tantissimi carboidrati.

Un punto comune sono i benefici che queste due bevande possono dare all’organismo: entrambe proteggono dalle malattie cardiovascolari e hanno un effetto antiossidante. La birra dalla sua ha anche effetti digestivi e depurativi molto importanti.

 

A quali piatti abbinare birra e vino?

Adesso arriva il punto cruciale, come abbinare questi due alcolici ai nostri pasti? Ecco qualche dritta.

La birra si può accompagnare a:

  • Sandwich, tramezzini, panini farciti con carni.
  • Formaggi ad alta e bassa stagionatura.
  • Insaccati grassi.
  • Carni rosse, arrosti e stufati.
  • Primi piatti a base di verdure
  • Carni di maiale o pesce alla griglia.

 

Per quanto riguarda il vino:

  • Taglieri di salumi e formaggi.
  • Carni molto grasse a saporite.
  • Primi e secondi a base di pesce.
  • Con cibi speziati.
  • Carni bianche come quella di pollo.
  • Sughi abbastanza strutturati come il ragù.
come diventare cuoco professionista
Cerchi lavoro in cucina? Scopri le offerte lavorative per cuochi
ricetta carbonara cannavacciuolo marco ilardi e lino d' Angiò
Vi presentiamo Giovannino Caccavacciuolo e la sua ricetta segreta della carbonara guarda la videoricetta dello chef